Pulpito [115]

Pulpito

Nota culturale: bisogna distinguere tra pulpito e ambone. L’ambone si trova nella zona dell’altare e dall’ambone si leggono i passi della bibbia, le letture sacre in genere e non è necessaria la capacità individuale dell’oratore, in quanto egli si limita a leggere. Le letture pronunciate dall’ambone fanno parte della Messa.

A partire dal Medioevo, il pulpito viene costruito a metà della lunghezza della chiesa, lateralmente, sul bordo della navata centrale. Viene riservato alle prediche, orazioni ed altri sermoni che non fanno propriamente parte della Messa, anche se la predica dal pulpito può essere inserita nella Messa stessa. Ci sono degli esempi di pulpiti costruiti addirittura fuori della porta della chiesa, per predicare a tutte le persone che affollano la piazza su cui la chiesa è prospiciente.

A Venezia, per dire che uno è stato retrocesso, rimosso dalla buona considerazione, si dice “El gèra sul pùlpito, el se gà trovà su l’anbón…” [Era sul pulpito, s’è ritrovato sull’ambone.]

Fatta questa premessa, ci traferiamo a Venezia, nella grossa parrocchia di San… omissis…, dove convivono l’arciprete don Alfio, abbastanza anziano e il cappellano don Bruno, da poco consacrato sacerdote, attorno ai trent’anni.

Don Bruno ha sempre letto qualcosa dall’ambone ma non è mai stato su per le scale del Golgota, come diceva l’arciprete designando il pulpito, intendendo che fare una predica espone alle più atroci sofferenze. Don Bruno era parecchio intimorito dal Golgota e sudava le proverbiali sette camice per preparare i sermoni nel modo migliore. Il cappellano sottoponeva i sermoni all’arciprete che molto spesso approvava ma, all’ultimo momento, il giovane cappellano non se la sentiva: gli prendeva la nausea e l’arciprete doveva salire al Golgota, per leggere il sermone redatto dal cappellano.

Invariabilmente, l’arciprete diceva: ”Caro don Bruno, prìma o dòpo, bisognarà dàrse coràgio e pasàr da l’anbón al Gòlgota… al pùlpito…” [Caro don Bruno, prima o dopo, bisognerà darsi coraggio e passare dall’ambone al Golgota… al pulpito…]

 E invariabilmente, il cappellano rispondeva: “Ricordémose de Don Abóndio: se uno el coràgio no ło ga, nol pól dàrseło…” [Ricordiamoci di Don Abbondio: se uno il coraggio non ce l’ha, non può darselo…(passo de I Promessi Sposi)

E invariabilmente, l’arciprete rispondeva: “El ga da vèrzarse l’armarón in sacrestìa, el se vèrze ‘na bòssa de Càbernet da Méssa, de quéłe contàe e registràe sui lìbri: el gà da bévarsene un bel gòto parché el vìn che và ben par ła Méssa el dà ànca el coràgio par far ła prèdica. Autorìzo mi.” [Lei deve aprirsi l’armadio in sacrestia, deve aprirsi una bottiglia di Cabernet da Messa, di quelle contate e registrate sui libri: deve bersene un bel bicchiere perché il vino che va bene per la Messa dà anche il coraggio per far la predica. Autorizzo io.]

Di solito, don Bruno rispondeva evasivamente: ”Se discóre…” [Si discorre.] e tutto finiva là. Questa volta, invece, don Bruno disse: “El me scùsa ma chi ga dìto che el Càbernet…” [Mi scusi ma chi ha detto che il Cabernet…]

Don Alfio: “Lo gà dìto el Patriàrca de Venèssia, no Tòni Pironèło!  el mòla la léngua, el blòca el stomeghéso e po’ el ghe dà coràgio!” [Lo ha detto il Patriarca di Venezia, non Toni Forchettina (cioè uno sciocco qualsiasi…) (il Cabernet) scioglie la lingua, blocca la nausea e poi le dà coraggio!]

Don Bruno: “Ubi major…” [Ubi major, minor cessat = letteralmente: dove il maggiore (in grado) si esprime, il sottoposto (in grado) è tenuto a non dissentire. Come dire: Se lo ha detto il Patriarca, ci conformeremo anche noi.]

Don Bruno prepara un sermone meraviglioso per la Messa della domenica, quella di mezzogiorno. Quella delle dieci e mezza, sarà celebrata dall’arciprete Don Alfio.

Finita la Messa delle dieci e mezza, Don Alfio vede il sacrestano che gli fa cenni disperati col capo, segnando la sacrestia, come dire: “Venga, venga in sacrestia.”

Don Alfio entra in sacrestia e sente una voce in falsetto che canta: è quella di Don Bruno.

Don Bruno canta un vecchio motivo popolare: “E la viołéta, ła va, ła va…

Don Alfio, perplesso: “Còssa gògio da pensar mai…” [Cosa devo mai pensare?]

