Marco e Todaro 1 [196]

marcoTodaro

[Click una o due volte per ingrandire.]

Prologo: Marco e Todaro sono le due colonne che delimitano la Piazzetta San Marco a Venezia e sono in posizione sin dal XII° secolo.

Raffigurano San Marco tramite il leone alato e San Teodoro di Amasea, bizantino e guerriero raffigurato mentre uccide un drago. San Teodoro era protettore di Venezia prima di San Marco. Un certo Nicolò Barattiero, padovano, riuscì a mettere in piedi le due colonne, con un gioco di bagna e asciuga apportato alle funi atte a raddrizzare le colonne stesse. In cambio del successo, fu autorizzato ad avere l’esclusiva del gioco d’azzardo nello spazio tra le due colonne.

Fino alla metà del XVIII° secolo tra le due colonne vi si trovavano delle botteghe in legno ma poi divenne il luogo deputato alle esecuzioni capitali.

Siccome, tra le due colonne, il condannato a morte per impiccagione vedeva l’orologio dei mori, (esistente dal XIV° secolo) ed era l’ultima cosa che il condannato vedeva, è rimasto il modo di dire: ”Te fàsso vèdar mi che óra che xe.” come minaccia in ricordo dell’episodio [Ti faccio vedere io che ore sono]: come dire ‘Ti punisco severamente’.

Marco e Todaro assistono da 850 anni a ciò che succede e pertanto hanno una grossa esperienza… nei nostri dialoghi immaginari vediamo Marco e Todaro che esprimono le rispettive opinioni su fatti e misfatti del tempo.

Todaro: “Marco, ti gà sentìo, i gà trovà un pianéta che ghe somègia al nòstro… prìma o dòpo, se ghe rìva…”

Marco: “Me sa che ghe rivémo più dòpo che prìma…”

Todaro: “Sentìmo łe crìtiche: no ti xe bón de dir àltro…”

Marco: “Fasséndo i cónti, co na astronàve atòmica che aumenta sèmpre de più in vełocità, fin a un dècimo de ła lùce, a ‘ndar su Pròssima del Centàuro, che xe la stéła più da vissìn, ghe vorìa quarànta àni. El mondo che i gà trovà, Kepler 452b, el se tróva 350 vòlte più distànte e par rivàrghe ghe vorìa 14000 àni. Se quèłi che ti mèti in astronàve i fasésse sémpre fiòi, ghe vorìa 560 generassión… se i fa do fiòi a còpia ogni 25 ani e i pàrte al mànco in diese, se rìva da un milión a diése milióni de persòne. ’Na astronàve del gènere bisògna che ła sìa progetàda par dàrghe da magnàr a tùti opùr, man man che i nàsse, copàr  tùti quełi in più, ma no ghe sarìa ricàmbio genètico… pénsa quànto grànda par métarghe  drénto diése milióni de persóne…”

Todaro: “Ma se i gèra ‘ndài vìa parché gèrimo massa, tanto vałèva copàrli qua… ma ‘łóra, cóssa dìsei…”

Marco: “Da quassù, ghe ne gavèmo sentìe tante: una più, una mànco… e po’ méti che in questo momento Kepler 452b el sìa stà fulminà da un meteorìte: ło savarèssimo fra 1400 anì… bóna nòte, Todaro, dòrmighe sóra…”

Todaro: “Bóna nòte, Marco, gò paura ghe ti gàbi raxón ‘nca ‘sta vòlta… ma ghe ne gò pensà n’àntra: che no sìa i połitici che méte fóra łe ciàcołe par straviàrne dal fàto che i ròba a man sàlva… ”

Italiano:

Todaro: “Marco, hai sentito, hanno trovato un pianeta che assomiglia al nostro… prima o poi, ci si arriva…”

Marco: “Penso che ci arriveremo più dopo che prima…”

Todaro: “Sentiamo le critiche: non sei capace di dire altro…”

Marco: “Facendo i conti, con una astronave atomica che aumenti sempre di più in velocità, fino a un decimo della luce, per andare su Proxima Centauri, che è la stella più vicina, ci vorrebbero quarant’anni. Il mondo che hanno scoperto, Kepler 452b, si trova 350 volte più distante e per arrivarci ci vorrebbero 14000 anni. Se quelli che metti in astronave facessero sempre figli, ci vorrebbero 560 generazioni… se fanno due figli a coppia ogni 25 anni e partono almeno in dieci, vien fuori da un milione a dieci milioni di passeggeri. Una astronave del genere dovrebbe essere progettata anche per alimentare dieci milioni di persone oppure, mano a mano che nascono, si ammazzano tutti quelli in più, ma non ci sarebbe ricambio genetico… pensa quanto grande dev’essere per metterci dentro dieci milioni di persone…”

Todaro: “Ma se erano andati via perché eravamo in troppi, tanto valeva ucciderli qua… ma allora (i media), cosa dicono mai…”

Marco: “Da quassù, ne abbiamo sentita tante: una più, una meno… e poi supponi che in questo momento Kepler 452b sia stato fulminato da un meteorite: lo sapremmo tra 1400 anni… buona notte, Todaro, dormici sopra…”

Todaro: “Buona notte, Marco, temo che tu abbia ragione anche questa volta… ma ne ho pensata un’altra: che non siano i politici che diffondono chiacchiere per distrarci dal fatto che stanno rubando a man salva…”

Annunci

Un pensiero su “Marco e Todaro 1 [196]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...