Riflessioni di alcuni veneti 3 [272]

Venezia – Il venditore di caramelli – 1961 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Il venditore di caramelli – 1961 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (vedi). Dai miei appunti, riporto le parole di un vecchio antiquario di Campo San Stefano a Venezia, di cui non faremo il nome, anche se oggi potrebbe avere circa centoventi anni:

“La zénte sfortunàda ga confidènsa co le disgràssie: co łi véde łe disgràssie de qualchedùn, no xe che i se gòda, xe che i se tróva più in confidénsa co łe disgràssie che co ła vìta fortunàda; insóma, i ga più pràtica. Xe come quàndo che vièn dèntro in botéga un véro siór: el vàrda łe ròbe su n’àltra manièra de cóme che łe vàrda uno che fin a ièri no’l gavèva schèi: el siòr el xe più nel so mòndo, co’l va da un antiquàrio. La zénte sfortunàda se intènde de làgreme parché i ga fàto tànta esperiénsa co łe sùe de łóri stéssi. I ga fin paùra de éssar conténti parché no i gavarìa bastànsa pràtica.” [La gente sfortunata (il povero) ha confidenza con le disgrazie: quando vede le disgrazie di qualcuno, non è che provi piacere, è che si trova più in confidenza con le disgrazie che con la vita fortunata; insomma, ha più pratica. Così come quando entra in negozio un vero ricco: guarda le cose in un’altra maniera da come le guarda uno che fino a ieri non aveva soldi: il vero ricco è più nel suo mondo, quando va dall’antiquario. La gente sfortunata (il povero) si intende di lacrime perché ha fatto tanta esperienza con le proprie. Tali persone hanno persino paura di essere contenti perché non avrebbero abbastanza pratica.]

Poi, parlando degli oggetti che gli capitavano in negozio, oggetti che magari egli aveva ricevuto da qualcuno che a sua volta li aveva ereditati, mi diceva: “Vàrda che łe ròbe che łe vién quà déntro łe xe tùte doperàe e łe ga calcòssa del so vècio parón. Anca magàri sol che ła nostalgìa. Ròbe abandonàe, che no łe pól éssar conténte. Vàrda stà bosséta de argénto par l’inchiòstro: ła xe qua da àni, sénsa un canòto col penìn che ghe tócia mai déntro, secóndo mi ła se sénte inùtiłe… vàrda sta meridiàna picàda al mùro, a l’ombrìa, sénsa el sól, no ła pól éssar conténta… no ła pól segnàr łe so óre…” [Guarda che le cose che vengono qui dentro sono tutte adoperate e hanno qualcosa del loro vecchio proprietario. Anche magari solo la nostalgia. Cose abbandonate, che non possono essere contente. Guarda questo calamaio d’argento: è qui da anni, senza una penna con pennino che gli si intinga mai dentro, secondo me il calamaio si sente inutile… guarda questa meridiana appesa al muro, all’ombra, senza il sole, non può essere contenta… non può segnare le sue ore…]

 

Poi: “Vàrda ‘sto zenociatòrio, el xe sémpre qua, da mi no so quànti àni… ‘na vòlta, par fàrghe coràgio, me so’ inzenocià mi, anca se no sarìa pròpio un magnapartìcołe e ghe go dìto passóra un pater, ave, gloria… dòpo, el me paréva ‘na s-ciànta più conténto… ma quéle che me fa più pecà xe łe caréghe… bèłe, quéste, inbotìe, Luigi quìndese, in ràso…  ghe go dito a ła dòna de servìssio: Zànze, co la furbìsse łe caréghe, spècie quéste inbotìe, la ghe se sénta un s-ciantìn par fàrghe un fià de compagnìa… ła me ga vardà cóme se mi fùsse scampà da San Sèrvoło…” [Guarda questo inginocchiatoio, è sempre qua, non so nemmeno io da quanti anni… una volta, per incoraggiarlo, mi ci sono inginocchiato io, anche se non sarei proprio un bacia pile (letteralmente: un mangia particole della comunione, un bigotto) e standoci sopra ho detto un pater, ave, gloria… dopo, mi è sembrato un pochino più contento… ma quelle che mi fanno più pena sono le sedie… belle, queste, imbottite, Luigi XV, in raso… ho detto alla donna di servizio: Angela, quando toglie la polvere dalle sedie, specialmente queste imbottite, ci si sieda un attimo per far loro un po’ di compagnia… mi ha guardato come se io fossi scappato da San Servolo (isola della laguna veneziana che ospitava un manicomio)]

 

Poi ancora: “Par no parlàr dei pòrta làgreme, che più tristéssa no i podarìa fàr: na vòlta xe vignùa par curiosàr nà bèła contéssa, pròpio zóvane e ła gh’in vardàva uno de bełíssimo, in véro de Muràn rósso e de òro, che costàva ‘na fortùna, ło vardàva, ło vardàva… el ghe piaséva pròpio ma mi go capìo che no ła savéva a còssa ch’el podésse servìr. Gavarìa dovùo dìrghe ła verità: che’l servìva par métar łe so làgreme se ła fùsse restàda védova ma so’ sicùro che no lo gavarià più vussùo: un pòrta – làgreme a ‘na tósa de vìnti àni… ghe go contà, par la prima vòlta in tanti àni de botéga, na busìa al fìn del bén: ‘Sióra contèssa, el xe un pòrta – profùmo da nobildòne che fórse el gèra qua par spetàr pròpio éła’. Insóma, co ła ga sentìo ch’el gèra un pòrta – profùmo che spetàva éła, ła gèra tùta conténta, ło ga pagà sóra ła bròca e a éssar conténti gèrimo in tre: ła contéssa, mi e anca el porta – làgreme, che dèsso, cóme pòrta – profùmo, el podéva far fìnta de avér ànca lù un fià de alegrìa.” [Per non parlare dei lacrimatoi, che più tristezza non potrebbero fare: una volta è venuta per curiosare una bella contessa, giovanissima e ne guardava uno di bellissimo (lacrimatoio), in vetro di Murano rosso e d’oro, che costava una fortuna, lo guardava, lo guardava… le piaceva proprio ma io ho capito che non sapeva a cosa potesse servire. Avrei dovuto dirle la verità: che serviva per mettere le sue lacrime se fosse rimasta vedova ma sono sicuro che non lo avrebbe più voluto: un lacrimatoio ad una ragazza di vent’anni… le ho raccontato, per la prima volta in tanti anni al negozio, una bugia a fin di bene: ‘Signora contessa, è un porta – profumo da nobildonne e forse si trovava qua per aspettare proprio lei…’. Insomma, quando ha sentito che si trattava di un porta – profumo che aspettava lei, era tutta contenta, lo ha pagato sopra la brocca (vedi nota sotto) e ad essere contenti eravamo in tre: la contessa, io e il lacrimatoio, che adesso, come porta – profumo, poteva far finta di avere anche lui un po’ di allegria.]

Sopra la brocca: espressione idiomatica. I locali pubblici che mescevano vino lo dovevano fare servendo i vini in recipienti con delle borchie (bròche) punzonate dalle autorità per evitare che l’oste approfittasse vendendo meno vino del dovuto. ‘Sopra la brocca’, quindi, si diceva nel caso l’oste versasse più vino dello stabilito, cosa difficilissima da vedere. Per traslazione, significa ‘più del dovuto’. Nel nostro caso, la contessa ha pagato il lacrimatoio oltre il suo prezzo, senza badarvi troppo: quindi desiderava veramente impossessarsene.

Annunci

3 pensieri su “Riflessioni di alcuni veneti 3 [272]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...