Raccolta di proverbi 5 [305]

proverbi5Proseguiamo con la nostra raccolta di proverbi veneti (la precedente raccolta era la 4), alcuni dei quali sono presi dai libri esposti nella bibliografia:

Caro Bepìn: sénsa Sànti, no se và in Paradìso. [Senza Santi, non si va in Paradiso] Senza appoggi, resterai dove sei.

I sànti de casàda no i fa i miràcołi [I santi di paese non fanno miracoli] Nessuno è profeta in patria.

A càsa sùa, ła carità scomìnssia da łù. [A casa sua, la carità comincia da lui] Egli benefica solo se stesso, non fa la carità.

El demònio el iùta i so compàri. [Il diavolo aiuta i suoi simili].

El cafè el xe bón co trè èsse: Sentà, Scotà e Scrocà. [Il caffè è buono con tre lettere esse: Stando seduti, quando scotta e quando è scroccato, cioè ti viene offerto gratuitamente].

Biànco e négro, menéme càsa. [Vino bianco e vino nero (bevuti assieme) portatemi a casa: perché sei brillo].

Pésse còto, càrne crùa. [Il pesce sia cotto, la carne sia cruda].

I xe più quéłi che se néga sul vìn che su l’àqua. [Sono più gli alcolizzati che gli annegati].

Caro Bepìn: vestìssite cóme che i dìxe cheàltri e màgna quéło che ti dìxi ti [Vesti alla moda e mangia quello che vuoi].

Co pàn, vìn e sóca, łàssa ch’el fiòca. [Basta avere in casa pane, vino e ciocchi di legna e lasciar pure che nevichi].

Ténca in camìxa, lùzzo in pełizza. [La tinca si mangia d’estate (quando sei in camicia) e il luccio si mangia d’inverno (quando si porta la pelliccia)].

Al bàcaro no’l và ma co’l ghe xe, el ghe stà. [All’osteria non ci va (quasi mai) ma quando c’è non viene più via].

El gàto el gavéva un castèło e par un pésse ło gà vendùo [Il gatto aveva un castello e per un pesce lo ha venduto] Ci sono persone molto poco accorte.

Chi che vòl copàr el so càn, na scùsa el sa trovàrla. [Chi vuole ammazzare il suo cane, una scusa sa trovarla].

Se ti ònzi na ròda, ła gìra mègio. [Se ungi una ruota, gira meglio].

Se ti fa ła càsa in piàssa, o i dìxe màssa àlta o i dìxe màssa bàssa. [Se fai la casa in un posto in vista, o dicono troppo alta o dicono troppo bassa]. La gente ti critica comunque.

A càsa mia són re. [A casa mia sono re].

Xe fàssiłe ‘ndàr a pìe col cavàlo su ła cavéssa. [Facile andare a piedi col cavallo sulla cavezza]. Facile rischiare se hai un’ancora di salvezza.

El cavàło che tìra mègio el ciàpa łe pèzo frustàe. [Il cavallo che tira meglio prende le peggiori frustate].

Se ti ga la cóa de pàgia, sta distànte dal camìn. [Se hai la coda di paglia, stai distante dal camino].

El sercàva el mùsso e’l ghe gèra passóra. [Cercava l’asino e c’era sopra].

Rénte la Césa ma distànte da Dio. [Vicino alla Chiesa ma distante da Dio].

El scarpèr el pàrla del so mistièr. [Il ciabattino parla del suo mestiere].

Annunci

1 commento su “Raccolta di proverbi 5 [305]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...