Don Bruno: “Càrrrro ‘rciprèttteee… ubbbi màjorrr… gò doppparrrrà i… i… i insegnamenti de Sssua Eminensssa, el Patriarrrcahhh.” [Caro arciprete… ubi major… ho fatto uso degli insegnamenti di Sua Eminenza, il Patriarca]

Don Alfio controlla nell’armadio e vede che mancano due bottiglie di Cabernet, le quali, d’altronde, si vedono vuote sopra il tavolo della stanza, assieme a un tagliere, mezzo salame, un coltello e alcuni rimasugli di pane. Don Alfio chiede spiegazioni.

Don Bruno, seduto e tranquillo: “El małìgno ghe ga mésso ła cóa: gò vèrto ła prìma bòssa e dòpo el prìmo gòto non me sentìva de coràgio bastànte e ‘łora go bevùo n’àntro gòto e po’ n’àntro… ła cóa del małigno me ga fàto bèvar tùta la bòssa. No gèro più bón de star gnànca in pìe… càncaro de un małigno… e ‘łora me son fàto un panéto gràndo coł sałame, cóme esorcismo, par paràr zo ła bòssa, no par àltro: da séno, dòpo del panéto stàva mègio… el małìgno va contrastà…” [Il maligno ci ha messo la coda: ho aperto la prima bottiglia e dopo il primo bicchiere non mi sentivo il coraggio a sufficienza e allora ho bevuto un altro bicchiere e poi un altro… la coda del maligno mi ha fatto bere tutta la bottiglia. Non ero più capace nemmeno di stare in piedi… maledetto maligno… e allora mi sono fatto un pane grande col salame, come esorcismo, per mandare giù la bottiglia, non per altro: seriamente, dopo il panino stavo meglio… il maligno va contrastato…”

Don Alfio: “I sarìa òto gòti sół che de ła prìma bòssa… ma… e ła secónda?” [Sarebbero otto bicchieri solo che della prima bottiglia… ma… e la seconda?]

Don Bruno: “No par mancàrghe de rispèto, arciprète, ma’l próvi łù a mandàr xo un panéto de ‘cal póco in sùta: me gà tocà bèvar ‘nca la secónda bòssa… no par cativèria… sol che par pałidìr el pàn e sałàme… e la viołèta…” [Non per mancarle di rispetto, arciprete, ma provi lei a mandare giù un panino di quel calibro all’asciutto: ho dovuto bere anche la seconda bottiglia… non per cattiveria… solo per mandar giù il pane e salame… (intona nuovamente la canzone ‘e la violetta’)]

Don Alfio: “E ‘dèsso?” [E adesso?]

Don Bruno: “’Dèsso dìgo Méssa e co xe óra vàdo sul pùlpito e fàsso ła me prèdica… no ghe xe Gòlgota che tègna… evìva el Patriàrca… sua Eminénssa…” [Adesso dico Méssa e quando è il momento vado sul pulpito e faccio la mia predica… non c’è Golgota che tenga… evviva il Patriarca… sua Eminenza…]

Detto e fatto.

Don Bruno celebra la sua Messa, sale sul pulpito e fa la sua parte. Poi si ritrova in sacrestìa con l’arciprete.

Don Bruno: “El me dìga: cóme so’ ‘ndà? gògio predicà ben?” [Mi dica: come sono andato? ho predicato bene?]

Don Alfio: “Gò da fàrghe do osservassiòn: una ła riguàrda ła prèdica e una sul comportaménto quàndo che ła gà finìa…” [Devo farle due osservazioni: una riguarda la predica e una sul comportamento quando l’ha finita…]

Don Bruno: “El me dìga la prìma…” [Mi dica la prima]

Don Alfio: “No se pòl dìrghe a la zénte ‘se no me scolté, che Dio ve mànda un sgrànfo su ‘na gàmba stanòte’” [Non si può dire alla gente ‘se non mi ascoltate, che Dio vi mandi un crampo su di una gamba questa notte’]

Don Bruno: ”Gavèva fàto par fàrghe un fià de sogessiòn… e st’altra?“ [Lo avevo fatto per far loro un poca di soggezione… e l’altra?]

Don Alfio: ”Gàło presénte el pùlpito…” [Hai presente il pulpito…]

“Sicuro…”

“Gàło presénte el pàto de ła scała del pulpito… [Ha presente la ringhiera della scala del pulpito?]

“Ma sicùro, no so’ mìga imbriàgo…” [Ma sicuro, non sono mica ubriaco…]

Don Alfio: “Qua, nissùni gà dìto imbriàgo ma no se pól, finìa la prèdica, tiràrse su ła tònega, métarse a cavało del pàto, sbrissolàr zó e dìr: ‘Vi saluto tutti, con un saluto particolare alle signore…’ Pròpio, no se pòl…” [Qua, nessuno ha detto ubriaco ma non si può, finita la predica, tirarsi su la tonaca, mettersi a cavallo della ringhiera, scivolare giù e dire: Vi saluto tutti, con un saluto particolare alle signore…’ Proprio, non si può…]

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...