Riflessioni di alcuni veneti 7 [281]

Venezia – Un bimbo nella Riva degli Schiavoni con le carceri del Palazzo Ducale, sullo sfondo, a destra – 1944 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Un bimbo nella Riva degli Schiavoni con le carceri del Palazzo Ducale, sullo sfondo, a destra – 1944 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (Riflessioni di alcuni veneti 6). Seguito del bagnino Ferìno. Ferìno enunciava la regola delle ripetizioni, imparata dalla moglie tedesca che a sua volta l’aveva letta in un libro (sempre tedesco) di letteratura:

Su ła vìta, dó vòlte se pól dir: mi vògio.

‘Na vòlta se pol dìr: me inamóro.

Dó vòlte se pól dir: dèsso devénto.

‘Na vòlta se pól dìr: dèsso móro.

Prìma de morìr convién vér dìto dó vòlte ‘vògio’ e dó vòlte ‘devénto’.”

[Nella vita, due volte puoi dire: io voglio. Una volta puoi dire: mi innamoro. Due volte puoi dire: ora divento. Una volta puoi dire: adesso muoio. Prima di morire, conviene aver detto due volte ‘voglio’ e due volte ‘divento’]

A proposito del lavoro di bagnino, diceva: “Xe da pregàr Dio che qualchedùn no se néga: se ti sàlvi uno parché ti fa óra ti fa el to lavóro, se no ti riéssi ti xe un càncaro. Ma co uno el se dà da fàr, no el xe mài responsàbiłe. Sémo responsàbiłi de quéło che no fémo, no de quéło che serchémo de fàr. El chirùrgo el xe compàgno: el xe responsàbiłe se no’l vól operàr ma se’l òpera, ła pól andàrghe bén ma ànca màl… e a ła zénte, déłe vòlte bisògna contàrghe buxìe… chi xe che se farìa operàr da ùno che xe ła prìma vòlta che’l òpera… se el chirùrgo el dixe che no’l gà mai operà, no l’operarà mai; se’l dixe na buxìa, che’l ga zà operà, ałóra sarìa da métarlo in presón?” [Sarebbe da pregare Dio che qualcuno non si anneghi: se salvi uno perché fai a tempo fai il tuo lavoro, se non riesci sei una carogna. Ma se uno si dà da fare, non è mai responsabile. Siamo responsabili di quello che non facciamo, non di quello che cerchiamo di fare. Il chirurgo è uguale: è responsabile se non vuole operare ma se opera, può andargli bene ma anche male… alla gente, certe volte bisogna raccontare delle bugie… chi si farebbe mai operare da uno che è la prima volta che opera… se il chirurgo dice che non ha mai operato, non opererà mai; se dice una bugia, che ha già operato, allora sarebbe da metterlo in prigione?]

Quando arrivava l’imbrunire, diceva: “Co rìva cóntro séra, co se véde łe prìme stéłe, me vién ‘na małinconìa… gà dito me mugèr che la stéła più vissìna, se ła fùsse mòrta, ła ne mandarìa ła łùce ancóra par quàtro àni… mi ghe pénso sémpre…  ànca el sól… el podarìa éssar mòrto da òto minùti e nuiàltri no savér ‘ncóra gnénte… ma no se sa, in ogni moménto, né del sol, né de cheàltre stéle e mi gavarìa da savèr prìma se uno gà intenssión de negàrse… el xe un torménto contìnuo… se invésse no te interèssa se el se néga, ałóra el xe un àltro discórso… co ti lèxi el giornàl, i fàti i xe zà sucèssi, cóme par ‘na stéla mòrta ièri… no se pól fàrghe gnénte… tùti quéłi che mi sàlvo, no vién méssi quàsi mài sul Gazetìn; se se néga uno che no sa nuàr o che’l gà péna magnà, ànime de tùti i me mòrti! sul Gazetìn i méte ‘na pàgina intièra: no go mai vìsto peró na tabèła che pàrla de Ferìno, tànti par sènto salvài e tànti par sénto negài…” [Quando arriva l’imbrunire, quando si vedono le prime stelle, mi viene una malinconia… ha detto mia moglie che la stella più vicina, se fosse morta, ci manderebbe la luce ancora per quattro anni… io ci penso sempre… anche il sole, potrebbe essere morto da otto minuti e noi non sapere ancora niente… ma non si sa, in ogni momento, né del sole né delle altre stelle e io dovrei sapere prima se uno ha intenzione di annegarsi… è un tormento continuo… se invece non ti interessa se costui si annega, allora è un altro discorso… quando leggi il giornale, i fatti sono già successi, come per una stella morta ieri… non puoi farci niente… tutti quelli che io salvo, non sono messi quasi mai sul Gazzettino; se si annega uno che non sa nuotare o che ha appena mangiato, anime di tutti i miei morti! sul Gazzettino mettono una pagina intera: non ho mai visto però una tabella che parla di Ferìno, tanti per cento salvati e tanti per cento annegati…]

[segue]

Annunci

1 commento su “Riflessioni di alcuni veneti 7 [281]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...