Riflessioni di alcuni veneti 4 [273]

Venezia – L’aliscafo proveniente da Trieste (ora soppresso) e l’isola di San Giorgio Maggiore – 1961 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – L’aliscafo proveniente da Trieste (ora soppresso) e l’isola di San Giorgio Maggiore – 1961 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (vedi). Questi appunti sono tratti dai discorsi di un vecchio oste, proprietario di un bàcaro.

Nel bàcaro c’erano alcuni tavoli macchiati di vino, delle sedie, un piccolo bancone dove talvolta si trovava qualcosa di morbido da mangiare (aringhe), pane o qualche pezzo di formaggio, perché di solito, oltre al pane, sul bancone c’erano baicoli, ossi da morto (biscotti secchi) e l’unico dolce che per tradizione non mancava mai erano i caramèłi, frutta secca infilata su dei bastoncini di legno oppure di ferro zincato; la frutta secca o i gherigli di noce erano caramellati facendoli bollire in pentole d’acqua molto zuccherata. Oltre a ciò vi era, naturalmente, el bàcaro. Era questo un vino di una tannicità spaventosa e, come se non bastasse, nelle botti che facevano mostra di sé c’erano immerse innumerevoli bacche di ginepro per aggiungere ulteriore tannino, da cui il nome bàcaro (da bacca), sia per il vino che, tramite una sineddoche, anche per il locale.

Tutto questo procedimento serviva per evitare che il vino, con il clima salmastro di Venezia, inacidisse. Per lo stesso motivo a Trieste si trovavano analoghi locali. Tentativi di aggiungere la resina delle conifere al posto del ginepro, così come fanno i greci, sono miseramente falliti.

Quando si entrava, nella buia penombra del locale si vedevano tre o quattro enormi botti messe in fila, dalle quali l’oste spillava el bàcaro.

Quando entravano gli avventori, il grido di battaglia era: “Toni,ła ła càndola che gavémo sé…” [Antonio, apri la spina che abbiamo sete…]

In pochissimi bàcari le botti contenevano vini diversi: di solito, si trattava di un unico raboso veronese.

C’era il detto: “Co ti bevi el bàcaro, prìma no’l te va ma dòpo un póche de vòlte che ti ło bévi… el te va ‘ncóra mànco.” [Quando bevi il vino col ginepro, dapprima non ti va ma dopo un po’ di volte che lo bevi… ti va ancora meno.]

Tornando al vecchio oste, egli diceva che non è che una persona creda al destino e un’altra persona non ci creda: “Dipénde, se uno xe stràco o no… se el xe stràco e no’l gà vògia de fàr fadìga, el dìxe che dipénde tùto dal destìn; ła stéssa persóna, se no ła xe stràca, ła te dixe che el destìn no exìste, che bisògna  fàrseło co l’impégno e co ła bóna volontà. Mi, co so’ stràco, sénto el destìn e i so’ ingranàgi che gìra, łe so rodèłe che gìra, cóme un rełògio… co no so stràco, el rełògio el xe férmo e łe lancéte łe móvo mi, avànti e indrìo, pròpio cóme che vògio mi.” [Dipende, se uno è stanco o meno… se è stanco e non ha voglia di far fatica, allora dice che dipende tutto dal destino; la stessa persona se non è stanca ti dice che il destino non esiste, che bisogna farselo con l’impegno e con la buona volontà. Io, quando sono stanco, sento il destino e i suoi ingranaggi che girano, le sue rotelle che girano, come un orologio… quando non sono stanco, l’orologio è fermo e le lancette le muovo io, avanti e indietro, proprio come voglio io.]

A proposito dei lavoratori o dei disoccupati che frequentavano il suo locale, diceva: “Se ùno xe ridìcoło, el pòl far el sìndaco, el spassìn o éssar disocupà ma ridìcoło el rèsta. Se uno invésse no xe ridìcoło, no’l xe ridìcoło mài, quàło che sìa el so lavóro e ànca se el xe disocupà.” [Se uno è ridicolo, può fare il sindaco, lo spazzino o essere disoccupato ma ridicolo rimane. Se uno invece non è ridicolo, non è ridicolo mai, quale che sia il suo lavoro ed anche se è disoccupato].

Aveva un solo rimpianto: “Mi che me piasarìa le dòne, sénsa che ti pénsi màl, però… sénsa małìssia… me bastarìa sol che védarle qua d’ògni tànto, sentìrle parlàr, vardàrghe i vestìti, védar i so gèsti, łe me farìa ogni tànto un fià de compagnìa… sarìa cóme che qua sul bàcaro vignìsse déntro un póca de mùsica… ma qua, mùsica no ghe ne xe mài… solo che òmeni, sémpre quèłi… e a mi no łi me piàxe… bisognarìa far un bàcaro par le dòne ma ałora drìo al bancón fòrse ghe sarìa na dòna… destìn càn…” [A me che piacerebbero le donne, tuttavia senza che tu ti metta a pensare male… senza malizia… mi basterebbe solo vederle (qui nel locale) ogni tanto, sentirle parlare, guardare i loro vestiti, vedere i loro gesti, mi farebbero talvolta un po’ di compagnia… sarebbe come se qui nel bàcaro venisse dentro un poco di musica… ma qua, musica non ce n’è mai… solo uomini, sempre quelli… e a me non piacciono… bisognerebbe fare un bàcaro per le donne ma allora dietro al bancone forse ci sarebbe una donna… destino infame…]

Annunci

2 pensieri su “Riflessioni di alcuni veneti 4 [273]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...