Pesci difficili [87]

5lireQuesta è una fiaba per i bambini, basata su di una storiella che viene sempre raccontata a Venezia. A me, l’ha raccontata mio nonno quando ero bambino.

A Venezia non è necessaria la licenza per pescare. Questo è vero non solo per Venezia ma per tutte le coste italiane. Solo nei fiumi e nelle altre acque interne, come ad esempio i laghi, viene richiesta la licenza di pesca.

I pescatori sono quindi moltissimi perché non serve alcuna licenza. Tuttavia i pescatori dilettanti vanno quando il pesce non si può trovare per il semplice motivo che l’ora e le condizioni del tempo sono sbagliate.

Per pescare bene, infatti, bisogna andare quando l’acqua è fredda, alle primissime ore del mattino o a tarda sera: tuttavia, queste condizioni e questi orari sarebbero troppo scomodi e si preferisce andare quando c’è un bel sole e il pesce non si fa vedere, tanto si va per passatempo e per prendere un poco di sole.

Fiaba:

In Riva dei Sette Martiri a Venezia c’erano forse due cento mila pescatori (ai bambini piacciono le esagerazioni, le iperboli, i superlativi assoluti, i records da Guinness) tutti dotati delle attrezzature più sofisticate e che avevano fatto la fortuna dei negozi che vendevano le attrezzature. Tutti col loro seggiolino, tutti col loro cappello di paglia, alcuni con gli occhiali da sole per ripararsi dal riverbero delle onde della laguna ed alcuni senza occhiali, altrimenti ‘no se vede el pésse quando che’l tàca.’ [non si vede il pesce quando abbocca]

Al che, il pescatore con gli occhiali, scafato, risponde: ‘bràvo, mèrlo: ti gà da sentìrlo co la màn, co’l tìra, ànca coi oci sarài, sinò cóme ti faréssi de nòte…’ [bravo merlo: lo devi sentire con la mano, quando tira, anche con gli occhi chiusi, altrimenti come faresti di notte…]

de nòte starò a dormìr, no! Mi, no go mìga copà nissùni… no so mìga condanà!’ [di notte, staró a dormire, non ti pare! Io, non ho mica ucciso nessuno… non sono mica condannato!]

Gnànca mi no go mai copà nissuni, ma co ti senti ‘sti pùlpitigò capìo: no ti xe né condanà, né pescaór, ti vién qua sol che pa’ scaturìr el pésse… sté casa, fiói, sté casa a ténderghe al pagión…’ [Nemmeno io ho mai ucciso qualcuno, ma quando senti i discorsi che vengono da certi pulpiti (potrebbe venirti la voglia)… ho capito: non sei né condannato, né pescatore, vieni qua solo per infastidire il pesce… state a casa, ragazzi, state a casa a far la guardia al pagliericcio…]

Nota bene (da non inserire nella fiaba): far la guardia al pagliericcio significa controllare che la moglie non abbia comportamenti disdicevoli…

Riprende la fiaba:

Di tutte le migliaia di pescatori, solo uno, Marietto, detto càna bóna [ottima canna da pesca] prendeva quintali (esagerazione per i bimbi) di pesce e gli altri prendevano quasi niente.

A parte Mariéto càna bóna, cosa mettevano gli altri sull’amo? Vermetti, lumachine, pescetti piccolissimi, mollica di pane, alghe, pezzettini di polpa di granchio, pezzettini piccolissimi di cefalopodi, cioè seppie, polpi, totani o calamari, pezzettini di sardine, il boccone speciale A comprato nel negozio B che costava un occhio alla scatoletta, la mosca finta e colorata C comperata nel negozio per pescatori D e che costava l’altro occhio, il cucchiaino F appena arrivato dal Giappone, garantito! che costava come una Ferrari ma i pesci non sapevano che era garantito e quindi non abboccavano… niente da fare.

A questo punto, i tre o quattro pescatori più agguerriti si consultarono e decisero di fare l’unica cosa che un pescatore rispettabile non dovrebbe mai fare, pena la perdita di ogni reputazione, di ogni dignità ed anche di ogni rispetto di se stesso. Insomma, andarono a chiedere a Mariéto càna bóna come diavolo facesse a prendere quintali di pesce.

