Avarizia [346]

avarizia
Zio Paperone di Walt Disney. Un simpatico prototipo dell’avaro.

Dice il Devoto – Oli: ‘Egoistica avversione allo spendere e al donare; uno dei sette peccati capitali’. Estensione: Eccesso di parsimonia o di risparmio. Molte volte l’avaro è facoltoso ed anche anziano. Per molti anni ha guadagnato, contando sulle sue sole forze e sapendo che nessuno avrebbe pensato a lui ma tuttavia non era avaro, perché pensava, in caso di necessità, di potersi ricostituire una certa agiatezza, con la quale è abituato a convivere.

Ora, in età avanzata, sa che, in caso di contrarietà finanziarie, difficilmente le sue forze attuali gli consentirebbero di ricostruirsi un patrimonio e questo gli genera un senso di insicurezza e fa nascere in lui una parsimonia fors’anche eccessiva. Egli prova terrore all’idea di cadere (o ricadere) nell’indigenza, che molto probabilmente ha sperimentato quando era molto giovane. Da quella condizione ne era emerso faticosamente, contando sulle sue forze giovanili,  che ora sa di non avere più.

I sette peccati capitali sono:

  • L’accidia: una fuga dalla vita e un’apatia completa di fronte alle cose, che vengono viste come ostacoli insormontabili.
  • L’ira.
  • La superbia.
  • La gola.
  • L’invidia.
  • La lussuria.
  • L’avarizia.

Secondo me, forse il più esecrabile è l’invidia e il meno esecrabile è l’avarizia. L’avaro non fa del male a nessuno. Forse non fa la carità ma probabilmente quand’era in forze la faceva. Cerchiamo di avere un po’ di comprensione per l’avaro, a meno che non sia anche ladro o truffatore ma allora questo sarebbe un altro discorso.

Carlo Dickens ha scritto la storia più famosa sull’avarizia, esasperandone le situazioni, nel suo Cantico di Natale che potete leggervi, se non l’avete già fatto.

Salve comunicazioni ultraterrene, l’avaro non conosce la data della sua morte, altrimenti potrebbe programmare le sue spese. 100 milioni, dieci anni di vita, potrebbe spendere dieci milioni all’anno. Ma non conosce la data della sua morte e, anche se la conoscesse, temerebbe degli imprevisti.

Insomma, come dicono gli spagnoli, ‘una persona que se vive pobre para morirse rica’ [Una persona che vive da povera per morirsi ricca].

Come pensa di difendersi da queste accuse l’avaro? Con questi detti:

Co no ghe xe più schèi, càpita el gràn bacàn. [Quando non ci sono più soldi, comincia il gran disastro].

El témpo e l’onór i xe sémpre del siór. [Il tempo e l’onore sono sempre del ricco].

El siór el xe el ràgno, el poaréto ła mósca. [Il ricco è il ragno e il poveraccio è la mosca].

I sióri co’ i vól, i pitòchi co’ i pól. [I ricchi quando vogliono, i miserabili quando possono].

I pitòchi se màssa e i sióri se imbràssa. [I miserabili si uccidono tra loro ed i ricchi si abbracciano tra loro].

Mègio un siór avàro che un poaréto de sèsto. [Meglio un ricco avaro che un povero educato].

L’òmo più brùto el ga le scarsèłe rovèrse. [L’uomo più brutto ha le tasche rovesciate].

Chi che no ghe n’ha, el xe sémpre maltratà. [Chi non n ha (quattrini) è sempre maltrattato].

Chi ga bèssi e prà, el fadìga a éssar picà. [Chi ha soldi e terreni, fatica ad essere impiccato].

Łe ciàve de òro vèrze łe pòrte de fèro. [Le chiavi d’oro aprono le porte di ferro].

Ła ròba scónde ła gòba. [La dovizia nasconde la gobba] (Se uno è ricco, i suoi difetti vengono accettati).

Cantilena: I òmini sénsa bèssi, no pàra gnànca bón… [Gli uomini senza soldi, non fanno nemmeno la loro figura].

Vecchia storiella:

Nane. Còssa dìxeli de nóvo in piàssa… [Cosa dicono di nuovo in piazza].

Toni: Che chi che ghe n’ha, gh’en màgna e che chi che no ghe n’ha, vàrda… [Dicono che chi ha mezzi, mangia e chi non li ha, guarda…]

Nane: Ma quésta, me pàr che ła gavéva zà sentìa da quél póco… [Ma questa, mi sembra che l’avevo già sentita da molto tempo….]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...