Marco e Todaro 8 [317]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 7). Todaro: “Màrco, sémo qua dal 1178, che no xe un schèrso e ghe ne gavémo vìste de tùti i cołóri.

‘Na roba me fa spècie: se ùno, un połitico, un nòbile, un capitàno, no’l ghe piàxe in bòto a ła zénte, dòpo sàlta fóra che’l gèra quàsi sèmpre na carògna… come che fàssa la zénte a capìrlo  prìma, no me xe ‘ncóra ciàro…” [Marco, siamo qui dal 1178, che non è uno scherzo e ne abbiamo viste di tutti i colori. Una cosa mi meraviglia: se uno, un politico un nobile, un capitano, non piace da subito al popolo, poi salta fuori che era quasi sempre un lazzarone… come faccia il popolo a capirlo prima, non mi è ancora chiaro…]

Marco: “Xe véro, la zènte no indovìna sémpre ma, cóme che ti ga ‘péna dìto ti, quàsi sémpre. Secóndo mi, fin da sùbito la zénte vàrda łe monàe e da łà i capisse: se sułe monàe el xe amìgo de ła zénte, i se inamóra. No i capìsse ben, ghe bàsta ch’l sìa giùsto, che el gàbia un pòca de generosìtà, che no’l gàbia la spùssa sóto el nàso. I xe come i putèi che i capìsse se i pol fidàrse de un gràndo o no.” [Vero… la gente non indovina sempre ma, come hai appena detto tu, (indovina) quasi sempre. Secondo me, immediatamente la gente guarda le piccole cose e da là capisce: se sulle stupidaggini è amico della gente, si innamorano. Non capiscono bene, alla gente basta che sia giusto, che abbia un poco di generosità, che non abbia la puzza sotto il naso. Sono come i bambini che capiscono se possono fidarsi di un adulto oppure no.]

Todaro: “I xe stài pòchi i nòbiłi sénsa spùssa sóto el nàso… e ła zénte sentìva che no ghe gèra simpatìa…” [Sono stati pochi i nobili senza puzza sotto il naso… e la gente sentiva che non c’era simpatia…”

Marco: “Se ùno no gèra simpàtico, se ła zénte no se gèra inamoràda, i savéva zà che quàlche porcarìa magari el podéva fàrla e se ła fasséva no’l gavéva gròsse conseguénse, parchè la zènte savéva da prìma che’l gèra ‘na mèza carògna e ła zènte ga tànta fiłosofìa: el vigniva abandonà, desmentegà e la so vìta pùblica gèra quàsi sémpre finìa… ma ła pèzo punissión ła ghe xe sémpre tocàda a quełi che ghe piaxèva tànto a ła zénte: quełi i podéva sbaliàr ma no i podèva tradìr, parchè gèra còme tradìr ‘na moròsa… e i gèra adiritùra copài, squartài… magàri i gavèva tradìo mànco de àltri ma un moróso de ła zènte no ła pól tradìr, de nessùna manièra… ła zénte, ałora, no ła perdóna…” [Se uno non era simpatico, se la gente non si era innamorata, sapevano già che qualche porcheria magari poteva farla e se la faceva non aveva grosse conseguenze, perché la gente sapeva da prima che era un mezzo farabutto e la gente ha tanta filosofia: veniva abbandonato, dimenticato e la sua vita pubblica era quasi sempre finita… ma la peggior punizione è sempre toccata a quelli che piacevano tanto alla gente: quelli potevano sbagliare ma non potevano tradire, perché sarebbe stato come tradire un’amante… ed eranno addirittura ammazzati, squartati… magari avevano tradito meno di altri ma un amante del popolo non lo può tradire, in alcun modo… il popolo, allora, non perdona…]

Todaro: “Ma… ‘nca ‘dèsso, xéła ‘ncóra cussì…” [Ma anche oggi, è ancora così?]

Marco: “Sì, Todaro, sì… par i pròssimi trénta mìłe àni inmànco…” [Sì, Teodoro, sì… per i prossimi trenta mila anni almeno…]

Annunci

Un pensiero su “Marco e Todaro 8 [317]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...