Cappuccetta Rossa [117]

Cappuccetto1
Gustavo Doré.

 Alias: la vera storia, quella vera. Come ben si sa, nelle immagini di Gustavo Dorè, Cappuccetta Rossa, la nostra eroica eroina (da noi riportata dalla fiaba all’Anno di Grazia 2015), non ha il cappuccetto rosso, con mantellina ed antivento ma un semplice cappello basco rosso. Ciò dipende dalla stagione: se l’incontro col lupo avvenisse d’inverno, vada per la mantellina impermeabile Pirelli con tanto di cappuccio, altrimenti, come nel nostro caso, una cacciola rossa, come quella disegnata dal Dorè, sembra più che sufficiente.

Nel 2015, la moderna mamma di Cappuccetta Rossa, che abitava nel comune di Monfumo, in provincia di Treviso, vicino al bosco, dice:

“Vai a trovare la nonna… mai che mia madre prenda la macchina e faccia un salto fin qua… portale questa pasta e fagioli (si vede benissimo la pignatta nell’illustrazione) nonché questo piatto di frittata col luppolo selvatico (fortàja co i bruscàndołi) della nostra tradizione trevisana (anche il piatto con la frittata, non si vede proprio chi non lo veda). Se per caso, tu Cappuccetta, dico per caso ma speriamo di no, tu vedessi il lupo, che di solito passa esattissimamente a quest’ora, sii gentile, mi raccomando, anzi gentilissima, perché al mondo si può aver bisogno di…” e sospese la frase, invitando, con lo sguardo e col mento proteso, Cappuccetta a completare.

Cappuccetta: “… se pòl vér bixògno de tùti, sióra màre...” [si può avere bisogno di tutti, signora madre]

Notate che Cappuccetta non aveva ancora imparato l’italiano, forse per questioni politiche.

Siccome (lo sanno gli insegnanti ma non gli allievi) proibire una cosa significa fissarla nel cervello del neòfita, la frase ‘speriamo di no’ della madre equivaleva a stuzzicare la curiosità di Cappuccetta e a mandarla direttamente ‘in bocca al lupo’. Da qui e solo da qui la celeberrima frase, come tutti possono facilmente capire.

Indovinate se Cappuccetta, poi, trovò il lupo? Sìììì. Altrimenti, con quello che le aveva detto la madre, lo avrebbe addirittura cercato.

Lupo: “Ciao. No te sarà mìo una de quéłe persóne insùlse che dìs ‘che crèpe el lùpo, in bóca al lùpo’ e tùte łe monàde che ghe va drìo…” [Ciao. Non sarai mica una di quelle persone insulse che dicono ‘crepi il lupo, in bocca al lupo’ con tutte le stupidaggini che seguono…]

Cappuccetta: “Mai dìta, mi, ste ròbe…” [Mai dette, io, queste cose…]

Lupo (acido): “Puìto, parchè son stùf, e’l prìmo che càte ch’l dìss ‘ste monàde, vàe prìma dal Sindacàto Lùpi e dòpo, se no bastésse, vàe ànca da quéi de ła Proteθiòn de łe Bèstie. Vùi véder mi, dòpo, còme che la bóje…” [Bene, perché sono stanco, e il primo che trovo che dice queste sciocchezze, vado prima dal Sindacato Lupi e dopo, se non bastasse, vado anche da quelli della Protezione Animali. Voglio vedere io, dopo, come bollirà la pentola…]

Lupo (rabbonito dal suo stesso parlare acido): “Insòma, te sarìe ànca na bràva toséta… scométe che te va a catàr to nòna… tél bòsc…” [Insomma, saresti anche una brava ragazzina… scommetto che vai a trovare tua nonna… nel bosco…]

Cappuccetta: “Cóme fàtu a savér…” [Come fai a sapere…]

Lupo “El nostro sindacàto ne dà tùti i manuàłi che ocóre: ‘sta fiàba qua, se un lùpo no ła sa, nol pàssa gnànca l’esame de Lupo Cazadór. Te sì própio simpatica, me vignarìe vòja de magnàrte… vùi dìr de bàsi… cóme te ciàmetu bèła…” [Il nostro sindacato ci dà tutti i manuali che occorrono: questa fiaba qua, se un lupo non la sa, non passa neanche l’esame di Lupo Cacciatore. Sei proprio simpatica, mi verrebbe voglia di mangiarti… voglio dire di baci… come ti chiami, carina…]

