Marco e Todaro 7 [271]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 6). Todaro: “Màrco, gèro drìo pensàr a sta stòria de imigrassión che sémo drìo védar: uno vìve ‘na vòlta sóła e no ghe intarèssa àltro.

Se’l rèsta a càsa sùa, xe cóme che el gavèsse davànti ai òci in contiuassión un cartèło co scrìto: ‘Rèsta, qua, che se no ti crèpi copà, ti morirà de fàme’. Nuiàltri no podémo comodàrli tùti ma lóri no łi ga gnénte da pérdar. Ti, cóssa di dìxi…” [ Marco, stavo pensando a questa storia dell’immigrazione a cui stiamo assistendo: uno vive  una volta sola e non gli interessa altro. Se rimane a casa sua, è come se avesse davanti agli occhi in continuazione un cartello con scritto: ‘Rimani qui, che se non crepi ammazzato, morirai di fame’. Noi non possiamo ospitarli tutti ma loro non hanno niente da perdere. Tu, cosa dici…]

Marco: “Podarìa dirte łe sòlite monàe che se lèze sul giornàl o mègio calcòssa che sul giornàl no i vól gnànca métar.” [Potrei dirti le solite sciocchezze che si leggono sul giornale o meglio qualcosa che sul giornale non vogliono nemmeno mettere.]

“Prìma ròba, nuiàltri da in sìma a ‘ste do cołòne vedémo nòme àltro che turìsti, turìsti e ‘ncòra turìsti. No ghe intarèssa dei migrànti. Vògio dìr che l’òmo xe fàto cussì e quésta no ti ła cambiarà mài… ‘na vòlta che sémo in fèrie, no ti vorà mìga che pensémo ai migrànti… fin che no łi te càpita in casa, no te intarèssa. Dòpo, co i xe rivài, xe màssa tàrdi. Ga da sucèdar calcòssa de gròsso, còme ‘na pèste, se ti vól che łe tèste ragióna su n’àltra manièra…” [Prima cosa, noi in cima a queste colonne vediamo solo turisti, turisti e ancora turisti. A loro non interessa dei migranti. Voglio dire che l’uomo è fatto così e questa cosa non la cambierai mai… una volta che siamo in ferie, non vorrai mica che noi si pensi ai migranti… fin che non ti capitano in casa, non ti interessa. Dopo, quando sono arrivati, è troppo tardi. Deve succedere qualcosa di grosso, come una peste, se vuoi che le teste ragionino in un’altra maniera…]

“Secónda ròba, el mòndo xe sta organizà da tresénto àni su l’indùstria e dòpo sul consùmo e la zènte ła gà da aumentàr, par aumentàr i consùmi. Dòpo, se i xe in tànti, cóme łe pantegàne che se màgna tra de lóre, a nissùni ghe intarèssa ma quésta ła podarìa ànca cambiàr, bastarìa cambiàr sistèma parchè, dìse i dotóri, dovarèssimo èssar al móndo màssimo do miliàrdi e no quàsi sète miliàrdi cóme che sémo dèsso ma figùrite se i giornàli ghe ne pàrla: gnànca in ùltima pàgina, parché i xe pagài da chi che ga intarèssi che ła zènte créssa de nùmaro e nissùni dìxe gnènte parché łe tèste łe xe sémpre quéłe.” [Seconda cosa, il mondo è stato organizzato da trecento anni sull’industria e dopo sul consumo e la gente deve aumentare, per aumentare i consumi. Dopo, se sono in tanti, come i ratti che si mangiano tra loro, a nessuno interessa ma questo aspetto potrebbe anche cambiare, basterebbe cambiare sistema perché, dicono i dottori, dovremmo essere al mondo due miliardi al massimo  e non quasi sette miliardi come siamo adesso ma figurati se i giornali ne parlano: neanche in ultima pagina, perché sono pagati da chi ha interesse che la gente cresca di numero e nessuno dice niente perché le teste sono sempre quelle.]

“Tèrsa ròba, el giornàl se domànda da dóve che i vièn e indóve che i va ma no’l se domànda el parché. Se ti xe in Africa, un conto xe séntir dir ògni tànto cóme che se vìve in Euròpa e un cónto xe védarlo tùti i giòrni par tełevisión. Gèra sucèsso co i albanési che i vedèva par tełevisión l’Italia e dèsso i ghe ga mésso ła tełevisión a tùti i africàni par vìa del consumìsmo, par véndarghe łe tełevisión. Bisognarìa far come co łe sigaréte che i łe vénde co scrìto ‘sémo: el fùmo te cópa’, de stèsa manièra vèndarghe łe tełevisiòn col cartèlo petà ‘sémo: no stà végnar in Europa’. Dòpo, ghe xe quéłi còme i siriàni che scàmpa da indóve che scamparéssimo tùti. No se pòl obligàr un impiegàto siriàn a ciapàr in màn un fuxìl ma qua el rimèdio lo vède anca un òrbo ma quéłi che comanda in Europa i xe pèxo dei òrbi o i ga àltri intarèssi parché no xe possìbiłe che i sìa tùti baùchi.” [Terza cosa, il giornale si chiede da dove arrivino e dove vadano ma non si chiede il perché. Se sei in Africa, un conto è sentirsi dire ogni tanto come si vive in Europa e un conto è vederlo tutti i giorni per televisione. Era successo con gli albanesi che vedevano in televisione l’Italia e adesso hanno messo la televisione a tutti gli africani per via del consumismo, per vender loro le televisioni. Bisognerebbe fare come con le sigarette che le vendono con la scritta ‘scemo: il fumo ti uccide’, nello stesso modo vender loro le televisioni con attaccato il cartello ‘scemo: non venire in Europa’. Dopo, ci sono quelli come i siriani che scappano da dove scapperemmo tutti. Non si può obbligare un impiegato siriano a prendere in mano un fucile ma qui il rimedio lo vede anche un cieco ma quelli che comandano in Europa sono peggio dei ciechi oppure hanno altri interessi perché non è possibile che siano tutti imbecilli.]

Todaro: “Go capìo ma còssa sucède ‘dèsso co ‘sta zènte…“ [Ho capito ma cosa succede adesso con questa gente…]

Marco: “Quàndo che scòpia ‘na catàstrofe del gènere, tùti i połitici fùrbi (e no de bon cuòr) i se mostra sconvòlti, prònti a ‘iutàr. Ma quando che ‘na catàstofe dùra un fià màssa, ła zénte ła se stùfa. Pàssa ła vògia de ‘iutàr… de star fóra da łe usànsse… uno el se fa ‘na raxòn de łe sùe, disgràssie, figùrite, caro Tòdaro, se no’l se farà ‘na razón de łe disgràssie dei àltri… par che ti vègni da la lùna… xe sèmpre stà cussì… anca ła Bìbia ła dìxe: no ghe xe gnènte de nóvo sóto el sól.” [Quando scoppia una catastrofe del genere, tutti i politici furbi (e quindi non di buon cuore, vedi) si mostrano sconvolti, pronti ad aiutare. Ma quando una catastrofe dura un po’ troppo, la gente si stanca. Passa la voglia di aiutare, di star fuori dalle usanze… una persona si fa una ragione delle sue, disgrazie, figurati, caro Teodoro, se non si fa una ragione delle disgrazie degli altri… sembra che tu venga dalla luna… è sempre stato così… anche la Bibbia lo dice: ‘Non c’è niente di nuovo sotto il sole’. (Ecclesiaste, 1:9)

Annunci

1 commento su “Marco e Todaro 7 [271]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...