Cinque minuti diversi [173]

orologioQuando si vive, si cerca di stabilire qualche massima, qualche proverbio o qualche frase che ci possano servire da regola. Questi elementi dovrebbero soccorrerci nel creare una certa filosofia di vita. Pochi principî, in verità, che servano tuttavia per spiegarci la vita e quello che ci succede.

Queste sono anche le ragioni per cui gli esseri umani amano i proverbi. Ad esempio, il proverbio [1] ‘Chi la fa, l’aspetti’ ci è molto utile per spiegare agli altri e a noi stessi come non sia conveniente comportarsi male. Tale proverbio può essere in contrasto (vedi le nostre note sul doppio legame) con l’altro adagio [2] ‘chi non risica non rosica’ anche se non è esattamente il contrario del precedente. Se ci troviamo in un gruppo di audaci, potremmo anche usare in contrasto [3] ‘la prudenza non è mai troppa’ oppure, se il gruppo è composto da religiosi osservanti, potremmo dire invece [4] ‘non fare agli altri…’.

Le combinazioni e le sfumature sono molteplici.

Molte volte chi usa frasi fatte le usa non tanto come regola di vita ma per avvalorare la decisione che si sta per prendere al momento. Se mi conviene, declamerò che [5] ‘l’unione fa la forza’ ma sarò pronto a sostituirlo, sempre se mi conviene, con [6] ‘chi fa da sé fa per tre ’.

Un suggerimento è di non usare i proverbi che hanno delle rime nel loro enunciato. Ad esempio [7] ‘chi lascia la strada vecchia per la nuova, mal si ritrova’ farà rima anche in tedesco? diffidate quindi dei proverbi in rima. Lo stesso dicasi se fa rima in dialetto: che ne sarà in italiano?

Ade esempio [8] ‘chi sparàgna, gàta màgna’ perde di notevole efficacia se tradotto in ‘chi risparmia, gatto mangia’.

N.B. Quasi tutti i proverbi hanno ‘gatta’ e non ‘gatto’ e in greco si dice ancora oggi ‘gata’ (γάτα). Questo perché fino a non molto tempo fa nel nostro paese si diceva gatta (come d’altronde tigre) e non gatto. A riprova:

  • tanto va la gatta al lardo…
  • avere una gatta da pelare.
  • gatta ci cova (non fa le uova e quindi sarebbe improprio). Se il consiglio che viene dato non era stato richiesto, gatta ci cova.
  • un òcio a ła gàta e un a ła técia. [stai all’occhio…]
  • ła gàta coi guànti no ciàpa sórzi. [non prende topi]
  • ła gàta lèca davànti e sgràfa da drìo. [lecca davanti e graffia dietro]
  • gàta gràssa, càsa da sióri. [casa da ricchi]
  • dòna in finèstra, gàta in minèstra. [donna alla finestra…]
  • gàta che dòrme, sórzi che bàgoła. [topi che fanno baldoria]
  • la gatta sul tetto che scotta [non c’entra, ma fa letteratura]
  • ła gàta baùca fa el sòrze lazarón.
  • ła gàta in convénto xe sèmpre ‘na gàta.
  • ła gàta créde de ésser ła paróna.
  • ła gàta ghe piàxe el pésse ma no ła vól bagnàrse łe sàte [si dice dei fannulloni: bagnarsi le zampe]
  • ła gàta xe onèsta co no ła rìva al bocón. [onesta se non c’è l’occasione]
  • ła gàta tién scónte łe ónge [tiene nascoste le unghie].
  • ła gàta, davànti al làte, ło łéca.
  • paróna conténta e gàta conténta.

Ci sarebbe un proverbio con ‘gatto’: ‘Non dire gatto fin che non ce l’hai nel sacco’ ma se lo è inventato Giovanni Trapattoni e quindi non vale.

E veniamo alla massima filosofica che mi è stata detta da un vecchio gansèr (vedi):

In veneziano.

Tùti nuiàltri gavémo sìnque minùti de mòna ogni giórno e durànte i sìnque minùti no savémo quéło che fémo:

  • Ghe xe chi che xe fortunà: a łori, i ghe càpita sémpre de nòte. Quésti i devénta sióri, professóri, podestà, presidénti.
  • Ghe xe chi che i ghe càpita de nòte ma tànte vòlte ànca de giórno. Sti qua xe le persóne che ti védi par ła stràda. Se gèra un tòco che i ghe capitàva de nòte, se i gèra drìo fàrse calcòssa de bon… sul più bèło i sìnque minùti de móna i ghe rìva de giòrno e cussì i se rovìna fóra tùto.
  • E dopo, ti sa, ghe xe quéi come mi, che i sìnque minuti i ghe càpita quàxi sémpre de giórno e cóme che ti védi fàsso el gansèr…

No xe che uno sìa móna sémpre… ma se te càpita i sìnque minùti de giórno, gràn fàto che ti sìi rovinà…

In italiano:

Tutti noi abbiamo cinque minuti di stupido ogni giorno e durante i cinque minuti non sappiamo quello che facciamo:

  • C’è chi è fortunato: a costoro, i cinque minuti capitano sempre di notte. Questi diventano ricchi, professori, podestà, presidenti.
  • Ci sono quelli ai quali capitano di notte ma tante volte anche di giorno. Questi sono le persone che vedi per la strada. Se era un pezzo che (i cinque minuti) capitavano loro di notte, se stavano costruendo qualcosa di buono… sul più bello, i cinque minuti di stupido gli arrivano di giorno e così si rovinano tutto.
  • E dopo, che tu lo sappia, ci sono quelli come me, ai quali i cinque minuti capitano quasi sempre di giorno e come vedi faccio l’ormeggiatore di gondole…

Non è che uno sia stupido sempre… ma se ti capitano i cinque minuti durante il giorno, e molto probabile che tu sia rovinato…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...