Raccolta di proverbi 4 [303]

proverbi4Proseguiamo con la nostra raccolta di proverbi veneti (la precedente raccolta era la 3), alcuni dei quali sono presi dai libri esposti nella bibliografia:

I cavài se łìga co ła cavéssa, i gałantòmini co ła paròła. [I cavalli si legano con la cavezza. I galantuomini con la parola].

Se ciàpa più mósche co ‘na gióssa de mièl che co ‘na bóte de axéo. [Si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d’aceto].

Tànti càni cópa el lóvo e uno sóło ghe ssìga a ła lùna. [Tanti cani (assieme) ammazzano il lupo e ad uno solo non resta che ululare alla luna].

Caro Bepìn: ogni formìgoła ghe piàxe el so bùso [Ad ogni formica piace il suo buco] Ad ognuno piace casa sua.

Can che màgna e zogadór che pèrde: bisògna łassàrli stàr. [Cane che mangia e giocatore che perde: bisogna lasciarli stare].

Xe l’ùltima pàgia che sderéna el mùsso. [è l’ultima pagliuzza che sfianca l’asino].

Co’l lóvo devénta vècio, i càni i àlsa ła gàmba. [Quando il lupo non fa più paura (diventa vecchio), i cani gli orinano addosso].

Bechèr o lóvo, a ła piègora ghe fa in stésso. [Macellaio o lupo, alla pecora (se deve morire) fa lo stesso.] Una morte vale l’altra.

Chi che pòrta ła cróxe el fadìga a cantàr. [Chi porta la croce fatica a cantare] Chi ha il peso delle responsabilità difficilmente è spensierato.

Vède mègio el Pàpa e un viłàn che’l Pàpa sóło [Vedono meglio un Papa ed un villano (assieme) che il Papa da solo].

Al buxièr no se ghe créde el véro [Al bugiardo non si crede il vero]

I buxièri xe łàdri [I bugiardi sono ladri] (Mendacium et furtum vitia cognata sunt) Il mentire e il rubare sono vizi imparentati tra loro. (Erasmo da Rotterdam).

No son busièr parchè no go memòria… [Non sono bugiardo perché non ho memoria].

Co ti invénti ‘na buxìa, stà prónto par n’altre diéxe… [Quanto inventi una bugia, tienti pronto a doverne inventare altre dieci].

Tre vòlte bòn, na vòlta móna. [Tre volte buono, una volta sciocco]. Ad essere troppo buoni si passa da sciocchi.

Co ti ga vògia de criticàr, se ti te vàrdi ben te tocarà tàsar. [Quando hai voglia di criticare, se ti guardi bene dovrai tacere]

Par no bagnàrse el xe sóto ła górna [Per non bagnarsi è sotto la grondaia].

Co se tìra tànta àqua al mùro, un fià el se bàgna… [Tirando tanta acqua al muro , un poco si bagnerà] A furia di calunniare, qualcosa deve restare.

La campàna te ciàma in césa, ma éła no ła vién [La campana ti chiama in chiesa, ma lei non viene.] Fai quel che dico ma non guardare quel che faccio.

Can che ga fàme mórsega el bastón [Il cane affamato non teme il bastone].

El càn vècio no bàia par gnénte. [Il cane vecchio non abbaia senza motivo.] Un esperto non si insospettisce per stupidaggini.

Annunci

Un pensiero su “Raccolta di proverbi 4 [303]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...