Ferrari e Topolino [100]

ferrariAnche questa può essere una fiaba da raccontare ai bambini.

Alvise lavorava al Lido di Venezia ed era fattore dei conti Barbarigo.

Doveva accudire alla grossissima tenuta di Malamocco, e sotto di lui, fra lavoranti, contadini e maestranze c’erano una cinquantina di persone.

Si trattava quasi esclusivamente di ortaggi: aglio, cipolla, porro e così via.

Alvise aveva in dotazione una Topolino del 1936, la prima in assoluto prodotta dalla Fiat: era di un bel rosso smorto e, lanciata a tutta velocità, dopo un chilometro di rincorsa, raggiungeva la folle velocità di 25 chilometri l’ora. Ma andava benissimo e Alvise doveva solamente andar su e giù per la tenuta. Sul sedile posteriore ci stava tutto quello che gli serviva: una zappa per lavori improvvisi, un libro contabile per prendere nota dei raccolti, una cesta per la colazione ed un fiasco di vino.

Un giorno andò in tenuta e disse che sarebbe tornato per mezzogiorno ma… non tornò: era finito all’ospedale.

Mario, suo compare, andò a trovarlo in Campo San Giovanni e Paolo, all’Ospedale Civile, dove Alvise era stato ricoverato: quando arrivò, Mario vide un disastro. Alvise quasi non si vedeva, da tanto gesso che aveva addosso.

Mario: “Ciao, Alvise, el xè un disàstro, ti xe tùto róto…” [Ciao, Alvise, è un disastro, sei tutto rotto…”

Tàsi, Mario, tàsi, gò òto fratùre… ànime de tùti i me’ mòrti… gà dìto el primàrio… Alvise, sìe mèsi te vorà, siè mesi par guarìr…e ànca ànca…” [Taci, Mario, taci, ho otto fratture… anime di tutti i mie morti… ha detto il primario… Alvise, sei mesi ti ci vorranno, sei mesi per guarire… e forse non basteranno…]

Sènti che fàti… ma dìme, còssa xe nàto, dìme…” [Senti che fatti… ma dimmi, cos’è successo, dimmi…]

Xe nàto… xe nàto… so ndà in campàgna a védar l’àgio, che’l gèra un fià patìo. Gèro drìo guidàr, gavarò fàto vìnti a l’ora sì e no, po’ in bòto sénto sonàr, gèra ‘na màchina che vołeva sorpasàr: gèra el siòr cònte co ła so Feràri; el me gà sałudà, ło go sałudà…” [è successo… sono andato in campagna per vedere l’aglio, ch’era un po’ intristito. Stavo guidando, avrò fatto venti all’ora, si e no, poi di colpo sento suonare, era un’automobile che voleva sorpassare: era il signor conte con la sua Ferrari; mi ha salutato, l’ho salutato…]

E ‘lòra?” [e allora?]

 “E ‘lòra, co sta òstrega de Feràri, el me ga sorpassà cussì svèlto ma cussì svèlto che… me vergògno a dìrte…” e allora, con questa accidenti di Ferrari, mi ha sorpassato così svelto ma così svelto che… mi vergogno a dirtelo…]

Dìme, piàvolo, ormài, queło che xe sucèsso, xe sucèsso…” [Dimmi, sciocchino (letteralmente: bambolo], ormai quel ch’è successo è successo…]

Alvise: “Mi… mi go credèsto de éssar férmo… ma mi no gèra férmo… gò vèrto ła portièra de ła Topolino e so smontà…” [io… io ho creduto di essere fermo ma non lo ero… ho aperto la porta della Topolino e sono sceso…]

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...