Inferno I_1 [265]

Gustave Dorè – Divina Commedia - Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©
Gustave Dorè – Divina Commedia – Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©

Pubblico una libera versione, a modo mio, in due puntate, del primo canto della Commedia di Dante Alighieri, in dialetto veneziano, sì che tutti, dico tutti, la possano capire, compresi i più piccini.

Alla fine c’è comunque la versione italiana. Buon divertimento, se apprezzate l’idea. Le illustrazioni del Dorè sono state da me colorate per i piccoli che non amano il bianco e nero.

Me gèro pèrso. A trentassìnque àni, a metà de ła vìta, me gèro pèrso. Gavèvo vussùo desmentegàr tùto quèło che me gèra stà insegnà, credévo de far bén e invésse… co me pénso, go ‘ncóra paùra.

Parché capìssa anca i putèi, dixemo che gèro drìo caminàr e che de cólpo me so’ trovà déntro a ‘na forèsta scùra e selvàrega.

Insóma, piutòsto che ‘ndàr vànti cussì, gèra mègio morìr. Còme su tùte le ròbe, ghe gèra ànca calcòssa de bòn e mi vorìa parlàrvene.

E ‘łora: no so ‘ncóra bén cóme che mi gàbia fàto, gèro cussì fòra de tèsta che me sòn butà màl.

Prìma o dòpo, ‘rìva matìna, ła nòte xe passàda e se spèra de vignìrghene fóra.

Me paréva de essear cóme quéło ch’el xe sta par negàrse, ch’el xe rivà in sùta e ch’el se vàrda indrìo parché el sa che i xe póchi quéłi che i ghe ne xe vegnùi fóra.

Gèreo un sògno? no so… me so’ destracà un póco e me paréva de ‘ndàr su par na cołìna ma davànti me so’ trovà un gatòn gròsso, ‘na lìnce o calcòssa del gènere che no’l vołeva fàrme passàr. Fórse el sògno vołeva dìrme che ghe gèra qualchedùn che volèva fàrme star déntro su ła forèsta o fórse el vołéva dirme che no gèro del tùto fóra dal perìcoło e che podévo ‘ncora ‘ndar a finìr màl. Insóma, par ła paura, mi gèra dr’io tornàr indrìo.

Còme che no bastàsse, xe rivà anca un leòn e ‘na łùpa. E ‘lóra, coréndo indrìo, son sbrissà fin sul fòndo de ła cołina.

Italiano:

Mi ero perso. A trentacinque anni, a metà della vita, mi ero perso.

Avevo voluto dimenticare tutto ciò che m’era stato insegnato, credevo di far bene e invece… quando ci penso, ho ancora paura.

Al fine di farlo capire anche ai bambini, diciamo che camminavo e che di colpo mi sono trovato dentro a una foresta oscura e selvaggia.

Insomma, piuttosto che andare avanti così, era meglio morire. Come in tutte le cose, c’era anche qualcosa di buono e vorrei parlarvene.

E allora: non so ancora bene com’io abbia fatto ma ero così fuori di testa che in realtà mi ero buttato male.

Prima o dopo, arriva il mattino, la notte è passata e si spera di venirne a capo.

Mi pareva di essere come quello che stava per annegare, che è arrivato all’asciutto e che si guarda indietro perché sa che sono pochi quelli che ne sono venuti fuori.

Era un sogno? non lo so… mi sono riposato un poco e mi pareva di andare su per una collina ma davanti mi sono trovato un gattone grosso, una lince o qualcosa del genere che non voleva farmi passare. Forse il sogno voleva dirmi che c’era qualcuno che voleva farmi restare dentro nella foresta o forse voleva dirmi che non ero del tutto fuori pericolo e che potevo ancora andare a finir male. Insomma, per la paura, stavo ritornando indietro.

Come se non bastasse, sono arrivati anche un leone e una lupa. E allora, correndo verso dov’ero venuto, sono scivolato sin sul fondo della collina.

[segue]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...