Entropia [331]

entropia1Premessa necessaria. Entropia: derivato dal greco en tropé (rivolgimento dentro) è una legge della termodinamica che afferma che un corpo ordinato, come nell’immagine, tende a perdere il suo ordine.

Così, ad esempio, una casa abbandonata tenderà a diventare un mucchio di mattoni e non succederà mai il contrario. Neghentropia: il fenomeno inverso, teorico, dove il mucchio di mattoni abbandonato a sé stesso diventa una casa.

Ca’ Vendramin Calergi, dove morì Wagner, era la sede invernale del più antico Casinò del mondo: il Casinò di Venezia, avviato nel 1638. La legenda sotto il logo del Casinò, col leone marciano, dice: “From 1638: an infinite emotion” [Dal 1638: un’emozione infinita]. E, come vedremo sotto, sanno perfettamente quello che scrivono…

casinò
Palazzo Loredan Vendramin Calergi, iniziato nel 1481 e completato nel 1509.

Dunque, in un tardo pomeriggio d’inverno vedo una gondola, col suo felze (cabina chiusa invernale atta a riparare dal freddo: il felze crea un vero e proprio salottino). La gondola è legata alle bricole di Ca’ Vendramin Calergi e poco distante, che passeggia tranquillo e sfaccendato, vedo il suo gondoliere, molto anziano. Non ci vuol molto acume per capire che ha accompagnato al Casinò qualcuno, ovviamente molto benestante, e che sta aspettando che esca dalle sale dove si gioca. E inoltre la situazione è adatta per fare quàtro ciàcołe. I gondolieri anziani sono sempre stati, per me, una fonte di conoscenza impagabile.

Per creare l’atmosfera, è sempre meglio parlare in dialetto veneziano.

’Séra…” [buonasera]

’Séra…

Còme xe che ‘ndémo…” [come andiamo]

Còme vùsto che ‘ndémo… sémo quà… che spetémo… i paróni no i spèta de sicùro…” [come vuoi che si vada… siamo qua… che aspettiamo… i padroni non aspettano sicuramente…]

Il gondoliere usa il plurale maiestatico o c’è più di una persona in attesa? Uno solo attende e il plurale serve per coinvolgere nella situazione, anche psicologicamente, l’interlocutore (io, in questo caso) e renderlo così un poco meno occasionale.

“El parón el sarà drénto che’l zóga…” [Il padrone sarà dentro che gioca]

Mi risponde che il padroncino è nobile, di ‘casa vecchia’ (da prima della Serrata del Maggior Consiglio, 1297), che è giovane, che è nato servito e riverito senza emozioni, con tutto pianificato. Il suo futuro è stato sempre prevedibile. Le più piccole malattie non ha saputo nemmeno di averle, curato sempre dai migliori dottori e specialisti. La scuola era stata programmata in anticipo e i professori erano i migliori. Nulla lasciato al caso. Il servizio militare in Marina era programmato tra i Cadetti, il matrimonio era pure programmato per questioni di interessi, le feste programmate… emozioni? zero! una noia mortale…. “Par sentìrse vìvo, ghe rèsta el Casinò…. el Casinò el gà ànca el mòto…” [Per sentirsi vivo, gli rimane il Casinò… il Casinò ha pure il motto…] (Un’emozione infinita).

Gli offro una sigaretta. La prende, dicendo che non dovrebbe fumare e aggiunge che sia il Casinò, sia il fatto di sentirsi vivi, riguarda esclusivamente i nobili.

Nuialtri no gavémo bisògno de Casinò… gavémo vùo, gavémo e gavarémo anca màssa ròbe par sentìrse vìvi… małatìe, pérdar el lavóro, tiràr fìn a ła fìne del mése… l’ùnica ràba xe, no par portàr pégoła, sa, xe che i móre ànca i nòbiłi… magàri de ’na mòrte mègio…” [Noialtri non abbiamo bisogno di Casinò… abbiamo avuto, abbiamo ed avremo anche troppe cose per sentirci vivi… malattie, perdere il lavoro, arrivare alla fine del mese… l’unica cosa è, non per portare pece (scalogna), che tu intenda bene, l’unica cosa è che muoiono anche i nobili… magari di una morte migliore…]

Morìr, sarà compàgno par tùti…” [Morire… sarà uguale per tutti…]

Eh, no, càro… ghe xe el Dio dei nòbili e ghe xe el Dio de ła zénte cóme nuiàltri… el Dio dei nòbili ghe gà fàto dei cołòmbi par lòri, dei mèrli par lòri, che i cànta sul giardìn, el Dio dei poaréti el ne gà fàto i oxèi che ne schìta sui vestìti. El Dio dei nòbiłi no’l łàssa che łe ròbe vàda pèzo, el ga da tégnar àlta ła quałità, el ga da seguìr el princìpio che par i nòbiłi tùto gà da ndàr bén…” [C’è il Dio dei nobili e c’è il Dio della gente come noialtri… il Dio dei nobili ha fatto dei piccioni per loro, dei merli per loro, che cantano nel giardino, il Dio dei poveri ha fatto gli uccelli che ci fanno le loro cose sui vestiti. Il Dio dei nobili non lascia che le cose vadano peggio, deve tener alta la qualità, deve seguire il principio che per i nobili tutto deve andare bene…]

In sóma, un Dio neghentròpico, che fa ‘ndar łe ròbe sémpre mègio e sémpre benòn…” [Insomma, un Dio neghentropico, che fa andare le cose sempre meglio e sempre bene…]

El nòstro Dio, invésse, el ghe łàssa fàr a ła natùra: łe ròbe łe pegióra sémpre, sémpre… mài un bocón de gùsto… el se gòde…”  [Il nostro Dio, invece, lascia fare alla natura: le cose peggiorano sempre, sempre… mai un boccone di gusto… si gode…]

“In sóma un Dio entròpico, che pegióra łe ròbe… ma, fórse, godér del màl dei poaréti no xe ‘na roba adàta a Dio….” [Insomma, un Dio entropico, che peggiora le cose… ma, forse, godere del male dei poveri non è una cosa adatta a Dio…]

Gèra óra che ti ła capìssi! No vołéva fàrte paùra…de Dio, da séno, ghe ne xe uno sólo, quéło dei nòbiłi… el nòstro, el gà nàntro nòme… el se ciàma demònio…” [Era ora che tu la capissi! Non volevo farti paura… di Dio, in effetti, ce n’è uno solo, quello dei nobili… il nostro, ha un altro nome… si chiama demonio…]

Annunci

Un pensiero su “Entropia [331]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...