Marco e Todaro 5 [237]

marcoTodaro(Vedi anche il precedente Marco e Todaro 4). Todaro: “Marco, gèro drìo pensàr che i fùrbi i fa tànta fadìga a éssar ‘nca bóni.

Pènsa a tùto queło che gavémo visto e sentìo da quàndo che sémo qua su ‘ste do cołòne: dìme chi che xe stà che fùsse tànto fùrbo e ànca tànto bón. Dìmene uno sóło…” [Marco, stavo pensando che i furbi fanno tanta fatica ad essere anche buoni. Pensa a tutto quello che abbiamo visto e sentito da quando siamo su queste due colonne: dimmi chi c’è stato che fosse tanto furbo e anche tanto buono. Dimmene uno solo…].

Marco: “Go paùra che ti gàbi raxón: no ghe ne go conossùi… da séno, no se ga mài sentìo dir che un fùrbo fùsse mòna ma se ga sémpre sentìo dir che se ùno el xe tre vòlte bon, no pól fàr che’l sìa ‘nca móna…” [Temo che tu abbia ragione: non ne ho conosciuti… in verità, non si è mai sentito dire che uno furbo fosse sciocco ma si è sempre sentito dire che se uno è tre volte buono, probabilmente può essere anche sciocco…].

Todaro: “Ma podarìa ‘nca éssar, secóndo ti, o no…” [Ma potrebbe anche essere, secondo te, oppure no…].

Marco: “Pénso che no pòssa gnànca éssar… se ti ghe pénsi, un fùrbo ga póca fidùcia dei àltri, el se fìda sól che de sè stésso. Uno bón el se fìda dei àltri… uno furbo nol se fa fregàr parché nol se fida… uno bón, quàlche vòlta el se fa fregàr.” [Penso che nemmeno possa essere… se ci pensi, un furbo ha poca fiducia degli altri, si fida solo di sé stesso. Uno buono si fida degli altri…uno furbo non si fa fregare perché non si fida… uno buono, qualche volta si fa fregare.]

Todaro: “Ma secóndo ti, xe mègio éssar fùrbi o éssar bóni…” [Ma secondo te, è meglio essere furbi o essere buoni…].

Marco: “Mègio éssar furbi. Ciàpa el Vangèło de Matèo, diése, sédese: ‘Siate astuti come serpenti e puri come colombe’. Nol dise de éssar boni come el pàn, né una volta né tre volte. Mài passàr da móna: no convién… come che dìxe Matèo, xe mègio éssar furbi e puri…” [Meglio essere furbi. Considera il Vangelo di Matteo (10,16): Siate astuti come serpenti e puri come colombe’.  Non dice di essere buoni come il pane, né una volta né tre volte. Mai passare da sciocco: non conviene… come dice Matteo, meglio essere furbi e puri…].

Todaro: “Amen…” [dall’ebraico אמן: certamente, in verità, così sia].

Annunci

Un pensiero su “Marco e Todaro 5 [237]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...