Ciao Marièto, savémo tùti che ti xe el mègio, par gnénte ti xe ciamà càna bóna ma i péssi incuó par che i vègna da ti par dispèto: dine calcòssa, dàne un aiutìn che se godémo un poco ‘nca nuiàltri…’ [Ciao Marietto, sappiamo tutti che sei il migliore, per niente sei chiamato canna buona ma i pesci oggi sembra che vengano da te per dispetto: dicci qualcosa, dacci un aiutino, sì che ci divertiamo un poco anche noi…]

Marietto (con sussiego e con aria annoiata): ‘Anca mi łe gò provàe tùte, tùte e co digo tùte vògio dir tùte… ma gnénte, ‘ste carògne, no i vol tacàr, no i vol tacàr prego Dio morìr… e ‘łora, domenega pasàda gò vùo na idèa che ve la dìgo se giuré sui vòstri mòrti de no parlàr co nessùn, co nessùn, sinò restémo sénsa pésse nuiàltri…’ [Anch’io le ho provate tutte, tutte e quando dico tutte voglio dire tutte… ma niente, queste carogne, non vogliono abboccare, non vogliono abboccare nemmeno se pregassi Dio di morire… e allora, domenica passata ho avuto un’idea che ve la dico se giurate sui vostri morti (il giuramento veneziano più sacro) di non parlarne con nessuno, con nessuno, altrimenti senza pesce rimarremmo noi…]

Si sentì come risposta un coro di Giuro! Giuro sóra łe àneme de tùti i me mòrti! Nissùni ga da parlàr! Gnànca ‘na paróła!

Marietto (con aria misteriosa da cospiratore):

No i voéva i bocóni…’ [Non volevano i bocconi…]

IL coro (con impazienza): “Gavèvimo capìo…” [Avevamo capito…]

Marietto: “No i voéva moéna…” [Non volevano mollìca…]

Il coro (avvilito): “Savémo, savémo…” [Sappiamo, sappiamo…]

Marietto: “No ghe ‘ndàva ben gnénte de gnénte…” [Non andava loro bene niente di niente]

Il coro (rassegnato, ripetendo a mo’ di eco): “…gnénte de gnénte…”

Marietto (trionfante): “E ‘lóra, còssa gògio pensà e còssa gògio fàto?” [E allora, cosa ho pensato e cosa ho fatto?]

Il coro (piangente): “Dìsi, dìsi, par piasér, còssa xe che ti gà mai fàto…” [Dicci, dicci, per favore, cos’è che tu abbia mai fatto…]

Marietto (scatta in piedi allargando le braccia): “Sìnque frànchi! Ghe gò méso su l’àmo sìnque frànchi! Ghe sarà pur el pésse par calcòssa, sui sìnque frànchi…” [Cinque lire! Ho messo loro sull’amo cinque lire! Ci sarà pure disegnato il pesce per qualche motivo, sulle cinque lire…]

5lire
Nota il pesce che nuota.

Coro (perplesso): “Sìnque franchi… ti ga messo picà ’l’amo sinque franchi… i véde el pésse…” [Cinque lire, hai messo appese all’amo cinque lire… loro vedono il pesce…]

Marietto (riseduto compostamente con la canna in mano e con tono pacato): “Sìnque frànchi… che i vàda a compràrse queło che i vól… e po’ de zónta, i vède ànca ‘l pésse… se ghe fa sui sìnque franchi un buséto par l’amo…” [Cinque lire… che vadano a comperarsi quello che vogliono… d’altronde in aggiunta, vedono anche il pesce… si pratica sulle cinque lire un forellino per l’amo…]

Coro (incredulo). “Ma ‘dèsso… gàstu i sìnque franchi su l’amo… fàne vèdar…” [Ma adesso… hai le cinque lire sull’amo… facci vedere…]

Marietto (misterioso): “No… sinque franchi ‘dèsso no sò drìo doparàrli… só drìo provàr ‘na ròba fórse mègio… ma no so’ tanto sicuro che ła vada ben… péna che saró sicùro, ve ła dìrò… dèsso ciao, łasséme pescàr e bóna pescàda ànca a vuiàltri…” [No… cinque lire adesso non le sto adoperando… sto provando una cosa forse migliore… ma non sono tanto sicuro che vada bene… appena sarò sicuro, ve la dirò… adesso ciao, lasciatemi pescare e buona pescata anche a voi…]

Morale della favola: mai chiedere a un pescatore come fa.

Fine della fiaba per grandi e piccini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...