Colpo di grazia [169]

crocerossaRevisione 26 nov 2018 – Siamo sulla Piave, durante la Grande Guerra. Una battaglia nella zona di Fagarè è appena finita. Una delle tante, purtroppo, tantissime. Dopo la disfatta di Caporetto del 1917, gli italiani hanno arginato l’avanzata degli Imperi Centrali sulle rive della Piave. Continua a leggere Colpo di grazia [169]

Usanze 2 [168]

geranioRevisione 26 nov 2018 – La notte di San Giovanni (tra il 23 e il 24 di giugno).

La notte di San Giovanni presenta due fenomeni:

  • Il gambo di geranio legato ad una pertica secca.
  • La chiara d’uovo versata nell’acqua di una scodella.

Continua a leggere Usanze 2 [168]

Usanze 1 [167]

Piave
Una parte della Sinistra Piave: Cimadolmo, Ormelle, Roncadelle, Negrisia, Ponte di Piave.

Revisione 26 nov 2018 – Ci sono degli argomenti interessanti, quasi soltanto un appunto, per i quali non vale la pena di fare un articolo unico ma che vale la pena di esporre. Li riuniremo col nome di Usanze: della Valle del Piave, naturalmente. Continua a leggere Usanze 1 [167]

Chichibìo di Boccaccio [166]

gruRevisione 26 nov 2018 – Chichibìo è un cuoco veneziano di cui si parla nel Decameron di Giovanni Boccaccio, del XIV° secolo. Come facciamo sempre in questi casi, riprendiamo qui la novella e la scriviamo in un modo tale che sia comprensibile ai giovani lettori, ambientandola nei luoghi d’origine del cuoco veneziano piuttosto che in Toscana. La novella, per altro, è liberamente adattata. Chi volesse leggersi l’originale, dovrebbe andare alla Giornata VI del Decameron. Continua a leggere Chichibìo di Boccaccio [166]

Chi fa le carte [165]

DalNegro
Carte da gioco trevisane: gli assi.

Revisione 26 nov 2018 – C’è stato un periodo, attorno al 1966, in cui mia nonna era ricoverata all’ospedale, io lavoravo in banca e quindi dormivo nella pensione X del paese Y, nel Trevigiano. Nel paese Y abitava il grande professor C.A. della clinica neurologica di Bologna, amicissimo di I.D.N., noto fabbricante di carte da gioco, scacchi eccetera. Il venerdì sera, il professor C.A. lasciava la clinica di Bologna e tornava al paese, per rilassarsi un poco. Continua a leggere Chi fa le carte [165]

Il novellatore di Azzolino [164]

novellatoreRevisione 26 nov 2018 – Come per il Vescovo Aldobrandino, a cui rimandiamo, anche questa storia è per i ragazzini ed è tratta dal Novellino. Il linguaggio del Novellino non è molto semplice e le storie sono raccontate (quasi tutte) in modo arzigogolato e con una sintassi desueta. Continua a leggere Il novellatore di Azzolino [164]

Filò 4 [163]

carro

Revisione 26 nov 2018 – Le strade infernali.   

Nei filò, che di solito si tenevano nelle notti di autunno o d’inverno, forse per la luce fioca o forse per la temperatura fredda, il racconto verteva spesso su temi misteriosi, per non dire lugubri. Continua a leggere Filò 4 [163]

Filò 3 [162]

TombaRevisione 26 nov 2018 – (Racconti della nonna Epo nei filò)

L’influenza spagnola.
Si chiamava così perché la Spagna non era coinvolta nella Grande Guerra e quindi i giornali spagnoli ne parlavano senza alcuna censura. La realtà è che fu portata in Europa dalle truppe statunitensi. Continua a leggere Filò 3 [162]

Filò 2 [161]

Filo2
Mucca di razza rendena con profilo di militare austriaco nella Grande Guerra.

Revisione 26 nov 2018 – (Racconti della nonna Epo nei filò)

La mucca rubata.

Premessa: gli austriaci (i todeschi) hanno perso la guerra perché non avevano più niente da mangiare, né munizioni, né generi di alcun tipo: questa è la condanna di coloro che troppo baldanzosamente si allontanano da casa loro o che, per qualunque motivo, non riescano a concludere rapidamente le ostilità. Continua a leggere Filò 2 [161]

Filò 1 [160]

cuculo
Cuculus canorus, lunghezza 30~35 cm. ♂ maschio, ♀ femmina.

