La fortuna della sogliola [101]

sogliolaDedicato al mio carissimo amico, architetto e conte Benedetto Marcello.

Benedetto non vedeva uno dei suoi gondolieri, Marco Vianello, da almeno una settimana. L’ultima volta che si era fatto vedere era una sera fredda d’inverno, quando aveva accompagnato in gondola, alla Fenice, la contessa madre. Aveva atteso la fine della manifestazione teatrale ed aveva riaccompagnato a Ca’ Marcello la nobildonna veneziana. La contessa era dentro alla felza, la cabina della gondola, mentre Marco era all’aperto e forse, aspettando la fine della rappresentazione, aveva preso freddo. A Benedetto non risultava che il gondoliere avesse recapitato messaggi: forse il messaggio era stato recapitato in Amministrazione. L’unico indirizzo che aveva lui era Castello 3779. In Amministrazione avevano sicuramente maggiori dettagli ma, essendo una bellissima giornata di marzo decise di andare alla ventura, un po’ per divertimento e un po’ per prendersi mezza giornata di rilassamento.

Alle dieci di mattina, si incamminò verso la Piazza, deciso a consultare una delle enciclopedie viventi: un postino. Come facessero, col sestiere e col solo numero a trovare un’abitazione, era per Benedetto (come per gli altri veneziani) un mistero insondabile.

Trovò un portalettere e lo fermò.

Siòr cónte, i mé rispèti, el me dìga…” [signor conte, i miei rispetti, mi dica…]

“Dovresti essere così gentile, se lo sai, di dirmi dove possa essere Castello 3779.”

Postino (tra sé): “Casteło tre miłe… xe présso pòco a ła Bràgora… tre miłe sètessento… setànta… nòve… sicùro, ałóra: el va al Càmpo de San Giovàni in Bràgora e po’ el ghe domànda al prìmo che pàssa ndòve che xe ła Càłe del Cagnołèto: no se pòl sbaliàr…” [Castello, tre mila… è pressappoco alla Bragora… tre mila settecento… settanta… nove… sicuro, allora: lei va al Campo di San Giovanni in Bragora e poi chiede al primo che passa dove sia la Calle del Cagnoleto: non si può sbagliare]

“Ti ringrazio infinitamente.”

Mancarìa altro, siòr cónte, bóna zornàda…” [ci mancherebbe altro, signor conte, buona giornata.]

Benedetto si trova in una calletta strettissima vicino alla laguna, orientata da nord a sud, con un vento gelido di tramontana. Legge ‘Vianello’ e aziona un campanello a tirante, dallo squillo argentino: “Di-ri-din, di-din, di-diiinnn”

Voce femminile: “Chi xe?”[Chi è?]

“Sono Benedetto Marcello…”

Sànti del Paradìso, ànime déi me mòrti… el siòr cónte… el vègna, prégo, el favorìssa ‘comodàrse, mi són Màrta, la mugèr del so gondolièr… de Màrco Vianèło…” [Santi del Paradiso, anime dei miei morti, il signor conte… venga, prego, favorisca accomodarsi, io sono Marta, la moglie del suo gondoliere, di Marco Vianello…]

“Molto piacere, Marta… c’è Marco?”

Siór cónte, el xe in lèto co ‘na brùta bronchìte: la ga ciapàda co’l ga portà la sióra contéssa màre al teàtro de ła Fenìce…[signor conte, è a letto con una brutta brochote: l’ha presa quando ha portato la signora contessa madre al teatro della Fenice…]

Mi dispiace, vorrei parlargli…

“El se còmoda…” [Si accomodi…]

Benedetto entra in una camera modestissima, dove Marco sta a letto, pallido e smunto, con la barba da fare.

Marco: ”Ah, siór cónte, el se gà disturbà…” [signor conte, si è distrurbato…]

“Ciao, sembra che tu sia malato: volevo sapere se sei vivo…”

Siór cónte, me fìo ghe ga portà ‘na létera del dotór: el ghe la ga consegnàda a Toni, el magiordòmo de Ca’ Marceło…” [mio figlio le ha portato una lettera del medico: l’ha consegnata a Toni, il maggiordomo di Ca’ Marcello…]

“Non l’ho vista. Non importa. Quando torni?”

Xe stà dìto tre giórni, quàtro… dìxe el dotór, se inténde…” [è stato detto tre o quattro giorni… dice il medico, ovviamente…]

Benedetto si guarda in giro e fa capire che la casa è modestissima: “Marco, non sei messo tanto bene e sì che la tua paga è molto buona…”

Ah… no go łagnànse par ła pàga, par l’amór de Dio… sało… prima Tabàco e Vénere e po’… Bàco… quàndo i cavèi bùta al bianchìn…” [non ho lagnanze per la paga, per l’amor di Dio… ma sa… prima Tabacco e Venere e dopo… Bacco… quando i capelli diventano bianchi…]

“Allora? Concludi.”

Ma, siór cónte, no ła sa?” [ma, signor conte, non la sa?]

“Forse non la so bene.”

Se ùsa dìr: quàndo i cavèi bùta al bianchìn, łàssa łe dòne e tàchite al vin.” [Si usa dire: quando i capelli diventano bianchi, lascia le donne e attaccati al vino]

“Ma questo non spiega l’indigenza, per non dire la povertà.”

Ghe rispondarò come che diséva me nòno: la fortùna, prìma o dòpo, ła pàssa par tùte łe càse co un sàco de schèi. Co ła xe pasàda de qua, in Całe del Cagnołeto, go vùo la sfortùna che gèro a pescàr e in càmbio go vùo ła fortùna de pescàr un bel sfògio. Suł pescàr, mi so sta fortunà e’l sfògio el xe sta sfortunà. Sul vìvar, el siór cónte xe sta fortunà e mi so sta sfortunà. Se quèl giórno che xe passà la fortùna no gavésse pescà el sfògio, podarìa dir de vansàr calcòssa ma par mi el destìn gavéva parecià queło: un bel sfògio…” [Le risponderò come diceva mio nonno: la fortuna, prima o poi, passa per tutte le case con un sacco di soldi. Quand’è passata di qua, in Calle del Cagnoleto, ho avuto la sfortuna di essere a pescare e in cambio ho avuto la fortuna di pescare una bella sogliola. Nel pescare, io sono stato fortunato e la sogliola è stata sfortunata. Nel vivere, il signor conte è stato fortunato ed io sono stato sfortunato. Se nel giorno in cui è passata la fortuna non avessi pescato la sogliola, potrei dire di avere ancora qualche credito ma per me il destino aveva preparato quello: una bella sogliola…]

Benedetto lo guardò con ammirazione e disse: “Grazie, Marco: c’è sempre da imparare qualcosa, anche in Calle del Cagnoleto. Torna presto al tuo lavoro di gondoliere e vedrai che parleremo di più…”

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...