Appuntato 2 [297]

Maurits Corneli Escher (1898 – 1972) – Operai al lavoro in un mondo senza dimensioni.
Maurits Corneli Escher (1898 – 1972) – Operai al lavoro in un mondo senza dimensioni.

Proseguiamo. (vedi Appuntato 1).  “Se cerchi di essere troppo conciso risulterai oscuro, incomprensibile” (Orazio, poeta latino, 65 a.C., 8 a.C., L’arte poetica, 25,6]

Né troppo prolissi né troppo concisi… ma Carducci non è d’accordo sulla prolissità. Dice infatti: “Colui che potendo esprimere un concetto in dieci parole ne usa dodici, io lo ritengo capace delle peggiori azioni”.

E allora, perché il silenzio?

Dice il Talmud ebraico (Megilla, 18): “Una parola vale un denaro; il silenzio ne vale due.”

“L’uomo primitivo temeva il silenzio. L’uomo contemporaneo è in realtà primitivo.”

“Avare siano le tue parole ed eloquente il tuo silenzio.” [Filarete, teologo e metropolita russo, 1782 – 1867]

“Il silenzio di quell’uomo è magnifico da ascoltare.” [Th. Hardy, scrittore inglese, 1840 – 1928, Sotto l’albero del verde bosco, 14)

Contra el callar no hay castigo ni respuesta [Cervantes, 1547 1616, Los trabajos de Persiles y Sigismunda] Contro il tacere non c’è castigo né risposta.

A la court, mon fils, l’art le plus nécessaire

N’est pas de bien parler, mais de savoir se taire.”

 [Voltaire, scrittore e filosofo francese, 1694 -1778, L’indiscret]

A corte, figlio mio, l’arte più necessaria non è quella di parlar bene, ma di saper tacere.

“Vivere con gli uomini è difficile, perché difficile è il tacere.” [F. W. Nietzsche, filosofo tedesco, 1844 – 1900, Umano, troppo umano, Dei compassionevoli]

“Un uomo saggio t’insegnerà molto se t’insegnerà a tacere.” (J. B. Bossuet, scrittore francese, 1627-1704, Élevation à Dieu sur tous les mystères)

“Dall’albero del silenzio pende il frutto della pace.” (Arturo Schopenhauer, filosofo tedesco, 1788 – 1860, Aforismi sulla saggezza del vivere, V).

“Talmente grande è il rispetto del silenzio che anche lo stolto, se tace, viene preso per saggio.” Stultus tacebit? Pro sapiente habebitur. [Publilio Siro, poeta latino, I secolo a.C., Sentenze, 914] Il latino è di una sintesi incredibile… e sempre Publilio Siro: Saepius locutum, nunquam me tacuisse poenitet. Mi sono spesso pentito di aver parlato, non mi sono mai pentito di aver taciuto.

Il filosofo austriaco Ludovico Wittgenstein, insegnante, 1889 – 1951, ci dice nel suo Tractatus logico-philosophicus: “Su ciò di cui non si potrebbe parlare, si deve tacere.” Nota: Non ‘si dovrebbe’ ma ‘si deve’.

Molte volte, quando si parla, lo si fa nonostante il dubbio ci attanagli.

Certe persone sono dubbiose comunque… Ebbene cos’è il dubbio?

“Ci sono due specie di sciocchi: quelli che dubitano sempre e quelli che non dubitano mai.” (Ch. J. Ligne, generale belga, 1735 – 1814, Mes écarts)

“Piuttosto che riposarsi nell’errore, meglio agitarsi nel dubbio.” (Manzoni, Storia della colonna infame, II).

“Sie dolce il dubbio a chi nuocer può ‘l vero” (M. Buonarroti, artista e poeta italiano, 1564 – 1616, Rime)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...