Pecore di Vittadello [134]

Pecore

Revisione 24 nov 2018 – Premessa: per capire il senso di questa storia, bisogna sapere che uno dei negozi più prestigiosi per l’abbigliamento a Venezia era (ed è tuttora) il negozio ‘Al Duca d’Aosta’ in Merceria, vicino al Ponte dei Bareteri (e a Mestre, in piazza Ferretto), mentre un negozio molto economico ma comunque molto ben fornito era (e non c’è più) Vittadello, che si trovava anche in Campo San Lio.

Tutti i veneziani, non eccessivamente facoltosi, erano clienti abituali di Vittadello, anche se non dispiaceva a nessuno soffermarsi ad ammirare le cose lussuose del ‘Duca’.

Una volta, Piero Metibon, promosso a capo area in Marittima, decise di festeggiare la sua promozione, rendendo noto a tutti che si sarebbe comperato un cappotto di lana al ‘Duca’.

Entrò nel prestigioso negozio e ordinò sui due piedi un cappotto che aveva adocchiato da una settimana. Bellissimo, gli andava perfettamente e il commesso disse:

El ghe va a penèło… vòl dìr dó ròbe: che i nòstri sàrti i xe bràvi e che lù el gà un fìsico perfèto…” [Gli va a pennello… il che vuol dire due cose: che i nostri sarti sono bravi e che lei ha un fisico perfetto…]

Piero, lusingatissimo, comperò il cappotto e lo pagò 350 mila lire, sei mesi di paga di un buon impiegato. Non gli fecero una lira di sconto perché non era costumanza del ‘Duca’.

Arrivato a casa, tutti, dico tutti, vollero vedere il nuovo acquisto:

Compliménti, beàto ti che ti pól… se vìve ‘na vòlta sóła… ma te tocarà pagàr da bévar…” [Complimenti, beato te che puoi, si vive una volta sola… ma ti toccherà pagar da bere…]

Salta fuori l’amico Giorgio: “Xe véro che se vìve ‘na vòlta sóła, ma no sarìa mài da far ła figùra del móna…” [Vero che si vive una volta sola, ma non  sarebbe mai da far la figura dello sciocco…]

Piero: “Ciò, brontołón invidióso, còssa xe che ti voréssi dìr…” [Hei, brontolone invidioso, cosa vorresti mai dire…]

Giorgio: “Brontołón, invidióso, mi? no dirìa… el paltò ti ło tróvi idèntico idèntico spuà in Campo San Lio, da Vitadèło, co ‘na ùnica, pìcoła, difarènsa: che da Vitadèło el còsta séntocinquànta, no treséntocinquanta… ma se uno el vól mostràr i schèi, elóra, ària ai mónti, ària ai bèssi…” [Brontolone, invidioso, io? non direi… il cappotto lo trovi identico identico sputato in Campo San Lio, da Vittadello, con un’unica, piccola, differenza: che da Vittadello costa 150 mila lire, non 350… ma se uno vuol mostrare il denaro, allora, aria ai monti, aria ai soldi…(modo di dire per riferirsi ad una persona che coglie ogni occasione per far notare i propri mezzi)]

A queste parole, apriti Cielo…

Altri astanti: “El paltò… el sarà difarénte… “ [Il cappotto sarà diverso…]

Altri astanti: “Ma figùrite se xe mài possìbiłe…” [Ma figurati se è mai possibile…]

Altri astanti: “No ti vorà mìga che i ghe ròba i schèi cussì…” [Non vorrai mica che gli rubino i soldi così…”

Ma, ormai, il sasso era stato lanciato nello stagno e, il giorno dopo, Piero si reca da Vittadello, naturalmente senza il cappotto nuovo.

Guarda la vetrina e… sembra… uguale… uguale… proprio uguale…

Tira un respiro per farsi coraggio, entra e chiede di provare il cappotto: è uguale, tranne ovviamente che per l’etichetta, rispecchiante il nome del negozio. Anche la fodera è uguale, anche i bottoni… insomma, è identico!

Il commesso attacca: “El ghe va a penèło… vòl dìr dó ròbe: che i nòstri sàrti i xe bràvi e che lù el gà un fìsico perfèto…” [Gli va a pennello… il che vuol dire due cose: che i nostri sarti sono bravi e che lei ha un fisico perfetto…]

Piero: “El sénta, el łàssi stàr che ‘sta fiàba ła sò zà… el me dìga, invésse: gnénte scónti, scométo…” [Senta, lasci stare che questa fiaba la so già… mi dica, invece: niente sconti, scommetto…]

Commesso: “El xe fortunà, siór; su ‘sto càpo, ghe farià puìto: novànta càrte da mìle… in promossión..” [Lei è fortunato, signore; su questo capo, le farei bene: novanta mila lire… in promozione..]

Piero, a momenti, sviene dalla rabbia: ha pagato 350.000 lire un cappotto che si poteva avere, identico, per 90.000 lire… sono mesi di lavoro…

Dice che ci penserà ed esce senza dire niente, fuori di sé dal nervoso e va direttamente sino ‘Al Duca d’Aosta’. Cerca il commesso, lo trova e dice:

Ièri àltro lù el me gà vendùo un paltò par treséntosinquànta càrte da miłe! da Vitadèło i ło vénde spuà compàgno par novànta! còssa fémo dèsso!” [L’altro ieri lei mi ha venduto un cappotto per 350.000 lire! da Vittadello lo vendono sputato uguale per 90.000 lire! cosa facciamo adesso!]

Il commesso è allibito; colto con le mani nel sacco, chiama il suo superiore, il quale non si fa intimidire da Piero ed esclama con sicurezza:

“Xe na quistión de quałità! el se ricòrdi che tùti i nòstri càpi i xe del Duca d’Aosta! tùti garantìi  e marcài  Pùra Làna Vèrgine!”  [è una questione di qualità!si ricordi che tutti i nostri capi sono del Duca d’Aosta! tutti garantiti e marcati Pura Lana Vergine!]

Piero: “Discórsi da farme végnar el borésso! el créde de contàrme quéła de l’órso! el se vergògna! còssa me intaréssa a mi se łe piègore de Vitadèło łe xe tùte póco de sèsto!” [Discorsi da farmi venire la ridarella! lei crede di raccontarmi quella dell’orso! si vergogni! cosa interessa a me se le pecore di Vittadello sono tutte poco serie!]

1 commento su “Pecore di Vittadello [134]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...