Revisione 25 nov 2018 – Distingueremo, per quanto possibile, negli articoli sui filò, tra la parte tradizionale e culturale (che chiameremo appunto Filò, perché molte volte le storie si sentivano in quell’ambiente) e una parte scientifica, per capirne le differenze.
Continua a leggere Filò 1 [160]

Caccia grossa 4 [159]

pantheraPardus
Leopardo africano (panthera pardus).

Revisione 25 nov 2018 – In alcuni articoli precedenti di cui l’ultimo è il numero 3, abbiamo parlato di veneziani dediti alla caccia grossa in Africa. Nella casa dell’anfitrione  di Barbaria delle Tole, viene organizzato un ricevimento per celebrare i fasti africani dell’anno trascorso. Continua a leggere Caccia grossa 4 [159]

Passatempo linguistico [158]

CruciverbaVuoto

La  soluzione è stata pubblicata. Vedi la fine di questo blog.

Revisione 25 nov 2018 – A titolo sperimentale, proponiamo un cruciverba abbastanza complesso. Si tratta di un cruciverba normale, solo che le domande sono fatte in molte lingue e le parole da inserire come risposta sono pure in molte lingue. Continua a leggere Passatempo linguistico [158]

Realtà della realtà [157]

campanelleRevisione 25 nov 2018 – Nella sinistra Piave ma anche altrove, c’è una convinzione assoluta: il gatto fa da barometro. La storia che si racconta nei filò è che quando l’animale fa le pulizie personali e si deterge il muso con la zampa, se con la zampa stessa passa l’orecchio, è segno che arriverà o permarrà brutto tempo; se invece non passa l’orecchio (con movimento meno ampio del precedente), ciò significa che arriverà o permarrà bel tempo. Continua a leggere Realtà della realtà [157]

Letto matrimoniale [156]

lettoRevisione 25 nov 2018 – A Venezia, Ferruccio Zorzi aveva l’abitudine di stare fuori alla sera un poco troppo. Non che facesse qualcosa di male nel senso letterale del termine ma stava fuori, in osteria, anche fino alle quattro di mattina. Continua a leggere Letto matrimoniale [156]

Il pappagallo cattivo [155]

pappagallo
Pappagallo di razza Ara, brasiliano.

Revisione 25 nov 2018 – Due sposini veneziani sono in viaggio di nozze sulle spiagge romagnole. Facendo una passeggiata alla sera, per il centro della cittadina che li ospitava, si imbattono in un negozio molto bello, che vende pappagalli di tutti i tipi. Costano parecchio: 300 euro, 400 euro, uno addirittura 600 euro. Si tratta di un ara, coloratissimo e bellissimo. Continua a leggere Il pappagallo cattivo [155]

Contadino stakanovista [154]

Falce
La falce fienaia, a doppia lama.

Revisione 25 nov 2018 – Settimo faceva il contadino, abitava in un paesino della sinistra Piave ed era iscritto al Partito NSDM (Non Si Dice Mai). Per caso, il capoccia del partito, onorevole Rosmini, abitava in una villa vicina ed aveva dato incarico a Settimo di lavorare ad ore i suoi tre campi di terra. Continua a leggere Contadino stakanovista [154]

Il serpentello giallo e nero [153]

snakeRevisione 25 nov 2018 – Storia per i ragazzi: un veneziano che aveva dei conti in sospeso con la giustizia decide di andare a Marsiglia e di arruolarsi nella Legione Straniera con ferma iniziale di cinque anni: nessuna domanda sul passato, massima disciplina. Continua a leggere Il serpentello giallo e nero [153]

Un bicchiere di rosso [152]

ombraRevisione 25 nov 2018 – Siamo nel 1965, nel paese di SPDP, zona del vino rosso, sinistra Piave. Nella filiale della banca locale si verifica un grossissimo scandalo, tale per cui il cassiere e il vice-direttore vengono rimossi con decorrenza immediata e licenziati. Continua a leggere Un bicchiere di rosso [152]