Antonio Vianello [279]

Piantina di Candia (oggi Creta) col monte Pakhnes, 2453 metri.
Piantina di Candia (oggi Creta) col monte Pakhnes, 2453 metri.

Candia (oggi Creta) era stata conquistata dai veneziani nel 1208 e fu in tal data costituita in Ducato di Candia.

Nel 1211 si completò la colonizzazione con abitanti veneziani. Candia venne suddivisa in sei sestieri, come Venezia. Nel 1645 l’isola era stata persa in parte dai veneziani e fu persa definitivamente nel 1669. Sin qua la storia, ora la leggenda. La leggenda vuole che l’Ammiraglio Bragadin si fosse asserragliato sul monte Pakhnes, alto 2453 metri, con le truppe rimaste. Bisognava assolutamente mandargli un dispaccio per metterlo al corrente della situazione e per dargli istruzioni sul da farsi.

Il novantanovesimo doge, Francesco Molin (1646 – 1655), convoca il capitano Falier, persona valorosa, in presenza del carto-geografo Alvise Rezzonico, il quale illustra al capitano la situazione e l’eventuale incarico:

Rezzonico: “Intórno a l’ìsoła de Càndia ghe xe ła flòta del sultàno; se se riésse a passàrla, su łe rìve, su ła spiàgia, ghe xe łe trùpe sièlte de marinerìa coi fusìli più nòvi che ghe xe. Se se rièsse a passàr, prìma che scomìnsia ła montàgna Pàkhnes, ghe xe i fànghi de ła mòrte, che i sarìa cóme sàbie mòbili ma i xe tànto pèzo. Passàndo i fànghi, ghe xe i Gianìsseri che i còpa tùti quéłi che ghe càpita sóto tìro. I Gianìsseri i xe i soldài sièlti del sultàno che łi gà mandài łà a pósta par far fóra i nòstri. Se se passa ànca i Gianìsseri, bisògna rampegàrse su par ła montàgna fìn che se tròva Bragadìn, sémpre che se ło tróva, parché no savémo bén indóve che’l sìa e parchè quéła montàgna ła xe infinìta. ‘Na vòlta trovà, bisògna consegnàrghe la bùsta sigiłàda del Consìlio dei Dièse…” [Attorno all’isola di Candia c’è la flotta del sultano; se si riesce a passarla, sulle rive, sulla spiaggia, ci sono le truppe scelte di marineria coi fucili più nuovi che ci siano. Se si riesce a passare, prima che cominci la montagna Pakhnes, ci sono i fanghi della morte, che sarebbero come delle sabbie mobili, solo molto peggio. Passando i fanghi, ci sono i Giannizzeri che ammazzano tutti quelli che capitano sotto tiro. I Giannizzeri sono i soldati scelti del sultano che li ha inviati apposta per far fuori i nostri. Se si passano anche i Giannizzeri, bisogna arrampicarsi su per la montagna fin che si trova Bragadin, sempre che lo si trovi, perché non sappiamo bene dove sia e perché quella montagna è infinita. Una volta trovato, bisogna consegnargli la busta sigillata del Consiglio dei Dieci.]

Doge: “Falièr, vàrda che se ti acèti, bisògna che ti garantìssi de riussìr. Ti sa ben che dòpo, se no ti rispèti ła garansìa che ti ga dà, ti pagaréssi co ła tèsta taiàda…” [Falier, guarda che se accetti, devi garantire di riuscire. Sai bene che dopo, se non rispetti la garanzia che hai dato, pagheresti con la testa tagliata…]

Falier: “Serenìssimo Principe, no pòsso garantìr, no xe par la me tèsta, xe che no son sicùro de riussìr. Bisognarìa védar qua, bisognarìa védar là, bisognarìa savér mègio quésto e ànca quéło…” [Serenissimo Principe, non posso garantire, non per la mia testa, è che non sono sicuro di riuscire. Bisognerebbe vedere qua, bisognerebbe vedere là, bisognerebbe sapere meglio questo ed anche quello…]

Si convoca allora il capitano Venier. Il carto-geografo Rezzonico ripete il suo discorso.

Venier: “Serenissimo Principe, no pòsso garantìr…” e per il resto risponde esattamente come il capitano Falier.

Insomma, ne vengono chiamati una mezza dozzina, ufficiali, graduati, i migliori della Serenissima: niente da fare, tutti rispondono allo stesso modo.

Grande avvilimento del Doge…

Ad un certo punto, il carto-geografo Rezzonico dice al Doge: “Monsignór el Dòxe, mi gavarìa pensà a uno che ‘dèsso el ga na ostarìa in Rùga Giùffa, uno che pàr un sémplice ma el xe na persòna che ła sa el fàto sùo. El gèra comandante su na gałèa venessiàna, el gavéva a che fàr co i pèzo farabùti, coi carceràti, i galeòti insóma, ma i ło ga sèmpre scoltà e rispetà sénsa far discussión… el se ciàma Tòni Vianèło: se l’acèta, el xe ùno che, secóndo mi, xe difìssiłe che’l fałìssa…” [Monsignore il Doge, avrei pensato ad uno che adesso ha un’osteria in Ruga Giuffa (calle vicina al campo Santa Maria Formosa), uno che pare un semplice ma è una persona che sa il fatto suo. Era comandante di una galea veneziana, aveva a che fare coi peggiori farabutti, coi carcerati, i galeotti insomma, ma lo hanno sempre ascoltato e rispettato senza fare discussioni… si chiama Antonio Vianello: se accetta, è uno che, secondo me, è difficile che fallisca…]

Il Doge acconsente a chiamare l’ex-comandante della galea: Antonio Vianello viene convocato, Rezzonico ripete il suo discorso e il Doge gli rivolge la parola: “E ałòra Tòni, cóssa ti me dìxi… pàr la to ostarìa ghe pensarìa ła Serenìssima…” [E allora, Antonio, cosa mi dici… per la tua osteria ci penserebbe la Serenissima…]

Antonio Vianello: “Monsignór el Dòxe, Serenìssimo Prìncipe, Sua Serenità, Dux Venetiarum… ghe go pensà ben, go capìo tùto e son onorà de rispòndar che sarà fàto: ‘dèsso, col permésso de Monsignór el Dòxe, vàdo a pareciàr el viàgio.” [Monsignor il Doge, Serenissimo Principe, Sua Serenità, Duce delle Venezie… ho pensato bene, ho capito tutto e sono onorato di rispondere che sarà fatto: ora, col permesso di Monsignor il Doge, vado a preparare il viaggio.]  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...