Riflessioni di alcuni veneti 2 [270]

Riflessione: chi meglio di uno specchio?
Riflessione: chi meglio di uno specchio?

Segue dall’articolo precedente (vedi). Ho preso appunti da uno che non si può nominare, XY, il quale dissertava a proposito della moderna emancipazione delle donne e di altri argomenti di modernità: 

A łe dòne, no me la sénto più de fàrghe gentiłésse: łe ga vussùo éssar cóme i ómini, coi stéssi dirìti. Dèsso le gà i dirìti e xe giùsto che łe pérda i privilègi… ła cavałerìa xe stàda copàda da łe feminìste…” [Alle donne, non me la sento più di fare gentilezze: hanno voluto essere come gli uomini, con gli stessi diritti. Adesso hanno i diritti ed è giusto che perdano i privilegi… la cavalleria è stata uccisa dalle femministe…]

“’Na vòlta, ‘na dòna col so vestìto ła gèra un mòndo, dèsso no ti te ricòrdi gnanca più se diése minùti prìma ła gavéva łe bràghe o łe còtołe… se ùna ła gà un vestìto de clàsse, quàsi quàsi ła se fa rìdar drìo e ła se vergògna…” [Una volta, una donna col suo vestito era un mondo, adesso non ti ricordi neanche più se dieci minuti prima aveva i pantaloni o le gonne… se una ha un vestito di classe, quasi quasi si fa ridere dietro e si vergogna…]

“I òmini gavèva el cùlto de la dòna, quando che ghe gèra na cèrta cultùra: xe cambià ła cultùra e xe sparìo el cùlto de ła dòna…” [Gli uomini avevano il culto della donna, quando c’era una certa cultura: è cambiata la cultura ed è sparito il culto della donna…]

“No ghe xe più témpo da pérdar in piavołàe: no exìste più gnànca el cortegiaménto, che’l gèra ła piavołàda più grànda e più bèła…” [Non c’è più tempo da perdere in pagliacciate: non esiste più neanche il corteggiamento, che era la pagliacciata più grande e più bella…]

“No ghe xe più ła dòna al céntro de ła càsa: ‘dèsso ła ghe xe e ‘dèsso no ła ghe xe. Conténte lóre…” [Non c’è più la donna al centro della casa: ora c’è (in casa) e ora non c’è. Contente loro…]

“Insóma, łe se méte dei rossèti che pàr che łe gàbia magnà càrne crùa… ròba exageràta, ròba de catìvo gùsto…” [Insomma, si mettono dei rossetti che sembra abbiano mangiato carne cruda… roba esagerata, roba di cattivo gusto…]

“Prima ghe gèra un mondo de erotìsmo, quéło de łe dòne e un móndo de società, quéło dei òmini: dèsso ghe xe un ùnico móndo. A ła lónga, chi xe che gavarà guadagnà e chi xe che gavarà pèrso? I putèi gà pèrso de sicùro…” [Prima c’era un mondo di erotismo, quello delle donne e un mondo di società, quello degli uomini: adesso c’è un mondo unico. Alla lunga, chi avrà guadagnato e chi avrà perso? I bambini hanno perso di sicuro.]

“Go savùo de ùna che ghe ga fàto i còrni al marìo sénsa passión, par no éssar fóra mòda…” [Ho saputo di una che ha fatto le corna al marito senza passione, per non essere fuori moda…]

“’Nca el Padre Eterno xe restà fregà: i połitici ga dìto che no’l pól ocupàrse de ła vìta de ogni giòrno parché i ghe pensa lóri. El ga da ocupàrse de miràcołi e ròbe del gènere. Dio el xe restà de nòme su łe frasi fàte, come ‘Mio Dio!’ e da séno i Diese Comandaménti no i xe su ła Costitussión… a Dio, dèsso, ghe interèssa i bòce fin ai sìnque àni, parché quéłi no ghe interèssa quàsi a nissùn… ma nol xe ‘ncóra pràtico e no li difénde ‘ncóra ben…” [Anche il Padre Eterno è rimasto fregato: i politici hanno detto che Egli non può occuparsi della vita di ogni giorno perché ci pensano loro. Egli deve occuparsi di miracoli e cose del genere. Dio è rimasto nominato sulle frasi fatte, come ‘Mio Dio!’ ed infatti i Dieci Comandamenti non sono nella Costituzione… a Dio, adesso, interessano i bambini sino ai cinque anni, perché quelli non interessano quasi a nessuno… ma Egli non è ancora pratico e non li difende ancora bene…]

“Dio, da quàlche àno, el xe drìo speciałizàrse su łe ròbe picenìne, quéłe che no pòrta vóti, quéłe che ai połìtici no łe ghe intarèssa.” [Dio, da qualche anno, si sta specializzando du cose piccoline, quelle che non portano voti, quelle che ai politici non interessano.]

“Quando che càmbia costumànza le dòne, prìma o dòpo càmbia ‘nca i òmini: no me pàr che sia mài sucèsso el contràrio…” [Quando cambiano costume le donne, prima o poi cambiano anche gli uomini: non mi sembra che sia mai successo il contrario…]

Fine delle citazioni di XY. Diceva inoltre Don Manzoni: “Mi go un sistèma par védar se uno el xe de bón cuòr: ricòrdite sémpre che se uno el xe legèro, vanitóso, superficiàl, vołùbile, el xe de sicuro móna e i móne no i xe mài de bon cuòr parchè i ga ‘ncóra da risòlvar i problémi sùi e no i ga témpo par pensàr al bon cuòr… i pòl mostràr compassiòn par fìnta, quàndo che qualchidùn li véde, come in césa ma no i fa mai carità se no łi véde qualchidùn.” [Ho un sistema per vedere se uno è di buon cuore: ricordati sempre che se uno è leggero, vanitoso, superficiale, volubile, è di sicuro uno sciocco e gli sciocchi non sono mai di buon cuore perché debbono ancora risolvere i propri problemi e non hanno tempo per pensare al buon cuore… possono mostrare compassione per finta, quando qualcuno li vede, come in chiesa ma non fanno mai la carità se non li vede qualcuno.]

 

Annunci

2 pensieri su “Riflessioni di alcuni veneti 2 [270]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...