Bèła Màssa Sète [280]

nodoIn ogni regione del mondo ci sono degli sciogli lingua, come se la stessa fosse annodata.  Tali giochi di parole sono a cavallo tra lo scherzo e un metodo per istruire i giovani.

Molte volte sono piuttosto degli indovinelli, oppure anche delle forme proverbiali in rima. Ne citeremo alcuni che riteniamo inconsueti. Un indovinello sciogli-lingua molto comune nelle campagne venete è il seguente, un poco cervellotico ma molto diffuso. La forma scritta non rende giustizia alla difficoltà dell’indovinello stesso, che si basa tutto sull’ambiguità di lettere maiuscole e minuscole. Esse, nella forma orale, creano i dubbi dell’indovinello stesso. Lo diamo nella forma scritta, riportando correttamente le lettere maiuscole e minuscole, facilitando così il compito di chi vuole decifrare.

Sénti che bèła… te ła dìgo parché no me fìdo màssa… Fìdo màssa Bèła… Bèła màssa sète… bàu… sète… bàu… Fìdo… màssa no me fìdo… màsso chi védo e màsso chi no crédo… un restà, òto massà… despièghemeła tùta…”

Questo indovinello è veramente complicato e strano ma era diffusissimo. Il cane Fido ammazza la coniglia Bella, la quale è incinta e così vengono uccisi altri sette coniglietti, C’è poi il gioco di parole ‘bau sete’ che si fa ai bambini ma in questo caso implica il cane Fido e i sette coniglietti.

Non mi fido troppo (massa) e troppo non mi fido servono per ingenerare confusione. Poi il cane Fido parla in prima persona e dice che ammazza chi vede ma anche ammazza chi non crede. Poi conclude che è rimasto solo il cane ed otto sono stati ammazzati. Un indovinello tra i più complessi.

Te ła dìgo e te ła tórno a dir da nóvo. Cóssa xé?” [Te la dico  e te la ritorno a dir nuovo. Che cos’è?] La tela (te-la). Elementare

“Parchè el Padreterno  el ne ga fàto na sbèssoła soła? Parché no’l podéva far àltri ménti…” (sbèssola = mento)

“Chi xéłi i dentìsti? Zènte che màgna coi dénti de cheàltri… e indóve xe che i fa i so congrèssi? A Tràpani…” [Chi sono i dentisti… gente che mangia coi denti degli altri e fanno i loro congrèssi a Trapani]

“Parché i péssi ga łè spìne? Parchè sóto àqua ghe xe corénte…” [I pesci hanno le spine perché sott’acqua c’è corrente]

“Quando che ti fa ‘na cùrva a dèstra in automòbiłe, quàła xe ła ròda che gìra de mànco? Quéła de scòrta…” [Quando fai una curva a destra in automobile, qual è la ruota che gira meno? Quella di scorta]

“Còme xe che se ciàmava el càn de Garibàldi? Fis-ciàndo…” [Come si chiamava il cane di Garibaldi… fischiando]

“Quàła bèstia sàlta più in àlto de un àlbero? Tùte, parché i àlberi no sàlta…” [Quale bestia salta più in alto di un albero… tutte, perché gli alberi non saltano]

“Più che ti ło impienìssi e più pìcoło el devénta. Còssa xe? Un bùso…” [Più lo riempi e più piccolo diventa… Un buco]

“Quàła bèstia xe restàda fóra da l’àrca de Noé? El pésse.” [Quale animale è rimasto fuori dall’arca di Noè… il pesce]

“Tùti i ło vèrze, nissùni i ło sàra. Còssa xe? L’óvo…” [Tutti lo aprono, nessuno lo chiude… l’uovo]

“Nol véde l’óra de cavàr el distùrbo. Chi xeło? El mèdego…” [Non vede l’ora di togliere il distrurbo… il medico…]

“Anca se el xe armà, no’l ghe fa paùra a nissùn… el ceménto…” [Anche se è armato, non fa paura a nessuno… il cemento]

“’Na vòlta su un mése, do vòlte su un moménto, mai su un àno… còssa xe? Ła létera ème…” [Una volta su un mese, due volte su un momento, mai su un anno… la lettera emme]

“Su un àlbero ghe xe nòve mèrli: spàro e gh’in cópo ùno. Quànti gh’in rèsta? Gnànca un, parchè quéi àltri i scàmpa.” [Su di un albero ci sono nove merli: sparo e ne accoppo uno. Quanti ne restano? Nemmeno uno perché gli altri scappano.]

“Ghe xe un móna che co fa frédo el se despògia… chi xe? L’àlbero…” [C’è uno sciocco che, quando fa freddo, si spoglia… l’albero…]

“Còssa xe che ghe cònta ‘na màma dinosàura al so dinosaurèto? ‘Na preistòria…” [Cosa racconta una mamma dinosaura al suo dinosauretto? Una preistoria…]

“I gà łigà łe gàmbe…” Si presta a doppia interpretazione: ‘i galli hanno le gambe’ e ‘hanno legato le gambe’

Co corén fen fin fun.” Quando corriamo facciamo persino fumo.

Ti che te tàca tàc, tàcheme i me tàc… mi che te tàche i to tàc a ti? Tàchete ti i to tàc, ti che no te tàca tàc.” [Tu che attacchi tacchi, attaccami i miei tacchi… io che ti attacchi i tuoi tacchi a tè? Attacati tu i tuoi tacchi, tu che non attacchi tacchi]

“Cóssa ocóre che te córe se no ocóre che te córe. Córi co ocóre che te córe.” [A cosa serve che tu corra se non serve che tu corra. Corri quando occorre che tu corra]

Questa se la ricorderanno in tanti, come filastrocca, per fare il solletico ai bambini molto piccoli:

Manìna bèa, fàta a penèa [manina bella, fatta a pennello]

indóve sìtu stàta… da ła nòna? [dove sei stàta, dalla nonna?]

e cóssa àtu magnà, pàn e làte? [e cos’hai mangiato, pane e latte?]

Gate, gate, gate… [si dice mentre si fa il solletico al bimbo, metologia consigliatissima per attuare una transazione cenestesica].

Annunci

1 commento su “Bèła Màssa Sète [280]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...