Il pretendente 2 [97]

Cuore2

Un altro pretendente famoso a Venezia era Amedèo, giovane palafreniere in péctore [latino: dentro di lui, nelle sue aspirazioni], in realtà garzone di stalla e addetto al governo dei cavalli.

Lavorava nella proprietà dei conti Orséolo, càsa vècia [casato di vecchia nobiltà, risalente a prima del 1297]. Tale proprietà era situata al Lido, ed oltre all’enorme villa, aveva un enorme maneggio per i cavalli. Amedèo lavorava nelle stalle ed in particolare, ogni mattina preparava, per le nove, il baio dorato di nome Fulmine della contessina diciottenne Angela Orséolo.  Era costei una splendida creatura ed Amedèo ogni mattina, quando l’aiutava a salire su Fulmine, sentiva delle terribili fitte nella zona del cuore: la bocca si asciugava immediatamente e non riusciva più a dire nemmeno quel poco che sapeva dire.

Amedèo aveva un solo amico: Chichibìo, capo cuoco, che dirigeva ed organizzava una decina di camerieri e cameriere appartenenti al personale della villa. Una mattina tardi, Amedèo sedeva in una sedia della cucina, fischiettando malinconicamente, con lo sguardo perso nel nulla, quando entrò Chichibìo che gli disse ironicamente:

El merlòto in gàbia: o’l sùbia de amór o’l sùbia de ràbia…” [Il piccolo merlo in gabbia: o fischia d’amore o fischia di rabbia…]

Amedèo: “Noo… de ràbia no…”

Chichibìo, distrattamente: “Gran fàto che sia de amór…” [Dio non voglia che sia per amore…]

Amedèo: “Ben… insóma…” [Beh, insomma…]

Chichibìo, con tono sicuro: “Insóma sì, el xe de amór: se ti vól che te dàga el me consìlio da veciòto, bisognarìa che ti me dixéssi el nòme…” [Insomma sì, è amore: se vuoi che ti dia il mio consiglio di vecchiotto, bisognerebbe che tu mi dicessi il nome…]

Amedèo: “Rèsta qua?” [Il segreto rimane tra noi?]

Chichibìo: “Che discórsi: rèsta qua, rèsta qua…” [Rimarrà tra noi]

Amedèo, dopo lunghissima esitazione: “La contessìna, la contessina Zanze…” [La contessina Angela]

Chichibìo: “Càsa vècia, zénte de clàsse… par zénte de clàsse, ghe vorrà ‘na idèa de clàsse…” [Casato vecchio, gente di classe… per gente di classe, ci vorrà un’idea de classe…”

Amedèo: “Chichibìo, dàme ‘na sperànsa, si no me tòca copàrme…” [dammi una speranza altrimenti mi dovrò suicidare…]

Chichibìo: “Par afàri de cuòr no bisògna mai copàrse del tùto, magàri ‘na frégoƚa… da rèsto, sempre de frégoƚa parlémo… domàn te so dir, vògio pensàrghe pa’ sóra un fià…” [Per affari di cuore non bisogna mai uccidersi del tutto: magari solo un poco, una briciola (fregola = briciola) d’altronde, sempre di fregola parliamo… (qui invece fregola significa prurito amoroso: il gioco di parole è intraducibile) domani ti so dire, voglio pensarci sopra un poco]

Amedèo: “Gràssie, gràssie, savéva che ti gèri un amìgo…” [Grazie, sapevo che eri un amico]

La mattina successiva, dopo aver mandato la contessina a fare il suo giro, Amedèo si presenta nelle cucine, al cospetto di Chichibìo.

Chichibìo spiega ad Amedèo che, essendo il cavallo baio (marrone) dorato, una bella mano di vernice gialla dorata sui garretti del cavallo non sarebbe stata poi così male, da un punto di vista estetico: inoltre, fin che il cavallo sta nel suo box, nessuno vedrà i suoi garretti. Si tratta quindi di andare al Gran Viale Santa Maria Elisabetta, dove c’è il negozio, comperare della vernice gialla dorata e dipingere i garretti di Fulmine. Quando la contessina vedrà la vernice gialla dorata sui garretti, si rivolgerà ad Amedeo e chiederà spiegazioni. Al che, Amedeo dovrà rispondere: “Per farle un piacere, Contessina Angela, ho abbellito Fulmine con la vernice gialla dorata che, d’altronde, è pur sempre il suo colore, vernice che ho comperato nel Gran Viale Santa Maria Elisabetta, nel negozio che si trova vicino al ristorante ‘Laguna’: anzi, perché non facciamo un salto assieme sabato sera, a mangiare qualcosa?”

