Coriandoli 3 [286]

Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli - 1981 – Ernesto Giorgi ©
Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Proseguiamo con proverbi, detti, riflessioni, citazioni ed altri aforismi. Amor, gràndo vincitór.[Omnia vincit amor (Virgilio, Ecloghe, X, 69)].

 El va vìa, l’amór…  résta el dolór [Gioia promette, e manda pianto amore (Foscolo, Le Grazie)].

Gràn nevèra, gran granèra [Anno di neve, anno di bene (grano)].

Da ‘na poiàna no nàsse un colómbo. [Da un rapace non nasce un piccione] [Di vacca nascer cerva non vedesti, né mai colomba d’aquila… (Ariosto, Satire, III, 103-104)].

Chi se fa siòr su un àno, el xe impicà in sìe mesi. [Chi si fa ricco in un anno, sarà impiccato in sei mesi] Chi vuol esser ricco in un dì, è impiccato in un anno. (Leonardo da Vinci, Frammenti letterari).

El rìva a piàti łavài [Arriva quando i piatti son già lavati]. Per dir di un fannullone.

Asino nàto, àsino mòrto.[Chi asino nasce, asino muore].

A destrigàr el mùss, se ciàpa speaθàde e se infastidìs la bèstie. [Se rigoverni (ripulisci) l’asino, prendi calci e infastidisci l’animale]. Usata in Friuli.

‘Na vòlta sòla se pòrta el mùss te’l jàθ [Una sola volta si porta l’asino sul ghiaccio] (Poi, non ci vuol più venire).

El mùss e’l so parón no i ła pénsa compàgna. [L’asino e il suo padrone non la pensano uguale].

El mùss de Canceniga: par fàrghe magnàr el fén te la grépia, i ghe à cavà łe récie, par tiràrlo vìa, i ghe à cavà ła cóða. [L’asino di Canceniga: per fargli mangiare il fieno della mangiatoia, gli hanno tolto le orecchie, per tiralo via, gli han tolto la coda] Dicesi di uno che prima non vuole qualcosa e poi, invece, non la smette più. Canceniga era uno straccivendolo che, con il suo asino, sono realmente esistiti. A chi gli chiedeva notizie del suo proverbiale asino, rispondeva: “El me costèa un òcio a varnàrlo ełóra ière drìo insegnàrghe a stàr sénθa magnàr: sul pì bel ch’el véa imparà, ‘sta ‘carògna, l’è mòrt, par fàrme dispèto…” [Mi costava un occhio ad alimentarlo e allora gli stavo insegnando a star senza mangiare: sul più bello che aveva imparato, questa carogna, è morto, per farmi dispetto…].

Al poaréto ghe mànca tànto, a l’avàro ghe mànca tùto. [Al povero manca tanto, all’avaro manca tutto].

El gèra un avàro: el ga vissùo da poaréto par morìr da siór. [Era un avaro: ha vissuto da povero per morire da ricco].

L’avàro no’l xe el parón de l’òro: xe l’òro che’l xe parón de l’avàro. [L’avaro non è padrone dell’oro: è l’oro ch’è il padrone dell’avaro].

L’avàro spénde tànte vòlte in sògno. [L’avaro di diverte a spendere il suo denaro parecchie volte, ma solo in sogno].

Se no ti pól tagiàr ‘na màn, intànto bàseła. [Se non puoi tagliare una mano, intanto baciala].

Spósa ‘na dòna bèła: ti farà ła sentinèła. [Sposa una donna bella: farai la sentinella].

‘Na dòna bèla ga la dòte in scarsèla. [Una bella donna ha già la dote in tasca].

Nassùa co ła so dòte. [Nata con la sua dote: per definire una bella donna].

Su ‘na bóca seràda no xe mài ndà dèntro mósca. [In una bocca chiusa non è mai entrata mosca] Un bel tacer…

Bóte che cànta, ła xe vóda [Botte che risuona, è vuota] Le teste di legno, fan sempre del chiasso (Giusti, il re travicello).

Entrambi leggiamo la Bibbia giorno e notte ma, dove tu leggi nero, io leggo bianco. (William Blake, poeta inglese,1757-1827, The everlasting Gospel).

Tutti viviamo sotto lo stesso cielo ma non tutti abbiamo lo stesso orizzonte. (Konrad Adenauer, politico tedesco, 1876-1967).

Sémo tùti compàgni ma par póco: no se pól métar dó insième par mèza ójra che sùbito ti te incòrzi che uno dei dó el xe mègio de quél àltro. [Siamo tutti uguali ma per poco: non puoi mettere due (uomini) assieme per mezz’ora che subito ti accorgi che uno dei due è meglio dell’altro]. (Attribuita a S. Johnson, letterato inglese, 1709-1784).

Tràta el to servitór cussì còme che te piasarìa éssar tratà dal to parón [Tratta il tuo servitore così come ti piacerebbe essere trattato dal tuo padrone] Frase tradotta dal latino, da Seneca, filosofo latino, 4 a.C. – 65 d.C., Lettere a Lucilio, 47, 11.

I fiói, a usàrli màssa bén, se łi ùsa màssa màl. [I figli, educandoli troppo bene, si educano troppo male].

Beàto el fìo che ga so pàre a l’Infèrno [Beato il figlio che ha il padre all’Inferno.] Leggasi: il padre è andato all’Inferno perché accumulò grandi ricchezze, che il figlio ha ereditato.

I fàti i xe òmini e le ciàcołe le xe dòne. [La parola ‘fatti’ è di genere maschile mentre la parola ‘chiacchiere’ è di genere femminile].

L’amór el fa passàr el témpo e’l témpo el fa passàr l’amór. [L’amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l’amore].

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...