Il sacco [133]

sacco

Nane e Toni erano due disoccupati e non sapevano come fare a sbarcare il lunario. Mentre Toni era perspicace, intelligente e la sua condizione era da considerarsi transitoria, Nani era un poco… un poco… beh, insomma, non troppo acuto…

Un giorno, Nane è seduto fuori dall’osteria, nel paese di… omissis …, vicino a San Biagio di Callalta, nel trevisano, quando sente suonare un clacson e, con la coda dell’occhio, vede una macchina lussuosa.

Pensa che non stiano sicuramente rivolgendosi a lui, quando sente una voce che lo chiama: “Nane! Nane Girardi!”

Al che, dato che Nane Girardi era lui, si volta a guardare il pilota della macchina lussuosa: è il suo amico Toni, il quale nel frattempo scende e gli si avvicina.

Nane: “Vàrda che ràθa de màchina… scométe che te ha fàt i schèi… almànco te me paghésse ła marénda…” [Guarda che razza di automobile… scommetto che hai fatto i soldi… almeno tu mi pagassi la colazione…]

Toni: “Te pàghe ła marénda e te inségne ànca a ciapàr un frànco…e anca dó…” [Ti pago la colazione e t’insegno anche a guadagnare una lira… e anche due…]

Toni (di seguito): “Bisogna che te èppie ‘na curtiłìna e un sàc, no tànt gràndo. Te va ai giàrdini e co te véde un che vàrda el giornàl, sentà su na banchéta, te ghe ciàpa in man na récia, te ghe móstra ła curtiłìna e te ghe dìss: fòra i schèi, mòro, sinò te pòl sałudàr ła to récia…” [Devi avere un coltello da tavola e un sacco, non tanto grande. Vai ai giardini e quando vedi uno che legge il giornale, seduto su una panchina, gli prendi in mano un’orecchio, gli mostri il coltello e gli dici: fuori i soldi, moretto, sennò puoi salutare il tuo orecchio…]

Nane: “Ma… éła na ròba che va?” [Ma… è una cosa che funziona?]

Toni: “Bàsta vardàr ła me màchina…” [Basti guardare la mia automobile…]

Nane: “Ben… vùi provàr suìto… te sì un amìgo…” [Bene… voglio provare subito… sei un amico…]

Toni era un po’ preoccupato perché sapeva che Nane non era molto sveglio ma un giorno lo vede che si aggira per il paese con aria furtiva, con un sacco pieno e con un coltello da tavola in mano.

Lo chiama e Nane si avvicina.

Toni: “Me par, dal sac pièn, che ti sì drìo ciapàr un frànco…” [Mi sembra, dal sacco pieno, che tu stia guadagnando qualcosa…]

Nane: “Par adèss, Toni, frànco gnànca un… ma vàrda qua tel sàc: vàrda, vàrda quànte réce…” [Per adesso, Toni, lira nemmeno una… ma guarda qua nel sacco: guarda, guarda quanti orecchi…]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...