Marco e Todaro 3 [221]

marcoTodaroVedi anche il precedente. Todaro: “Marco, ti gà sentìo, sta nòte, co sto càldo, che géra do che parlàva sóto łe nòstre do cołòne… ti ti dormìvi…” [Marco, hai sentito, questa notte, con questo caldo, c’erano due che parlavano sotto le nostre due colonne… tu dormivi…]

Marco: “Sì, me gèro pèrso vìa… dìme tùto…” [Sì, mi ero perso via, dimmi tutto…]

Todaro: ”Uno el gèra quasi desperà: el disèva che nol ghe ła fasséva più a scoltàr le ciàcołe de so mugèr, che nol savéva se scampàr de càsa o copàrse. E ‘lòra cheàltro ghe gà dìto: se te dàgo el rimèdio, vògio che ti me òfri na sèna a Rialto, a ła Vécia Carbonèra: schìe e poentìna… e queło che vołeva copàrse ghe ga dito che el ghe ne ofrìva ànca do. E ‘lóra l’espèrto matrimoniàłe ghe ga dito: vàra che el rimèdio funsióna nòme àltro che nòve vòlte su diése…” [Uno era quasi disperato: diceva che non ce la faceva più ad ascoltare le chiacchiere di sua moglie, che non sapeva se scappare di casa o suicidarsi. E allora l’altro gli ha detto: se ti do il rimedio, voglio che tu mi offra una cena a Rialto, alla Vecchia Carbonera: schille e polentina. E l’aspirante suicida gli ha detto che ne avrebbe offerte anche due. E allora l’esperto matrimoniale gli ha detto: guarda che il rimedio funziona solo nove volte su dieci]

Marco: “Un bon rimèdio…” [Un buon rimedio…]

Todaro: “E ‘lóra el suicìda ghe ga dìto: nòve su diése… el sarìa un sògno… e ‘lóra l’espèrto che ga dìto: quando che ła te dìse ‘maritìno mìo, ‘scólta…’  ti bisògna che ti ghe rispóndi ‘no ‘dèsso, tesòro, ti me ło dìsi fra sinque minuti, dèsso go da finìr na ròba…’ e el suicida ghe ga dìto: ‘fin qua me par bén, go capìo… e dòpo?’ e l’espèrto: ‘dòpo, bàsta, parchè nòve vòlte su diése łe gèra ciàcołe par far ‘ndar ła bóca e no ła se ricòrda più gnènte. Próva, che son za drìo spètar łe schìe…’”  [E allora il suicida gli ha detto: nove su dieci… sarebbe un sogno… e allora l’esperto ha detto: quando ti dice ‘maritino mio, ascolta…” tu devi rispondere ‘non adesso, tesoro, me lo dici fra cinque minuti, adesso devo finire una cosa…’ e il suicida ha detto: ‘fin qua, mi sembra bene, ho capito… e dopo?’ E l’esperto: ‘dopo, basta, perché nove volte su dieci erano chiacchiere per far andare la bocca e lei non si ricorda più niente. Prova, ché sto già aspettando le schille…’]

Marco:Se ło gavésse savùo Sòcrate, invésse de copàrse… parché ti savàra che el se gà copà co ła cicùta par vìa de so mugèr, Santìpe ciacołóna… no par àltre monàe…” [Se lo avesse saputo Socrate, invece di uccidersi… perché saprai che si è ucciso con la cicuta a causa di sua moglie, Santippe la linguacciuta… non per altre sciocchezze…]

Annunci

1 commento su “Marco e Todaro 3 [221]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...