Cappuccetta: “Me ciàma che’àltri… mi no me ciàme mài…” [Mi chiamano gli altri… io non mi chiamo mai…]

Lupo: “Sta rispòsta qua la è vècia come ła fiàba de Capucéto Rósso… magàri te si ti…se vedarén…” [Questa risposta è vecchia come la fiaba di Cappuccetto Rosso… magari sei tu… ci vedremo…]

Cappuccetta Rossa: “No so se se vedarén… mi no sòn pròpio par gnént Capucéto Rósso… ”  [Non so se ci vedremo… io non sono proprio per niente Cappuccetto Rosso…]

Lupo (in animo di andare dalla nonna): “Se vedarén, se vedarén…” [Ci vedremo, ci vedremo..]

Cappuccetto2
Gustavo Doré

Quando arriva Cappuccetta, alle sei e cinque di sera, la nonna è già stata mangiata (e non la può più salvare neanche il professor Tramontini) e il lupo è sotto le coperte, travestito da nonna che attende, controllando l’orologio. Che sia il lupo, Cappuccetta fa finta di non capirlo o non lo capisce davvero? fatto sta che dopo un poco si trova sotto le coperte, assieme alla nonna. Come si possa confondere un lupo con una nonna, questa è una stupidaggine che alcuni di noi (i peggiori?) non hanno mai bevuto, altri, invece, sì.

Nota a verbale: alcuni hanno bevuto la fandonia solo per fare un piacere a chi raccontava la storia.

Cappuccetta: “Nòna, che òci gràndi, ‘nca màssa…” [Nonna, che occhi grandi, anche troppo]

Nonna-Lupo: “Sìtu vegnìsta a catàrme par far crìtiche?… ho més téi óci beładòna, par far ła me figùra…” [Sei venuta a trovarmi per fare critiche? ho messo negli occhi belladonna (una solanacea che dilata le pupille) per fare la mia figura]

Cappuccetta: “Nòna, che bòca grànda, ‘nca màssa…” [Nonna, che bocca grande, anche troppo]

Nonna-Lupo: “Aaaahh! Marìa Vèrgine! Te vée dìta che no te fa àltro che criticàr… me sòn fàta un fià de lìfting, magàri me càte un morosét…” [Aaaahh! Maria Vergine! Ti avevo detto che non fai altro che criticare… mi sono fatta un poco di lifting, magari mi trovo un fidanzatino]

Cappuccetta: “Nòna, che man piène de péłi, ‘nca màssa…” [Nonna, che mani piene di peli, anche troppi]

Il lupo non sa più che scusa inventare, guarda ancora l’orologio e sbotta:

Vàrda stùpida, che mi són el lùpo! el lùpo! Àtu capìo? Te si fortunàda che mi finìsse el tùrno a łe sìe e dèss l’è łe sìe e un quàrto! Mi varìe da  magnàrte ma l’è màssa tàrdi, te si rivàda tàrdi e no vùi rògne coi sindacàti, co l’Inps, co l’Inail e co tùti quèi che fa quistión par dièxe menùti de fòra oràrio. Mi rispète tùti e vùi esser rispetà. Ciao. Te magnarò n’àntra vòlta, tel me oràrio, quàndo che sarò in regoła e nessùni podarà far ciàcołe, par l’amór de Dio…” [Guarda, stupida, che io sono il lupo! il lupo! hai capito? Sei fortunata che finisco il turno alle sei e adesso sono le sei e un quarto! Dovrei mangiarti ma è troppo tardi, sei arrivata tardi e non voglio rogne coi sindacati, con l’Inps, con l’Inail e con tutti quelli che fanno questione per dieci minuti di fuori orario. Io rispetto tutti e voglio essere rispettato. Ciao. Ti mangerò un’altra volta, nel mio orario, quando sarò in regola e nessuno potrà fare chiacchiere, per l’amor di Dio…]

Conclusione:

  • Nonna mangiata per sempre.
  • Quando si va per lupi, andare quando l’orario del lupo è scaduto.
  • Cappuccetta Rossa ha avuto una fortuna sfacciata perché nulla sapeva dell’orario.
  • Il cacciatore non esiste: non ha senso, non serve a niente.
  • Il lupo è passato in ufficio a timbrare il cartellino di fine lavoro, poi se n’è andato a casa sua, ha saltato la cena (si era pappato la nonna…) e si è guardato per TV lo spettacolo ecologico: “Il lupo, questo sconosciuto.”

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...