Caccia grossa 4 [159]

pantheraPardus
Leopardo africano (panthera pardus).

In alcuni articoli precedenti di cui l’ultimo è il numero 3, abbiamo parlato di veneziani dediti alla caccia grossa in Africa. Nella casa dell’anfitrione  di Barbaria delle Tole, viene organizzato un ricevimento per celebrare i fasti africani dell’anno trascorso.

 Il padrone di casa, oltre ad invitare esperti cacciatori, pensa di dare un tono intellettuale ed invita pertanto anche Celeste Rambaldi, famoso professore di filosofia, il quale di Africa non sa nulla  e nemmeno gli importa nulla: Celeste si informa se ci sia il buffet, se ci sia del vino ribolla gialla fresca e, ricevuta la conferma dal nobiluomo XY, ospitante, accetta l’invito.

Appena arrivato e fatte le debite presentazioni, Celeste si prende un bel bicchiere di ribolla gialla friulana, sgranocchia salatini, mangia tartine col salmone, tartine col caviale ed ascolta tutti, col sorriso sulle labbra.

Il padrone di casa fa un giro di ricognizione per vedere se tutto procede secondo i sacri crismi convenzionali e, con la coda dell’occhio, si accorge che il conte Leopoldo Barbarigo, grandissimo cacciatore, sta parlando concitatamente col professor Celeste Rambaldi.

Ci sono addirittura i cotillons etnici per le signore e, inoltre,  i reduci dall’Africa mostrano alcune diapositive: insomma, un pomeriggio di gran classe.

Dopo una settimana circa, il nobiluomo XY entra all’Harry’s Bar per bersi un Bellini fresco e… chi ti trova? trova l’esimio professor Celeste Rambaldi, seduto al miglior tavolo, vicino alla vetrata, che sta guardando la laguna, sorseggiando un bicchiere di ribolla gialla fresca.

Xy: “Ciao, Cełèste, me sènto quà da ti ànca se sarìa in ‘smàra.” [Ciao, Celeste, mi siedo qua da te anche se sono nella condizione psicologica di non volerti rivolgere la parola]

Celeste, con tono ironico: “Sénti, sénti che fàti… e se podarìa magàri savér ànca el parché…” [Senti, senti che fatti… e si potrebbe magari sapere anche il perché…]

Xy: “Ti ga póco da negàr: te gò vìsto mi che ti ciacołàvi col conte Barbarìgo… Leopòldo Barbarìgo col dìxe ‘na ròba…” [Hai poco da negare: ti ho visto io che chiacchieravi col conte Barbarigo… Leopoldo Barbarigo quando dice una cosa…]

Celeste: “Se ti me spiéghi, magàri dìgo ła mìa… o ànca riconósso el me misfàto… cóme fàsso a negàr: no so ‘ncóra se ti me acùxi de ‘vér robà ła marmełàta o de ‘vèr bastonà el capełàn…” [Se mi spieghi, magari dico la mia… o anche riconosco il mio misfatto… come faccio a negare: non so ancora se mi accusi di aver rubato la marmellata o di aver bastonato il cappellano…]

Xy: “Ti ghe gà contà a Barbarìgo che ti xe stà in Africa mi no so quànto témpo, che ti conóssi el Sahàra cóme łe to scarsèłe, el Sahèl, la Namìbia, el Sudàfrica, el Cóngo… ” [Hai raccontato a Barbarigo che sei stato in Africa non so nemmeno quanto tempo, che conosci come le tue tasche il Sahara, il Sahel, la Namibia, il Sudafrica, il Congo…]

Xy beve un sorso di Bellini e prosegue: “Scólta, quéste xe łe paròłe de Barbarìgo: ‘mi no credéva che el so amìgo professor fùsse un espèrto africàn de quél gènere: el sa tùto de l’Africa ma no in modo superficiàl, el sa le ròbe in mòdo incredibiłménte precìxo e co ‘na capacità de giudìssio invidiàbiłe’ éco, Cełèste… e pensàr che no ti xe mài stà in Africa e de avànso no te ga gnànca mài interessà l’argoménto… ‘na brùta figùra compàgna… e dèsso, cóssa ghe contémo a Barbarìgo…” [Ascolta, queste sono le parole di Barbarigo: ‘non credevo che il suo amico professore fosse un esperto africano di quel genere: sa tutto dell’Africa ma non in modo superficiale, sa le cose in modo incredibilmente preciso e con una capacità di giudizio invidiabile’ ecco, Celeste… e pensare che non sei mai stato in Africa e inoltre non ti sei mai interessato dell’argomento… una brutta figura simile… e adesso, cosa raccontiamo a Barbarigo…]

Celeste: “La filosofìa del consénso… vàrda che mi no go dìto gnénte e gnànca scoltàva bèn. D’ògni tànto, più che àltro par creànsa, mi dixéva: ‘sì… giustaménte… còme no… sicùro… par fòrsa… son d’acòrdo… conte, el so ragionaménto el se spiéga da lù sóło…’ èco, mi dixéva un póche de ‘ste monàe qua e intanto me bevéva el vin biànco frésco, bon, sa… ribóła zàła del Friùli… àltro che Africa…” [La filosofia del consenso… guarda che io non ho detto alcunché e nemmeno ascoltavo bene. Ogni tanto, più che altro per le buone maniere, dicevo: ‘si… giustamente… come no… sicuro… per forza… sono d’accordo… conte, il suo ragionamento si spiega da solo…’ ecco, io dicevo un poche di queste stupidaggini e intanto mi bevevo il vino bianco fresco, buono, sai… ribólla gialla del Friùli… altro che Africa…]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...