Riflessioni di alcuni veneti 10 [290]

Venezia – Vista dal Ponte di Rialto – 1960 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Vista dal Ponte di Rialto – 1960 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (Riflessioni di alcuni veneti 9). Don Manzoni parla poi di quelli che egli chiamava i lùpi: “Zénte che no vién a Méssa gnànca se ti ghe càvi le récie e che magàri i préga da łóri sółi, in bàrca, co i xe in lagùna, amésso che i préga….

I vién in canònica e i me dà mùci de schèi da no crédar. Xe cussì che go sèmpre calcòssa par łe famégie che no ga gnànca da magnàr. Na vòlta go barufà co uno che’l vołéva dàrme màssa ma me ga tocà acetàr. I lùpi no i se confèssa mài… I me dìxe sémpre che se i savésse che go parlà no i me darìa più un frànco, che i me farìa passàr un brùto quàrto d’óra e che no i vién a Méssa parché a Méssa ghe xe màssa pòchi cristiàni. I xe pròpio còme i lùpi, ghe go trovà un nòme giùsto, no i pól védar nissùn ma mi preferìsso łóri a quéłi che vièn a Méssa nòme àltro che par fàrse védar. I lùpi, come che łi ciàmo mi, anca parché i vièn quàsi tùti de séra tàrdi, i xe tànti de più de quéło che se pól crédar… magàri no xe véro quéło che i me cónta, i farà quéło che i fa par àltri motìvi sùi ma sucéde che ùno de lóri el me dàga su ‘na vòlta sóła tànti schèi quànti quéłi che tirémo su in césa su diéxe doméneghe: i lùpi no i vól gnénte, no i domànda gnénte, i xe educàti, i pòrta rispèto, i pàrla póco e ghe bàsta sóło che mi tàsa… ghe bàsta sóło che no se sàpia in gìro… cèrti, no so gnànca cóme che i se ciàma, indóve che i stà… déłe vòlte pénso che me łi gàbia mandài San Francesco, che coi lupi el gèra in confidénsa…” [Gente che non viene a Messa neanche se togli loro gli orecchi e che magari pregano da soli, in barca, quando sono in laguna, ammesso che preghino… Vengono in canonica e mi danno mucchi di soldi da non credere. E’ così che ho sempre qualcosa per le famiglie che non hanno neanche da mangiare. Una volta ho litigato con uno che voleva darmi troppo ma ho dovuto accettare. I lupi non si confessano mai… Mi dicono sempre che se sapessero che ho parlato non mi darebbero più una lira, che mi farebbero passare un brutto quarto d’ora e che non vengono a Messa perché a Messa ci sono troppo pochi cristiani. Sono proprio come i lupi, ho trovato loro il nome giusto, non possono vedere nessuno ma io preferisco loro a quelli che vengono a Messa solo per farsi vedere. I lupi, come li chiamo io, anche perché vengono quasi tutti di sera tardi, sono tanti di più di quanto non si possa credere… magari non è vero ciò che mi raccontano, faranno quello che fanno per altri motivi loro ma succede che  uno di loro mi dia in una volta sola tanti soldi quanto quelli che raccogliamo in chiesa in dieci domeniche: i lupi non vogliono niente, non domandano niente, sono educati, portano rispetto, parlano poco e a loro basta solo che io taccia, a loro basta solo che non si sappia in giro… certi, non so nemmeno come si chiamino o dove abitino… certe volte penso che me li abbia mandati San Francesco, che con i lupi era in confidenza…]

 

[segue]

Annunci

1 commento su “Riflessioni di alcuni veneti 10 [290]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...