Chichibìo, di seguito: “Spèro che ti gàbi capìo, Amedèo: dòpo, el rèsto vién da sé…” [Spero che tu abbia capito, Amedeo: dopo, il resto viene da sé].

Amedeo ripete tutto due volte e Chichibìo annuisce. Amedeo conclude: “Come bèvar un gòto de àqua, Chichibìo: po’, e’l rèsto, el vién da sé” [Come bere un bicchier d’acqua: poi, il resto verrà da sé].

Chichibìo: “La pitùra de òro cósta…” [La vernice dorata costa…]

Amedèo: “In guèra se va co’ƚe impréste che ocóre…” [In guerra si va con l’attrezzatura necessaria (francese: à la guerre comme à la guerre)].

Il secondo giorno, Amedèo torna da Chichibìo con aria afflitta…

Chichibìo: “Te védo immagà…” [Ti vedo stregato, strano, fuori di te…]

Sì…”

Gàstu fàto tùto?” [Hai fatto tutto?]

A puntìn…” [Perfettamente]

E cóssa xe nàto…” [E cos’è successo…]

Eh… ƚa Zanze ƚa xe montàda ma no ƚa gà visto ƚa pitùra…” [Angela è montata (a cavallo) ma non ha visto la vernice…”

Créssi la pitùra! Tùte le gàmbe del cavàƚo! Tùte zàƚe! Dèsso ripèti tùto da nóvo…” [Aumenta la vernice! Tutte le gambe del cavallo! Tutte gialle! Adesso ripeti tutto di nuovo…]

Al che Amedèo ripete tutto: “po’, el rèsto, el vién da sé.”

Il terzo giorno, Amedèo torna da Chichibìo con aria afflitta…

Chichibìo: “Da nóvo!” [Di nuovo!]

Amedèo: “Sì, gavaràve pensà de butàrme in àqua, co un pieròn al còlo…” [Avrei pensato di buttarmi in acqua, con un pietrone al collo…]

Chichibìo: “Ma che àqua, ma che pierón, gavémo fato trénta e ‘dèsso fémo trentaùn: pitùra, pitùra ghe vól. El cavàƚo xe gràndo ma ‘sta nòte bisògna che ti ƚo pitùri tùto, tùto quanto. Dèsso ripeti el discórso e po’ xe impossìbiƚe che no ƚo veda se el xe tuto piturà.

Al che Amedèo ripete tutto: “po’, el rèsto, el vién da sé.”

Amedèo si precipita a comperare altri due barattoli di vernice e, quando tutti dormono, s’inizia il lavoro sul baio: dipintura totale di Fulmine. Ad ogni pennellata, Amedèo diceva tra sé e sé: “Sta volta, ghe tóca védarlo par fòrsa…” [Questa volta, sarà obbligata a vederlo per forza…].

Fulmine non sembra più lui: l’impressione è che sia uscito da un quadro metafisico di Giorgio De Chirico.

Siamo di mattina e arriva la contessina. Intanto, Amedèo pensa: “Questa volta vedrà il cavallo giallo e mi chiederà, non devo sbagliare, non devo sbagliare, cavallo giallo, negozio di vernice, ristorante Laguna, sabato sera e poi… e poi… il resto vien da sé: effusioni, baci, abbracci, carezze, il resto vien da sé, devo essere sicuro di me stesso, non esitare…”

La contessina Angela guarda stupita il suo cavallo Fulmine, tutto giallo e dice: “Amedèo, ma cos’è successo mai… guarda: guarda Fulmine, è diventato tutto giallo!”

Finalmente, l’ha detto…

Amedèo: “Càro el me bén: Zanze, vién qua, bàseme, strùcheme…” [Caro il mio bene: Angela, vieni qua, baciami, stringimi…]

 

Annunci

1 commento su “Il pretendente 2 [97]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...