Raccolta di proverbi 3 [92]

proverbi3

Proseguiamo con la nostra raccolta di proverbi veneti:
         La ciàve de òro vèrxe ‘ncà łe pòrte de fèro.[La chiave d’oro apre anche le porte di ferro](Il denaro apre qualunque porta)

Làgreme de erédi: móna se ti ghe crédi. [Lacrime di eredi: sei stolto se ci credi]

La cossiénsa xe come łe gatarìgołe: chi che łe sénte e chi che no łe sénte. [La coscienza è come il solletico: c’è chi lo sente e c’è chi non lo sente].

Devénta famóso e spèta in ripòso. [Diventa famoso e attendi riposando] (il successo, presto o tardi, arriverà)

Quàndo l’òmo l’è stimà, el pól pissàr in lèto e dir ch’el gà suà. [Quando un uomo è stimato, può orinare a letto e dire che ha sudato].

Càro Bepìn, ti gà raxón: la fàme sotèra la fàma. [Caro Beppino, hai ragione: la fame sotterra la fama].

‘Caro Beppino, hai ragione’ è una premessa abituale per avvalorare un detto, una frase.

Col gràssie no se fa ‘na magnàda. [Col grazie non si fa una mangiata].

Càro Bepìn, ti gà raxón: chi no gà bèssi no gà remissión. [Caro Beppino, hai ragione: chi non ha denaro non ha pietà].(Non attenderti alcunchè da chi è in ristrettezze).

Co l’àrte e co l’ingàno el vìve mèxo àno. Co l’ingàno e co l’àrte el vìve cheł’àltra pàrte.[Con l’arte e con l’inganno egli vive metà dell’anno. Con l’inganno e con l’arte egli vive l’altra parte (l’altra metà).]

La fàme ła fa deventàr màndołe ànca łe scoàsse [La fame fa diventare mandorle anche le spazzature]

El xe ùno che pàga in tre rate… [Si tratta di uno che paga in tre rate…] (sottinteso: marzo, aprile e mai…) (non è un buon pagatore)

Un póco che ti spèti e ànca i bocéte deventarà nonéti. [Se aspetti un poco, anche i bambinelli diventeranno nonnetti.] (Tempus irreparabile fugit)

El sarà ànca un profesór móna ma el xe sémpre un profesòr. [Sarà anche un professore sciocco ma è pur sempre un professore].
Oppure, più semplicemente: Móna ma profesór. Ovvero: grande il titolo, alto il decoro. (l’abito fa il monaco)

Dòne e galìne, a giràr màssa, łe se pèrde. [Donne e galline, a girare troppo, si perdono].

Dòpo Sa’ Màrco, gnénte presénti [Passato San Marco, non più regali] (Passata la festa, gabbato lo santo).

Càro Bepìn, ti gà raxón: ła vigna se capìsse da ła tèra, la tósa da so màre. [la vigna (che verrà) si capisce dalla terra, la ragazza (si capisce chi sarà) da sua madre.]

Oppure: Dio, su ‘na famégia, el fa póchi stàmpi. [Dio, in una famiglia, crea pochi stampi, fa poche variazioni.]

Chiosa a mo’ di chiusura:

Càro nevódo, gà dìto so’ zìa,
         comìnzia la tùa che la mìa xe finìa.
[Caro nipote, ha detto sua zia,

         comincia la tua (storia) che la mia è finita]



      

Annunci

Un pensiero su “Raccolta di proverbi 3 [92]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...