Gigio del latte [99]

latteAnche questa può essere una fiaba da raccontare ai bambini.

Luigi, detto Gigio, abitava vicino a Brugnera, zona famosa per aver contribuito al miracolo del Nord-Est coi suoi mobilifici.

Gigio aveva un bel camioncino: girava per le case dei contadini, si faceva consegnare il latte fresco, lo metteva nei vasi come nella foto, firmava una carta per ricevuta ed andava a portare il latte fresco alla latteria con la quale aveva degli accordi. Per questo era conosciuto come Gigio del Latte.

Gigio, al pomeriggio, non aveva molto da fare: anzi, in realtà quasi niente ma il camioncino poteva servire ai mobilifici del luogo. Questi ultimi, infatti, quando avevano delle piccole consegne urgenti da effettuare nei paraggi, chiedevano a Gigio di portare, col suo camioncino, una camera da letto o un salotto o magari una cucina componibile al negoziante in attesa. In questo modo, Gigio guadagnava qualcosa in più oltre al lavoro del latte. Ma l’attività prometteva bene perché vedendo Gigio più volte i negozianti dicevano: “Gigio, pòsetu dìrghe a quéi déa fàbrica che me ocoraràe un comò?” [Puoi dire a quelli della fabbrica che mi occorrerebbe un comó?]. Gratis: per un po’, Gigio fece il servizio gratis fino a quando un suo amico, rappresentante di mobili, gli disse:

Co te pòrta i órdini in fàbrica, parché no te fàtu pagàr calcòssa, na comissiòn…” [Quando porti gli ordini in fabbrica, perché non ti fai pagare qualcosa, una commissione…]

Te dìse mi el parché: parché son ‘na móna e no la ho gnànca mài pensàda… bisognarà che te pàghe ‘na θena… gràssie, sàtu…” [Ti dico io il perché: perché sono uno sciocco e non l’avevo nemmeno mai pensata… bisognerà che ti paghi una cena… grazie, sai…]

Da quel momento la vita di Gigio cambiò: rimase il nome ‘Gigio del latte’ ma di latte non si occupò più e fece solo il rappresentante di mobili nel Veneto.

Era sempre di buon umore e divertiva i negozianti con le sue battute, sempre originali e sempre nuove. Tuttavia badava al sodo e quando un negoziante gli diceva di andare assieme a bere un caffè e di raccontare qualcosa di nuovo, Gigio rispondeva: “Prima metén θó calcòssa su ƚa comissión, parché no són qua par cambiàr ària.” [Prima scriviamo giù qualcosa sulla commissione, perché non sono qua per cambiare aria]

C’è una famosa fotografia di un matrimonio, dove si vedono tutti gli invitati, tra i quali Gigio che ha un paio di scarpe elegantissime ma sprovviste di lacci, come se li avesse persi.”

Gigio, ‘ndóve véetu méss ƚe spighéte?” [Gigio, dove avevi messo i lacci delle scarpe?]

“In scarsèƚa…” [In tasca…]

“…e parchè, po’?” [e perché pòi?]

parché tel pranθo da noθe ièra un càncaro de camerièr che la vèa su co mi…” [perché nel pranzo di nozze c’era un maledetto cameriere che ce l’aveva su con me…]

come? parché? cónta, Gigio, cónta…” [come? perché? racconta]

Mi no ho studià la Casa, vée da portàr el làte, po’, i mòbili… mi vàrde de imparar pì che pòsse… el piròn cussì, ƚa corteƚìna par là, el gòto da àqua, el gòto da vìn… se pòl anca sbaliàr, ma no ocóre morir da fàn…” [Io non ho studiato monsignor Della Casa, dovevo portare il latte, poi, i mobili… io cerco di imparare più che posso… la forchetta così, il coltello per di là, il bicchiere da acqua, il bicchiere da vino… uno può anche sbagliare, ma non per questo deve morire di fame…]

E le spighéte?” [Ma non c’è il nesso con i lacci delle scarpe]

Son drìo magnàr ƚa pastasùta, mòƚe un moménto el piròn e ƚa corteƚìna par magnàr un tochetìn de pàn… e te un cólpo séc el càncaro el me pòrta vìa el piat. Alóra ho vardà come che i méte le impréste cheàltri… son drìo magnàrme ƚa bistèca, mòƚe ancóra par un moménto el piròn e ƚa corteƚìna, cóme che féa cheàltri, par magnàrme nàntro tochetìn de pàn… e nàltra vòlta, sto càncaro, el me pòrta vìa el piàt… elóra ho pensà: che sìe parché màgne el pàn? Elóra, gnénte pàn co l’è rivà ƚa fortaja ma no ho fàt óra a magnàr gnànca quèƚa… no jèra pàl pàn…” [ Sono nel mezzo della pastasciutta, mollo per un momento forchetta e coltello per mangiare un pezzettino di pane… e con un colpo secco il maledetto mi porta via il piatto. Allora ho guardato come mettono le posate gli altri… sono nel mezzo della bistecca, mollo ancora per un momento la forchetta e il coltello, come facevano gli altri, per mangiare un altro pezzettino di pane e un’altra volta, questo maledetto, mi porta via il piatto… allora ho pensato: che sia perché mangio il pane? allora, niente pane quand’è arrivata la frittata ma non ho fatto a tempo a mangiare nemmeno quella… non era per il pane…]

 scarpaE le spighéte?

Elóra, mi sò che l’ha da rivàr el poƚàstro ròsto, ch’el me piàse un móndo ma stavólta no te méa fràca, moréto… me son cavà le spighéte, le ho ingropàde tra de lóre par fàrghene una sóƚa de pì lónga: un càpo l’ho ligà te ‘na àsola de ƚa giachèta e cheàltro càpo l’ho ligà te la θàta del poƚàstro. El càncaro el me vardéa se tochée le impréste e mi le ho sguaratàde a pósta: elóra l’è piombà suìto, l’ha ciót su el piàt ma el poƚàstro l’è restà pasóra ƚa tovàja, col pàn e co ‘na ómbra de vìn: e a mi me ‘ndèa benón…” [E allora io so che deve arrivare il pollo arrosto, che mi piace un mondo ma stavolta non me la fai, moretto… mi sono tolto i lacci delle scarpe, li ho legati tra loro per farne uno solo molto lungo: un capo l’ho legato ad un’asola della giacca e l’altro capo l’ho legato alla zampa del pollo. Il maledetto mi guardava se avessi caso mai toccato le posate ed io le ho rimestate apposta: allora è piombato subito, ha preso su il piatto ma il pollo è rimasto sopra la tovaglia, col pane e con un bicchiere di vino: e a me andava benissimo…]

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...