Riflessioni di alcuni veneti 11 [295]

Venezia – Vista della Ruga Rialto dal sommo del Ponte di Rialto – 1960 – Ernesto Giorgi ©
Venezia – Vista della Ruga Rialto dal sommo del Ponte di Rialto – 1960 – Ernesto Giorgi ©

Segue dall’articolo precedente (Riflessioni di alcuni veneti 10). A proposito di richieste strane, don Manzoni diceva: “Dopo, ghe xe i stràmbi: ‘na dòna ła voléva far ‘na carità grànda se ghe garantìvo ‘na bèła mòrte… tànti invésse i vorìa compràr el vìn che doparémo par far Mèssa, no i farìa questiòn de prèsso… cèrte màme che gà łe fìe sui sédese àni łe pagarìa mi no sò quànto par savér quéło che gà dìto łe so tóxe in confessionàl,

o quéło che me gà confessà i so morósi… o se ła sèrva gà confessà de vér robà calcòssa o se so marìo gà confessà de vérghe  fàto i còrni… o se el sòcio del marìo gà robà… cèrti i vorìa savér quànti àni de purgatòrio che ghe tocarà… uno vołéva che ghe metésse i àni del purgatòrio par scrìto… una me gà dìto che ła savéva che so marìo el gavéva ‘na amànte e che se ghe gavésse dà l’assolussión ła gavarìa pèrso la stìma che ła gavéva par mi… uno me gà dìto che sicóme i dixéva che mi gèro un sànto, de sicùro mi savévo quàndo che łù el sarìa mòrto e che ghe ocoréva savérlo par cèrti afàri sùi e che’l gavarìa pagà quéło che volévo. Dopo, i me domànda parfìn quàndo che vignarà ła pròssima pèste o el pròssimo teremòto…” [Poi, ci sono gli strambi: una donna voleva fare una carità grande se le avessi garantito una bella morte… tanti invece vorrebbero  comperare il vino che usiamo per dir Messa e non farebbero questione di prezzo… certe mamme che hanno le figlie sui sedici anni pagherebbero non so quanto per sapere quello che hanno detto le loro ragazze in confessionale, o quello che mi hanno confessato i loro morosi… o se la domestica ha confessato di aver rubato qualcosa o se il marito ha confessato di averle fatto le corna… o se il socio del marito ha rubato… certi vorrebbero sapere quanti anni di purgatorio spetteranno loro… uno voleva che gli mettessi gli anni di purgatorio per iscritto… una mi ha detto che sapeva che suo marito aveva un’amante e che se gli avessi dato l’assoluzione avrebbe perso la stima che aveva per me… uno mi ha detto che siccome dicevano che ero un santo, di sicuro io sapevo quando lui sarebbe morto e che doveva saperlo per certi suoi affari e che avrebbe pagato quello che volevo. Poi mi chiedono persino quando verrà la prossima peste o i prossimo terremoto…]

A proposito dei politici, don Manzoni diceva: “I xe i pèzo de tùti: i dìxe che ghe tóca robàr parché el partìto el gà bisògno de schèi e ‘łóra mi ghe dìgo de cambiàr mistièr. I dìxe che no i pól, parché i sarìa minaciài o ricatài e che ormài i xe ciapài déntro su un gìro e che ghe tóca restàr. Mi ghe dìgo che no pòsso dàrghe l’assolussiòn e łòri prìma i me dixe che in càmbio i podarìa iutàr tànto ła paròchia e dato che mi ghe dìgo che no ghe darìa l’assołussión gnànca in stésso, łóri i me rispónde che i trovarà ‘na mànega più łàrga. E mi ałóra ghe dìgo che se no i se fa più védar me par gnànca véro. I go ełiminài quàsi tùti… far el prète sèrio, no xe un schèrso…” [Sono i peggiori di tutti: dicono che debbono rubare perché il partito ha bisogno di soldi e allora io dico loro di cambiare mestiere. Dicono che non possono, perché sarebbero minacciati o ricattati e che ormai sono presi dentro in un giro e che sono obbligati a rimanere. Io dico che non posso assolverli e loro prima mi dicono che in cambio potrebbero aiutare moltissimo la parrocchia e dato che io rispondo che non darei loro l’assoluzione comunque, mi rispondono che troveranno un confessore più accondiscendente. E io allora dico che se non si faranno più vedere mi sembrerà neanche vero. Li ho eliminati quasi tutti… fare il prete seriamente non è uno scherzo…]

Don Manzoni così parlava a proposito della guerra: “La guèra no xe un concèto o ‘na decisiòn: ła xe ‘na małatìa, cóme ła pèste, cóme ła małària; ła ga el so batèrio, bactèrium bèlli, che ormài eł se gà difùxo e che ormài eł va vànti par cónto sùo. No ghe xe più gnénte da fàr: eł gà cambià łe tèste e nissùni pól fàrghe calcòssa. Cóme par ła pèste, ła małatìa de ła guèra ła ghe xe, ła xe endèmica e ła pól saltàr fóra in ògni moménto parché tùti i xe portatóri sàni. El demònio el gà vìnto: el ne gà ficà el batèrio de la guèra sui sarvèi e no ghe fémo gnànca più càso, sémo abituài a vérlo.” [La guerra non è un concetto o una decisione. È una malattia, come la peste, come la malaria; ha il suo batterio, il batterio della guerra, che ormai si è diffuso e che ormai va avanti per conto suo. Non c’è più niente da fare: ha cambiato le teste e nessuno può farci qualcosa. Come per la peste, la malattia della guerra esiste, è endemica e può saltare fuori in ogni momento perché tutti sono dei portatori sani. Il demonio ha vinto: ci ha conficcato il batterio della guerra nei cervelli e non ci facciamo nemmeno più caso, siamo abituati ad averlo.]

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...