Da Venezia a Verona [111]

trenoAlla stazione ferroviaria di Santa Lucia, Giacomo, un uomo molto anziano, pallido in volto, malaticcio, sale in terza classe, per risparmiare qualcosa, sul treno locale che va a Verona.

Il treno ferma in ben 7 stazioni fino a Padova e poi, nella tratta da Padova a Verona Porta Nuova, ferma in altre 12 stazioni. Insomma, ferma in tutto in 19 stazioni.

Il vagone è piuttosto scomodo e i sedili sono in faggio, piuttosto duro: volendo risparmiare, tuttavia, può essere accettabile. Giacomo appartiene ad una famiglia di San Basegio che, per tradizione, è portata non al risparmio in sé ma ad evitare inutili sprechi: come gli scozzesi. 

Giacomo siede vicino alla porta dello scompartimento che dà direttamente sul marciapiede, tramite una ripida scaletta.

Saluta con un mezzo sorriso gli altri passeggeri e li prega, per questioni di salute, di lasciargli il posto vicino alla porta del vagone. Nessuno ha intenzione di occuparglielo…

Il capo-treno, nell’altoparlante, annuncia: “Stazione di Venezia – Santa Lucia… treno locale numero 27 delle ore 11:00 in partenza, prossima fermata a Venezia – Porto Marghera fra sette minuti, alle 11:07.”

Giacomo, a voce alta, tra sé: “Sète minùti… sołaménte…” [Sette minuti… soltanto…]

Gli altri lo guardano ma capiscono che sta parlando da solo.

Alle 11:07, il treno ferma a Marghera e Giacomo, prima ancora che il treno sia completamente fermo, schizza via verso la stazione. Ritorna di corsa verso il suo vagone, col treno che sta quasi per partire. Si risiede al suo posto, paonazzo, ansante, con gli occhi stravolti: il respiro è affannoso e impressionante. L’altoparlante dice: “Stazione di Venezia – Porto Marghera… treno locale numero 27 delle ore 11:10 in partenza, prossima fermata a Venezia – Mestre fra sette minuti, alle 11:17.”

Giacomo, a voce alta, tra sé: “Sète minùti… ancòra… ànime de tùti i me mòrti…che desperassión…” [Sette minuti… ancora… anime di tutti i miei morti… che disperazione…]

Alle 11:17 si ripete la scena della fuga verso la stazione.

Gli altri passeggeri parlottano tra loro:

El ‘ndarà in bàgno…” [Andrà in bagno…]

Nooo, ghe sarìa più còmodo ‘ndàr su quéło del trèno…” [Nooo, gli sarebbe più comodo andare su quello del treno…]

“El torà ‘na medesìna, o calcòssa àltro…” [Prenderà una medicina o qualcos’altro…]

“Mi, savè còssa che fàsso… ghe domàndo se ‘l ga bisògno de ‘na màn, sèmo fra cristiàni, el ga dìto che xe ròba de sałùte… stémo a védar se ‘ł fa ła mòssa ‘n’àltra vòlta…” [Io, sapete cosa faccio… gli chiedo se ha bisogno di una mano, siamo fra cristiani, ha detto che è una questione di salute… stiamo a vedere se assumerà lo stesso comportamento un’altra volta…]

All’ultimo momento, Giacomo risale, trafelato come prima, tutto come prima.

L’altoparlante dice: “Stazione di Venezia – Mestre… treno locale numero 27 delle ore 11:20 in partenza, prossima fermata a Mira – Mirano fra sette minuti, alle 11:27.”

Giacomo, quasi piangente, a voce alta, tra sé: “Sémpre sète minùti… el se férma in continuassión… łe xe disnòve fermàte…” [Sempre sette minuti… si ferma in continuazione… sono diciannove fermate…]

Passeggero: “El me scusarà, no par savèr i afàri sùi ma se podéssimo dàrghe ‘na màn… vołentièra…” [Mi scuserà, non per sapere gli affari suoi ma se potessimo darle una mano… volentieri…]

Giacomo: “Magàri, caro amìgo, magàri vuiàltri podéssi dàrme ‘na màn… in strùco, mi gò mal de cuòr e… el primàrio de Venèssia el me gà dito de ‘ndàr a Veròna dal professòr Tramontìni, che ‘l costarà ànca un spropòsito ma passiénsa, parchè mi podaràve ànca morìr da un moménto a cheł’àltro: da séno, el dotór Tramontìni el podarìa dàrme ła cùra giùsta… el podarìa tègnarme al móndo ‘ncóra par un póchi de àni… par el cuòr, el xe stimà el mègio dotór de tùta Itàlia…” [Magari, caro amico, magari voi poteste darmi una mano… riassumendo, io ho mal di cuore e… il primario di Venezia mi ha detto di andare a Verona dal professor Tramontini, che costerà anche uno sprosito ma pazienza, perché io potrei morire da un momento all’altro: infatti, il dottor Tramontini potrebbe darmi la cura giusta… potrebbe tenermi al mondo ancora per alcuni anni… relativamente al cuore, è considerato il miglior dottore di tutta l’Italia…]

Passeggero: “Sì ma, parché lu el córe in stassión d’ògni vòlta ch’el trèno se férma…” [Sì ma, perché lei corre in stazione ogni volta che il treno si ferma…]

Giacomo: “Fórse, no go parlà ciàro: i me ga dìto che mi podaràve ànca morìr da un moménto a cheł’àltro. Mi no go crompà tùto el bilièto da Venèssia a Veròna par no butàr vìa i schèi: man man che sò ‘ncóra vìvo, me crómpo el biliéto da na stassión fin a quéła dopo… no pól fàr che cussì sparàgno calcòssa…” [Forse, non ho parlato chiaro: mi hanno detto che potrei anche morire da un momento all’altro. Io non ho comperato tutto il biglietto da Venezia a Verona per non gettar via il denaro: mano a mano che sono ancora vivo, mi compero il biglietto da una stazione sino a quella dopo… è possibile che così io risparmi qualcosa…]

Annunci

Un pensiero su “Da Venezia a Verona [111]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...