Riflessioni di alcuni veneti 6 [277]

Venezia – Il bacino San Marco con un vaporetto a carbonella – 1959 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Il bacino San Marco con un vaporetto a carbonella – 1959 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (Riflessioni di alcuni veneti 5). Il bagnino Ferìno era sposato con una che non voleva più saperne di lui ma che voleva stare con lui per superstizione.

Lei era una tedesca, avvocato, molto benestante e una volta era venuta in ferie al Lido, aveva visto Ferìno e si erano sposati. Tuttavia, diceva Ferìno, c’era troppa differenza come testa.

Ferìno: “No che mi sia móna ma ła xe avocàto e ła xe sémpre stàda in mèzo ai lìbri: ła xe a un àltro livèło… ghe go dìto tante vòlte: ‘Ti xe piéna de schèi, xe cóme che fùssimo su do móndi difarénti, no se capìmo… saludémose ‘na vòlta par tùte…’ no ła vół savérghene parché ła xe superstissiósa e ła dìxe che so nòna ghe gavéva dìto che separàrse pòrta màl… so condanà par na superstissión de so’ nòna, no se ga gnànca mài sentìo… ła dìxe che co se fà na ròba del gènere te vién vìa un frédo, na misèria, un rimòrso gràndo, xe cóme dìr che se gà butà vìa calcòssa de importànte… fórse ła vìta… e ‘stó rimòrso ła dìxe ch’el te restarìa par sèmpre…” [Non che io sia sciocco ma lei è avvocato ed è sempre rimasta in mezzo ai libri: è ad un altro livello… le ho detto tante volte: ‘Sei piena di soldi, è come se fossimo su due mondi differenti, non ci capiamo… salutiamoci una volta per tutte…’ non vuole saperne perché è superstiziosa e dice che sua nonna le aveva detto che separarsi porta male… sono condannato per una superstizione di sua nonna, non si è nemmeno mai sentito… dice che quando si fa una roba del genere ti viene addosso freddo, brividi, un rimorso grande, è come dire che si è buttato via qualcosa di importante… forse la vita… e lei dice che questo rimorso ti resterebbe per sempre…]

Poi: “Tànte vòlte ła me gà iutà, parché co quèło che ciàpo mi se fa tànta fadìga e ànca un móna capìsse che no ła stà co mi par intarèssi, fiói no ghe ne gavémo, pól ànca dàrsi che ła stòria de so nòna ła sìa véra…” [Tante volte mi ha aiutato, perché con quello che guadagno io si fa tanta fatica ed anche uno sciocco capisce che non sta con me per interesse, figli non ne abbiamo, può anche darsi che la storia di sua nonna sia vera…]

Parlando della serietà delle donne, Ferìno diceva: “Me pòro pàre dixéva che łe dòne de càsa łe xe tùte sèrie: màme, zìe, nòne, sorèłe, prìme cugìne… ła questiòn ła xe co ti va più in là de łe prìme cugìne: pararìa che, più in là de łe prìme cugìne, łe dòne le sìa tùte póco de sèsto…e pararìa che su tùte le famégie sìa ła stéssa fiàba…” [Mio padre buonanima diceva che le donne di casa sono tutte serie: mamme, zie, nonne, sorelle, prime cugine… La questione sorge quando vai oltre le prime cugine: sembrerebbe che, più in la delle prime cugine, le donne siano tutte di facili costumi… e sembrerebbe che in tutte le famiglie sia la stessa storia…]

[segue]

Annunci

Un pensiero su “Riflessioni di alcuni veneti 6 [277]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...