Caccia Grossa 1 [145]

Ernest Hemingway- Safari – gennaio 1934

Nel lontano 1936 un gruppo veneziano si reca nel Congo Belga per una spedizione di caccia. Lo fa perché sulle riviste specializzate era pubblicata la foto che vedete, del 1934, che ritrae lo scrittore Ernest Hemingway, sorridentissimo, al fianco di un povero leone, sprovvisto di fucile.

Il viaggio è infernale, a bordo di camionette scassatissime. Non c’era gran che da prendere allora, figuriamoci ai giorni nostri. Per tutta la strada del ritorno, da Kinshasha a Roma in aereo e da Roma a Venezia in treno, non si fa altro che parlare della fortuna sfacciata di Hemingway nella fotografia e della sfortuna sfacciata dei nostri eroi, che hanno preso poco o niente.

Uno dei nostri eroi azzarda: “Mi, mi penso che ła fotografìa de l’americàn col leòn ła podarìa èssar ànca, fòrse, dìgo fòrse…” [Io, io penso che la foto dell’americano col leone potrebbe essere anche, forse, dico forse…]

“Ma còssa…” [Ma cosa…]

“Che no ła sìa… che ła podarìa ‘ncà éssar… un… fotomontàgio…” [Che non sia… che potrebbe anche essere… un… fotomontaggio…]

Bruciava forte, la sconfitta… arrivano alla stazione di Santa Lucia, evitano i giornalisti per la vergogna e vanno a casa di amici fidati, in Barbaria delle Tole, vicino a Campo Santa Giustina.

Ben tornài, disème còssa xe che voréssi magnàr… dixéme, che intànto fàsso pareciàr…” [Ben tornati, ditemi cossa vorreste mangiare… ditemi che intanto faccio preparare…]

Magnarìssimo… no stà rìdar… pastassùta, po’ ‘ncòra pastassùta…” [Mangeremmo… non ridere… pastasciutta, poi ancora pastasciutta…]

Stamatìna gò fàto compràr całamàri…’na beła pàsta cònsa coi całamàri… e dopo una coi dàteri de mar…” [Stamani ho fatto comperare calamari… una bella pasta condita coi calamari… e dopo una coi datteri di mare (mollusco della roccia, squisito e ora proibito)]

“Che el Signòr te benedìssa…” [Che il Signore ti benedica…]

Il padrone di casa dà le istruzioni per la cena, apre una bottiglia di tocai freschissimo come aperitivo ed esordisce, sedendosi accanto ai cacciatori: “Dèsso, contéme…” [E adesso, raccontatemi…]

Ghe xe póco da contàr: gà ciapà tùto Hemingway… nuiàltri no gavémo ciapà quàsi gnénte… sólche tre o quàtro nusbàri…” [C’è poco da raccontare: ha preso tutto Hemingway, noi non abbiamo preso quasi niente… soltanto tre o quattro nusbari…]

Gò sentìo, de Hemingway… ma còssa saréssii ‘sti nusbàri, no i go mai sentìi mensionàr… e sì che so stà in Africa tànte vòlte…” [Ho sentito, di Hemingway… ma cosa sarebbero questi nusbari, non li ho mai sentiti nominare… e sì che sono stato in Africa tante volte…]

No ti gà mai sentìo el nòme parché se ło gavémo inventà nuiàltri… no savévimo cóme ciamàrli… i xe dei simiotìni sénsa péło, tùti néri, màgri, picenìni, sul mètro e mèzo… che quàndo che ti ghe miri col fusìl, i alsa i brasséti e i se méte a urlàr come desperài: ‘nu sbàri… nu sbàri…’” [Non hai mai sentito il nome perché ce lo siamo inventato noi… non sapevamo come chiamarli… sono dei scimmiottini senza pelo, tutti neri, magri, piccolini, sul metro e mezzo… che quando li miri col fucile, alzano le braccine e si mettono ad urlare come disperati: ‘nu sbàri… nu sbàri…’]

Annunci

2 pensieri su “Caccia Grossa 1 [145]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...