Riflessioni di alcuni veneti 8 [284]

Venezia – Riva Schiavoni – L’aliscafo e il ferry-boat – 1960 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Riva Schiavoni – L’aliscafo e il ferry-boat – 1960 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (Riflessioni di alcuni veneti 7). Proseguono qui le riflessioni del bagnino Ferìno.

Poi: “Salvà, negà… i vól métar un fàto del gènere su ‘na paròła… cóme che dìxe me mugèr, ‘na ròba del gènere ła xe fàta de sénto, mìłe moménti nervòsi, fórse prìma el gèra ‘ndà par nuàr e mi ło gavéva vìsto ben in àqua, dopo, ghe gà ciapà el màto e el ga pensà de negàrse pròpio qua da mi e ‘ncóra dopo, par istìnto, nol vołéva più negàrse ma gèra màssa tàrdi, parchè fòrse ormài el gavéva bevùo màssa e i gionałìsti i pretendarìa de spiegàr tùto co na paròla, parché, se i scrivèsse de più sul giornàl, nissùni lezarìa… ghe vorìa un dotòr dei màti, sèmpre che el capìssa… mi pòsso védar quéłi che sa nuàr e quéłi che no sa nuàr ma come fàsso a védar quéłi che vol negàrse… se podarìa dìr che bisognarìa védar se el rèsta sóto… ma ghe xe ànca quéłi che va sóto par ciapàrse ‘na pevaràssa…” [Salvato, annegato… vogliono mettere un fatto del genere in una parola… come dice mia moglie, una cosa del genere è fatta di cento, mille momenti nervosi, forse prima era andato per nuotare e io in acqua lo avevo visto a suo agio, dopo, gli è preso un attimo di follia e ha pensato di annegarsi proprio qua da me e ancora dopo, per istinto, non voleva più annegarsi ma era troppo tardi, perché forse ormai aveva bevuto troppo e i giornalisti pretenderebbero di spiegare tutto con una parola, perché, se scrivessero di più sul giornale, nessuno leggerebbe… ci vorrebbe uno psichiatra, sempre che capisca… io posso vedere quelli che sanno nuotare e quelli che non sanno nuotare ma come faccio a vedere quelli che vogliono annegarsi… si potrebbe dire che bisognerebbe vedere se rimane sotto… ma ci sono anche quelli che vanno sotto per prendersi una vongola…]

Per dire come ragionano i tedeschi, riportava questa riflessione di sua moglie, che a suo dire noi italiani nemmeno pensiamo ma a me sembra che non ci siano queste differenze, tra italiani e tedeschi: “Uno, co’l xe łu sóło, el ghe tién a vìvar e ànca el gà paùra de morìr. Co i xe tànti in compagnìa, no i ghe bàda a ła vìta e no ghe intaréssa de morìr. Co i xe in tànti che no ghe intarèssa morìr, i cànta… pól dàrse che sìa par fàrse coràgio…” [Uno, quand’è da solo, ci tiene a vivere e ha anche paura di morire. Quando sono molti in compagnia, non badano alla vita e non interessa loro di morire. Quando sono in tanti ai quali non interessa di morire, cantano… può darsi che lo facciano per farsi coraggio…].

Parlava poi del come, quando sono in tanti in compagnia, avvenga, nei momenti emozionanti come l’alzabandiera, il noto fenomeno dell’orripilazione, conosciuto anche come ‘sacro brivido lungo la schiena’ il quale è il retaggio di quando eravamo scimmioni (quàndo che gèrimo ‘ncóra simiòti) che, nei momenti di aggressione, in gruppo raddrizzavamo i peli per sembrare più grossi. Il gatto, quando ha paura, lo fa ancora.

Annunci

Un pensiero su “Riflessioni di alcuni veneti 8 [284]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...