Sognando [264]

Elaborazione grafica e fotografica di Ernesto Giorgi ©
Elaborazione grafica e fotografica di Ernesto Giorgi ©

Da dove vengono i sogni e poi, una volta sognati, dove vanno?  Vi dirò in segreto che esiste un deposito dei sogni in cielo.

Sono in una stanza, con la loro brava etichetta sulla porta, “Stanza deposito sogni”. Un polacco, un certo MKWLKZ, è stato preposto dall’Eterno a questo compito.

Egli li mette nella testa della gente, di solito quando dormono ma certe volte li mette in testa anche a gente sveglia, come vi sarete accorti anche voi. Infatti si può dire di certe persone che si tratta di “Uno che sogna anche da sveglio” ed altre frasi di questo genere.

MKWLKZ decide quali sogni infilare nelle teste a seconda delle persone. Quando infila i sogni nella testa di quelli svegli, lo fa perché in quelle teste non c’è assolutamente niente e quindi l’ordine a suo tempo impartito dall’arcangelo Gabriele è: “Non ci devono essere assolutamente, per il buon decoro del Creato, delle teste vuote: in tal caso, bisogna infilarci sogni meravigliosi, anche fuori dalla realtà, in modo che a loro volta questi ultimi possano generare altri sogni fuori dalla realtà.”

E il buon polacco MKWLKZ si adegua. Ma lasciamo stare quelli con la testa vuota, che sognano anche da svegli e parliamo di sogni che normalmente vengono messi nella testa di chi dorme. Prendiamo un dormiente qualsiasi e chiamiamolo X. MKWLKZ osserva cos’ha mangiato X, quali siano i suoi desideri, le sue cattiverie e i suoi atti generosi. X viene esaminato anche in base alle discussioni che ha avuto il giorno prima, alle sue invidie, alla sua accidia (= poca voglia di far bene), e immaginate che MKWLKZ osservi qualunque cosa sia osservabile in X: si tratta di fare un cocktail di sogni, ricavandone un sogno unico che tenga conto di tutto il comportamento di X. E il sogno viene inserito nella testa di X. Poi… viene recuperato e messo nell’archivio in una scatolina con la sua bella etichetta, in quanto tutti i sogni, in tutto o in parte, costituiscono novità. Il problema è che MKWLKZ non ha aiutanti e molte volte non ha il tempo per preparare un sogno nuovo nella maniera prescritta. La soluzione, in tal caso, è andare nella stanza, trovare una scatolina con un vecchio sogno di X, aprire la scatolina, prendere il sogno e rimetterlo nel cervello di X: questi sono i sogni ricorrenti e dipendono dal fatto che MKWLKZ non ha aiutanti e certe volte non ha tempo per fare un sogno-cocktail nuovo di zecca.

Certe volte MKWLKZ ha del tempo e allora confeziona sogni premonitori, magari coi numeretti del Lotto e li ficca nella testa di chi crede che si tratti di un sogno qualsiasi e invece… si trattava di un sogno premonitore, che anticipava il futuro… tale prassi sarebbe proibita da Gabriele, per tutti gli esseri umani dai cinque anni in su, ma siccome MKWLKZ è un buon diavolo (se si può dire…) ed il suo è un piccolo divertimento innocente, Gabriele chiude entrambi gli occhi e fa finta di niente. Li chiude entrambi perché, come si sa, in cielo non si può chiudere un occhio. Il divertimento di MKWLKZ consiste nell’osservare come gli esseri umani non traggano profitto dai sogni premonitori per il semplice motivo che non ci credono. Fin da quando erano piccoli, sotto i cinque anni e raccontavano i sogni ai genitori come verità (e lo erano, data la dispensa di Gabriele), si sentivano dire che erano fandonie, quisquilie, bazzecole, pinzillacchere e quindi hanno imparato, crescendo, a non crederci e dai cinque anni in poi non ne hanno fatti più ma per un’altra ragione: che oltre i cinque anni sono proibiti.

Nota bene: quando poi escono i numeretti de Lotto sognati, ci si accorge che si sarebbe dovuto scriverli ma non sulla carta bensì sulla cartella del Lotto e giocarli…

A parte i numeretti, come fare per vedere se sono sogni premonitori? Io il segreto ce l’ho: mi è stato rivelato dalla strega Azzurra, veramente più fata che strega.

Se non volete saperlo, non ve lo dico ma se volete saperlo, ve lo dico e avanzo un caffè: dovete disporre di sette quaderni, uno per la notte tra il lunedì e il martedì, uno per la notte tra il martedì e il mercoledì e così via. Dovete disporre inoltre di una matita ed ogni sera tenere sul comodino la matita col quaderno opportuno. Le prime notti non sognerete ma poi comincerete a sognare. Nella notte lunedì-martedì, prendete nota del sogno sull’omologo quaderno e non toccatelo più sino al lunedì successivo, a meno che non contenga i numeretti del lotto, nel qual caso si devono giocare di corsa.

Se al lunedì successivo il sogno vi risulta familiare, non è premonitore e cancellatelo. Se invece vi sembra, data la settimana trascorsa, completamente estraneo e come fatto da altri, allora MKWLKZ non lo ha fatto basandolo sul vostro io ed il sogno è effettivamente una premonizione. Seguite le istruzioni, se siete ancora in tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...