Freddura sporca [127]

reteAnche se è una freddura sporca, va bene per i bambini: questa volta non si tratta di un tema, bensì di un riassunto e alla fine esamineremo la freddura sporca.

Il riassunto andava fatto su una storia ricavata da un quotidiano di Venezia, che la maestra Jolanda Talotti legge in classe. L’articolo del giornale fa riferimento a dei pescatori della laguna, visitati dal giornalista. Durante la visita, il giornalista chiede come siano morti il bisnonno, il nonno e il padre del pescatore intervistato: risultano morti tutti in mare. Il giornalista chiede perché allora il pescatore non cambi lavoro.

Il pescatore riflette a lungo e poi chiede al giornalista che mestiere avessero fatto tutti i predecessori del giornalista. Risulta che tutti fecero i giornalisti e che morirono tutti nel proprio letto. A questo punto il pescatore, prima di interrompere il dialogo e rimettersi a riparare le sue reti, chiede all’intervistatore per quale motivo continuasse a fare il mestiere del giornalista. Ecco Pierino all’opera col suo riassunto.

Piero Carniel.

Quinta elementare, scuola Armando Diaz.

Signora maestra Jolanda Talotti.

Zenson di Piave, Treviso, 19 maggio 19..

Riassunto del pescatore letto in classe dalla signora maestra.

Il giornalista si occupa dei fatti degli altri per mestiere non perché curioso e trova il pescatore che fa i nodi sulle reti da pescare e le giusta e ci chiede  come sono morti i pescatori e di figlio in padre e di padre in figlio e nonno e bisnonno in mare pescando.

E lui pesca in mare e sa che muore e ci chiede al giornalista che sa che muore sul letto e come sono morti i giornalisti e di figlio in padre e di padre in figlio e nonno e bisnonno in letto scrivendo curiosi.

E allora perché vi agnate di noi. [E allora perché (voi giornalisti) vi lagnate di noi (pescatori)]

Fine del riassunto.

Siamo alla fine e resta da esaminare la freddura sporca: per fare questo, andate dal gelataio, comperate un cono gelato, assaggiatelo una sola volta e gettatelo per terra. Grazie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...