Marco e Todaro 9 [324]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 8). Todaro: “Màrco, sémo qua dal 1178, che no xe un schèrso e ghe ne gavémo vìste de tùti i cołóri.

Ghe xe un fàto che me fa spècie: co sucéde calcòssa, se fa prìma tànte ciàcołe ma dòpo ła zénte no ghe ne pàrla più…” [Marco, siamo qua dal 1178, che non è uno scherzo e ne abbiamo viste di tutti i colori. C’è un fatto che mi colpisce: quando succede qualcosa, si fanno dapprima tante chiacchiere ma dopo la gente non ne parla più]

Marco: “Cóme łe òche del Campidoglio a Roma, cóme łe ràne sul fòsso de Bèpi Giùsti, ciapà dal grègo Esòpo… xe par rómpar l’abitùdine… tànto par fàr fìnta che łe ròbe pòssa cambiàr, par far fìnta de dàrse importànsa ma dòpo, łe òche łe rèsta òche e łe ràne łe rèsta ràne…” [Come le oche del Campidoglio a Roma, come le rane nel fossato di Giuseppe Giusti (Re Travicello), ripreso dal greco Esopo… è per rompere l’abitudine, tanto par far finta che le cose possano cambiare, per far finta di darsi importanza ma dopo, le oche restano oche e le rane restano rane…]

Todaro: “No capìsso ben…” [Non capisco bene]

Marco: “La zènte xe terorizàda a l’idèa de cambiàr: nóve abitùdini, pericołóse, nóvi comportaménti, ‘ncóra più pericołósi, se fa tànta fadìga… el sògno de tùti el xe de ‘ndar avànti col sòłito sistèma de sémpre… se ùno el vòl fàrte cambiàr, el xe fìn antipàtico…” [La gente è terrorizzata all’idea di cambiare: nuove abitudini, pericolose, nuovi comportamenti, ancora più pericolosi, si fa tanta fatica… il sogno di tutti è di andare avanti col solito sistema di sempre… se uno vuol farti cambiare, è perfino antipatico…]

Todaro: “Anca Tomàsi de Lampedùsa el gà mésso su un so’ lìbro ‘na fràse, quàsi copiàda da un provèrbio francese. Mi so’ grègo e so łe lìngue… ‘plus ça change, plus c’est la même chose…’ (più ciò cambia, più è la stessa cosa), basta che ti védi i bòce a marénda che no i vorìa mài cambiàr…” [Anche Tomasi di Lampedusa ha messo in un suo libro una frase, quasi copiata da un proverbio francese… Io sono greco e so le lingue… basta che tu veda i bambini a merenda che non vorrebbero mai cambiare…]

Marco: “No se pòl dir s’cèto che no se vól cambiàr… bisògna far fìnta de vołér cambiàr ma quàndo che ùno xe abituà a na ròba, el vorìa continuàr a fàrla sénsa pensàrghe… a ła zénte no ghe piàse pensàr… i terorìsti de dèsso par che i fàssa paùra ma tùti se abituarà, sucedarà cóme col Vècio de ła Montàgna… łézi qua…” [Non si può dire apertamente che non si vuole cambiare… bisogna far finta di voler cambiare ma quando uno è abituato ad una cosa, vorrebbe continuare a farla senza pensarci… alla gente non piace pensare… i terroristi di adesso sembra che facciano paura ma tutti si abitueranno, succederà come col Vecchio della Montagna… leggi qua…]

“Fonti arabe, persiane e perfino cinesi illustrano la storicità della vicenda. Il persiano al-Hasan ibn as-Sabbah fu iniziatore della diramazione eretica musulmana sciita detta degli ismailiti; dopo esserne diventato gran maestro nel 1107, nel 1109 s’impadronì della fortezza di Alamut, che diventò centro del suo potere. Fra le denominazioni usate dagli autori musulmani per i seguaci di al-Hasan quella di “hashishiyyah” risulta rarissima, tuttavia è quella che allude all’hashish (= hashishin = assassino) e che dovette predomimare nell’uso popolare così da dar origine al vocabolo europeo. Le stesse fonti asiatiche riferiscono dell’inebriamento (hashish) e testimoniano del potere assoluto esercitato dal capo: la dottrina ismailitica ammetteva del resto l’omicidio politico, con una spregiudicatezza che consentì di allearsi persino con i crociati. Nel 1256, sotto il regno del gran maestro Alaaddin, terzo successore di al-Hasan, i mongoli di Hulagu espugnarono la fortezza ritenuta imprendibile.” (ripreso da https://it.wikipedia.org/wiki/Veglio_della_Montagna).

Marco: “I Assassìni drogài ghe ne gà fàto de tùti i cołóri par sénto e sinquànta àni e ‘dèsso ła zénte dixe: chi xe che ło gavarìa mài dito… el fàto xe che queła vòlta, dopo àni e àni, tùti i se gavéva abituà… e ricórdite łe me paròłe: abituàrse, anca a łe pèzo porcarìe, vol dìr desmentegàrłe…” [Gli Assassini drogati ne hanno fatte di tutti i colori per cento e cinquanta anni e adesso la gente dice: chi lo avrebbe mai detto… il fatto è che quella volta, dopo anni e anni, tutti s’erano abituati… e ricordati le mie parole: abituarsi, anche alle peggiori nefandezze, significa dimenticarle…]

Annunci

Un pensiero su “Marco e Todaro 9 [324]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...