Tra due lupi [206]

lupiI due lupi sono:

  • La spigola o branzino o pesce lupo o Dicentrarchus lupus (dal 1758) o Labrax lupus (dal 1802, Linneo)
  • Il cane da pastore tedesco, appartenente ai cani da pastore e bovari detto anche cane lupo.

Sono in Ispagna, a Denìa (Alicante) e cerco di prendere qualcosa col fucile subacqueo, maschera e pinne, senza bombole: andare a pesca subacquea con le bombole mi sembra una cosa poco gentile.

Una delle catture più prestigiose è il branzino, taglia massima 102 centimetri, peso massimo dodici chili.

Il manuale del pescatore subacqueo dice:

Cattura alla fiocina molto difficile. Pesce carnivoro molto diffidente ma curioso. Se lo portate in acque basse verso le rocce, ostacolandolo quando cerca di tornare verso il largo, ci verrà volentieri per evitarvi e perché con le possenti mascelle ne approfitterà per spezzare cozze ed altri bivalvi. Ad un certo momento è probabile che vi giri attorno in spirali di venti o trenta metri di diametro, spirali che saranno sempre più piccole, sin che deciderà di venire a vedere chi siete, per sua innata curiosità. Il processo può durare anche un paio d’ore e non vi resta che attendere. Poi è probabile che punti verso di voi improvvisamente e velocemente, per vedervi da un paio di metri e poi, una volta che abbia soddisfatto la sua curiosità, non vi verrà vicino mai più: se ne andrà per sempre. Quando sia a due o tre metri, dovrete sparare il colpo di fiocina sulla coda. Se provate a sparare a metà del corpo, scarterà di 90 gradi e quasi sicuramente non lo prenderete, perché, come tutti i pesci, ha dei sensori sul fianco [linea laterale di bottoncini collegati coi nervi dell’orecchio interno] che lo avvertono della compressione dell’acqua causata dalla fiocina in arrivo. Sparando invece sulla coda [sulla coda i sensori non ci sono] i sensori stessi saranno attivati all’ultimo momento, quando la compressione sarà più forte e capace di attivare i sensori del fianco: c’è solo da sperare che in quel momento, avvertito del pericolo, scarti in modo a voi favorevole. Se non lo prendete, non potrete fare altri tentativi perché sarà già lontano. Buona fortuna.

A me sembrava una fiaba: era talmente ben congegnata dallo scrittore, noto esperto di pesca subacquea, che sembrava un’invenzione, d’altro canto, pensavo, come fa uno ad inventarsi una cosa del genere? branzoErano passati un paio d’anni da quanto avevo letto del branzino, sinché a Denìa, quella mattina, su un fondale di cinque metri, chi ti trovo? proprio un bel branzino (che poi risulterà di ben 40 centimetri, vedi foto, con tanto di metro) che morde, spacca e mangia cozze vicino alle rocce, dove tra l’altro c’è gente che prende il sole.

Prima differenza col manuale: è vicino alle rocce e non al largo, quindi penso di allontanarlo con dei colpi di pinna che gli muovono l’acqua, in modo che il pesce successivamente possa fare i suoi giri completi attorno a me. Almeno così spero.

Una volta disturbato dalle pinne, vedo che se ne va al largo di una cinquantina di metri, poi si ferma e… comincia a girarmi attorno! proprio come nel manuale…

Gira lentamente, molto lentamente. Ho un’idea: terrò la mano sinistra guantata a pelo d’acqua e muovo rapidamente le dita, creando uno sciabordìo nel silenzio assoluto. Funziona: il branzino si incuriosisce di tutto l’assieme e comincia a girare più rapidamente ma ormai è passata un’ora buona. Mi dico:

“Sembra vero, come nel manuale… forse taglierà il cerchio di colpo, una volta sola, per venire più vicino a curiosare… dovrai mirare alla coda.”

Passa un’altra ora… il diametro diventa sempre più piccolo ma di pochissimo, è curioso ma non si fida: è combattuto tra curiosare e non fidarsi. Le dita della mano sinistra ormai sono anchilosate o quasi, sono due ore che le muovo a pelo d’acqua e comincio a dire che anche se non lo prendo non sarebbe la fine del mondo, quando taglia all’improvviso a forte velocità, punta verso di me… è ancora a oltre tre metri e non sparo, a due e mezzo circa forse ce la faccio perché ho sagola (la corda che tiene l’arpione) sufficiente, punto alla coda, premo il grilletto. Come premo il grilletto e la fiocina è a metà strada, si accorge e scarta ma per lui è troppo tardi: è spacciato, si fa prendere sul fianco.

Dalla contentezza, dalla soddisfazione, col branzino sull’arpione esco dall’acqua, mi tolgo il boccaglio e grido: “Ho preso il branzino! l’ho preso!” nel frattempo alzo la fiocina col pesce infilato e la agito in segno di trionfo.

Mi accorgo improvvisamente di non essere lontano dalla riva ma di essere a cinque o sei metri dalle rocce, dove la gente prende il sole e c’è anche un cane lupo, probabilmente addestrato al salvataggio dei bagnanti in pericolo, il quale vede questo individuo che grida.

Il cane pensa: “Senti come grida, guarda come si agita, questo è uno scemo che sta annegando: aspetta che mi butto e lo vado a salvare…”

E così fa: mi vedo il cane che nuota avvicinandosi, mi raggiunge e io cerco di rifiutare l’aiuto ma vuole salvarmi assolutamente. Non lo posso tradire… metto il fucile e la fiocina col branzino sul braccio destro e col sinistro mi appoggio al collo del cane, il quale pensa: “Ecco, si è aggrappato e ora lo porto a riva.” Per fortuna siamo a cinque metri circa da una roccia piatta affiorante. Siccome ho anche i piombi, la tuta e la rete per mettere i pesci e quindi sono molto pesante cerco di aiutare il mio salvatore avanzando con dei colpi di pinna.

Arrivo sulla roccia col cane, mi siedo, gli dico bravo, lo accarezzo, ringrazio i suoi padroni spagnoli che nel frattempo si sono avvicinati e cerco di rituffarmi per andare via mare nel punto della spiaggia dove avevo lasciato i miei aggeggi. Incredibilmente, il cane non vuole, mi abbaia forte, teme che mi possa annegare. Per non essere salvato di nuovo, risalgo sulla roccia, mi tolgo le pinne e con il mio branzino me ne vado a piedi sino al mio posto. Il cane lupo è tutto contento di avermi salvato per la seconda volta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...