Investitore [257]

graficomQuando mi occupavo di borsa in Italia, ricevevo periodicamente le visite di alcuni investitori, cui esponevo i risultati conseguiti e ascoltavo eventuali complimenti ed eventuali osservazioni. Mi venne a trovare XM, facoltosissimo cliente, che si occupava del commercio di …

Aveva dato delle istruzioni: voleva che il suo denaro fosse o liquido o investito nel trading (compra-vendita) della Società XY, quotata in borsa a Milano.

In un certo periodo considerato, la XY aveva conseguito in borsa la percentuale del 10% e io gli avevo fatto guadagnare il 15%.

Mi aspetto pertanto i suoi compimenti o quanto meno che mi manifesti un certo apprezzamento per il mio operato: d’altronde è una persona molto intelligente, come dimostra il suo successo negli affari e penso che si renda conto che i migliori professionisti sono quelli che battono il mercato, in questo caso sono bravi tutti quelli che hanno fatto più del 10%.

Tuttavia, non sempre è così, cioè non sempre la capacità nel proprio lavoro trova spazio al di fuori del lavoro stesso.

 Ci sono dei chirurghi, dei commercialisti, degli industriali e aggiungete chi volete i quali, nella loro professione, sono dei mostri di bravura ma se li vedete all’opera in qualche altro settore diverso dalla loro attività sono delle persone di gran lunga inferiori alla più assoluta mediocrità. Si potrebbe definire questo tipo di intelligenza come ‘settoriale’ o per dirla coi francesi, definire una persona di questo genere come ’idiot savant’ [idiota sapiente]. Pensateci, ne avrete sicuramente conosciuti anche voi.

Per riassumere, ci sono delle persone brillantissime nella loro attività che invitate ad un ricevimento (party) fanno letteralmente da tappezzeria e il commento spietato della maggior parte dei presenti di solito è: “Tizio è proprio una nullità, come fa ad avere il successo che ha?”.

Ebbene, XM mi dice che non è niente contento, proprio per niente, che i risultati sono pessimi e che, se non migliorassi in futuro, si sarebbe visto obbligato a togliermi l’incarico.

Quando chiedo cosa si aspettasse, dando un’occhiata al grafico (su esposto), mi dice: “Lei mi ha dato il 15%! Questo è semplicemente ridicolo! Bastava comperare nei punti contrassegnati con la lettera C e vendere nei punti contrassegnati con la lettera V e i risultati sarebbero stati ben oltre il 50%!”

Gli chiedo allora, segnando con la matita il punto interrogativo sul grafico, cioè l’ultimo prezzo attuale, cosa suggerirebbe di fare in questo momento: andrà su e quindi si dovrebbe comprare o andrà giù e quindi si dovrebbe vendere?

XM: “A me lo chiede! Questo lo deve sapere lei! Il lavoro suo lo saprà lei, io faccio un altro lavoro!”

Con le buone maniere, lo pregai di chiudere immediatamente il nostro rapporto e di trovarsi qualcuno più capace di me, perché io non avrei mai potuto fare ciò che egli desiderava.

Mentre firmava la lettera di chiusura, diceva che un atteggiamento del genere, da parte mia, era inaudito e che in realtà pretendevo anche di aver ragione…

Sicuramente, ancora oggi non si sarà reso conto della realtà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...