Caccia Grossa 3 [147]

baobab
Un gigantesco baobab con un uomo ai suoi piedi.

Mentre i nostri cacciatori erano in Africa, altri due veneziani, Aldo e Zaccaria, amici poco facoltosi dei cacciatori, commentavano con ammirazione le loro probabili imprese…

Aldo: “Ma ti te pènsi, Zacarìa, un mése de Africa, quànte ròbe che pól sucédar, che divertiménto, quànte ròbe da contàr, che esperiénse, che vìta… ah… mi so’ invidióso, sa… me piasarìa ànca a mi, bastarìa ‘vér un póchi de bèssi…” [Ma ti pensi, Zaccaria, un mese in Africa, quante cose possono succedere, che divertimento, quante cose da raccontare, che esperienze, che vita… ah… io sono invidioso, sai… piacerebbe anche a me, basterebbe avere un po’ di denaro…]

Zaccaria: “Mi no, sa, a spéndar schèi, magàri par rimétarghe ła vìta… no se sa mai còssa che pól sucédar…” [Io no, sai, spendere soldi, magari per rimetterci la vita… non si sa mai cosa potrebbe succedere…]

Aldo: “Ma vàrda che i xe armài, cossa vùsto che sucéda… magàri ‘nca mi…” [Ma guarda che sono armati, cosa vuoi che succeda… magari (succedesse) anche a me…]

Zaccaria: “’Nca ti… e se te saltàsse ‘dòsso un leòn…” [Anche a te… e se ti saltasse addosso un leone…]

Aldo: “Spararìa… col fusìl e ło farìa séco…” [Sparerei… col fucile e lo farei secco…]

Zaccaria: “E se’l cólpo no pàrte?” [E se il colpo non parte?]

Aldo: ”Ciàpo el fusìl par ła càna e ghe dàgo ‘na bòta sul mùso..” [Prendo il fucile per la canna e gli do una botta sul muso…]

Zaccaria: “Mèti che’l fusìl te sbrissàsse de màn… ti sarìssi béo che  mòrto…” [Supponi che il fucile ti scivolasse dalla mano… saresti bello che morto…]

Aldo: “Ma che mòrto! scàmpo su uno de quei àlberi gràndi… el baobab… me sènto su un ràmo e spèto che’l vàda via…” [Ma che morto! Scappo su uno di quegli alberi grandi… il baobab… mi siedo sopra un ramo e aspetto che vada via…]

Zaccaria: “Mèti che’l ràmo, co’l to péso, el se spacàsse… ti sarèssi mòrto sol che cascàndo da queła po’ po’ de altéssa e a dirla tùta, vìvo o no vìvo, ti sarèssi ‘nca sbranà…” [supponi che il ramo, col tuo peso, si spezzasse… saresti morto solamente nel cadere da quel po’ po’ di altezza e a dirla tutta, vivo o non vivo, saresti anche sbranato…]

Aldo rimane un attimo interdetto, guarda fisso negli occhi l’amico e poi dice: “Sta ‘ténto, Zacarìa, in confidénsa, dìme: ma ti xe amìgo mìo o amìgo del leon!” [Stai attento, Zaccaria, in confidenza, dimmi: ma sei amico mio oppure amico del leone!]

 

Annunci

Un pensiero su “Caccia Grossa 3 [147]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...