Coriandoli 2 [278]

Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli - 1981 – Ernesto Giorgi ©
Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Proseguiamo con proverbi, detti, riflessioni, citazioni ed altri aforismi. Sàpi che ła fòrza ła se fa un bàfo de ła razón. [Sappi che la forza se ne fa un baffo della ragione].

Co un cólpo soło, no càsca na noghèra. [Con un unico colpo, non cade un noce].

Stòła e baionéta łe fràca ‘vànti el mòndo. [Stola e baionetta mandano avanti il mondo].

Col curàme de cheàltri se fa łe mègio rédene [Col cuoio degli altri si fanno le redini migliori (da una frase latina di Erasmo da Rotterdam].

El gà fàto l’ùltima capèła che’l podésse fàr: el xe mòrto… [Ha fatto l’ultimo errore che potesse fare: è morto…].

Se ti vól che’l to càn te stìma, no sta dàrghe el pàn a quéło forèsto. [Se vuoi che il tuo cane ti stimi, non dare il pane al cane forestiero].

Màre che sémena, mòrte che tól su. [Madre che semina, morte che raccoglie].

A chi che se fa imboconàr, no ghe pàssa mài ła fàme. [A chi trova il boccone bell’e pronto, non passa mai l’appetito].

Se no ti va vìa col prète, pól ànca dàrse che ti tórni… [Se non vai via col prete (in cassa da morto), può anche darsi che tu ritorni…].

Amàr, se éa ła te ignòra, xe cóme spuàr cóntro ła bòra. [Amare, se lei ti ignora, è come sputare contro la bòra].

Se ùsa, dòpo mòrti, ‘ndàr in bùsa. [Finiamo tutti sotto terra].

Chi che me vól bén, vól bén al me càn. [Che mi vuol bene, ama il mio cane] Forse ispirata a San Bernardo: Qui bona fide Deum amat, amat et sacerdotes. (Chi ama Dio in buona fede, ama anche i suoi sacerdoti)].

Gò lèto tànte pìgrafe,

gò zercà da par tùto,

no gò mài vìsto scrìto:

‘Qui giàce un farabùto.’

[Ho letto tante epigrafi, ho cercato dappertutto, non ho mai visto scritto: ‘Qui giace un farabutto’].

L’amàro slónga ła vìta. [L’amaro allunga la vita] Confrontare Torquato Tasso (Succhi amari, ingannato, intanto ei beve e dall’inganno suo, vita riceve) (Gerusalemme Liberata, I) e Ovidio: In amaritudine salus [Nell’amarezza trovi la salute].

Co ti xe drìo negàrte, ti te pìchi ‘ncà a łe róe. [Quando stai per annegarti, ti appendi anche ai rovi].

Amìgo che sparìsse no’l gèra amìgo. [L’amico che finisce di esserlo (scompare) non era un amico].

Un capitàn de màr, se no’l tìra saràche no’l sé fa scoltàr. [Un capitano di mare, per farsi ascoltare deve bestemmiare].

Amìgo de vìn… [Amico di vino: l’amicizia stretta dal vino non dura sino al mattino].

Par i contadìni ła pióva de aprìl vàl più de Venèssia col so’ campanìl. [Per i contadini la pioggia di aprile vale più di Venezia col suo campanile].

Amìgo imortàl o gnènte. [Le amicizie devono essere immortali (Tito Livio, 40,46,12) Le vere amicizie sono eterne (Verae amicitiae sempiternae sunt) Cicerone, De Amicit. IX, 32, preso da Euripide].

Cocài su ła lagùna, buràsca sul màr. [Gabbiani a pelo d’acqua, burrasca (in arrivo) sul mare. Prima della burrasca, l’acqua intorbidisce e i gabbiani, per vedere i pesci, debbono volare il più basso possibile].

Tànti bèssi, tànti véri amigòni [Se hai tanti soldi, hai tanti veri amiconi].

L’aqua rómpe indòve che no se vól. [L’acqua rompe (gli argini) dove non si vorrebbe: infatti non si vorrebbe mai che rompesse gli argini comunque e ovunque].

Véri amìghi, mósche biànche… [Veri amici, mosche bianche (sono rarissimi)].

L’àqua tórna… [L’acqua ritorna: una zona, sommersa una volta, prima o poi lo sarà di nuovo. Tutti i veneziani conoscono perfettamente questo detto, sintetico e premonitore].

Se un amìgo el te xe odiòxo, préstighe bèssi… [Se un amico ti è odioso, prestagli denaro… (non lo vedrai più)].

Chi tàse no dìxe gnénte. [Chi sta zitto, non dice niente. Alla faccia di un bel tacer eccetera].

L’amìgo del bón témpo el dùra fìn che càmbia el vénto… [L’amico del periodo in cui le cose ti vanno bene durerà sino a quando cambierà il vento]

Se fùssi, se gavéssi, se podéssi, i gèra tre féssi… che giràva màl pàl móndo… [Se fossi, se avessi, se potessi, erano tre fessi… che giravano male per il mondo].

Amìgo de tùti, amìgo de nissùn. [Amico di tutti equivale ad amico di nessuno]

Bóca ónta no pól dìr: no. [Una bocca unta (prezzolata) non può dire: no].

Se volé che ve la dìga, ve la dìgo: chi càsca in povertà, pèrde l’amìgo. [Se volete che la dica, ve la dico: chi cade in povertà, perde l’amico] (Presa da Plauto, Stichus (Stico) IV, 1.16)

La boàssa se fa maravége del baìl. [Lo sterco di vacca si meraviglia del badile (che lo raccoglie): vedono la festuca nell’occhio del prossimo e non vedono la trave nel proprio…].

Amór e signorìa no zérca compagnìa [Gli innamorati e i potenti non hanno bisogno di compagnia] (Ripresa da Ovidio, Ars amandi, L’arte di amare, III, 564)

Co se va in àlto, aténti a no mostràr el cùło… [Quando si sale (di rango), bisogna porre attenzione a non mostrare i propri difetti].

La paròła amór ghe somègia tànto a ła paròła amàro. [La parola amore assomiglia tanto alla parola amaro] (da Ovidio? …tot sunt in amore dolores Ars amandi, L’arte di amare, II, 519)

I móne se pól trovàrli ‘ncà sóto un capèło. [Gli sciocchi si possono trovare anche sotto a un cappello (si possono trovare ovunque)].

Se ti xe in guèra par amór, par vìnzer, scàmpa… [Se sei in guerra per amore, per vincer, fuggi…] (Ovidio …cedendo victor abibis Ars amandi, L’arte di amare, II, 197)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...