Destino [381]

destino
Immagine del destino tratta dal romanzo La Nube di Oort di Ernesto Giorgi © – Qualunque direzione tu prenda, se il tuo destino prevede il sole, lo troverai.

Come spesso facciamo, l’articolo s’inizia con la definizione circa la voce Destino data dall’ottimo vocabolario Devoto – Oli: ’L’insieme imponderabile delle cause che si pensa abbiano determinato (o siano per determinare) gli eventi della vita: il destino è spesso inteso come personificazione di un essere o di una potenza superiore che regola la vita secondo leggi imperscrutabili e immutabili’.    

I sinonimi sono caso, fortuna, sorte, fato, fatalità, stella, avvenire, futuro, meta, destinazione.

La definizione non è proprio semplicissima ma quello che si intuisce è il fatto che può essere applicata o meno a seconda della persona e, per la stessa persona, a seconda dei periodi o dell’umore.

Una teoria piacevole e divertente, anche se ovviamente tutta da dimostrare è quella del déjà vu, che in francese significa ‘già visto’.

Vi sarà capitato di trovarvi in certe situazioni che vi sembra di avere già vissuto. Un classico è la seguente situazione: siete seduti al ristorante, state conversando del più e del meno, quando un bicchiere da un tavolo vicino cade per terra rompendosi in mille pezzi, mentre il cameriere dice al malaccorto cliente che ora ha la faccia avvilita: “Mai paura! Porto subito un altro bicchiere e poi raccogliamo i vetri!”

Di fronte a questa situazione, voi pensate: “Sono al ristorante, il bicchiere si è rotto, il cameriere ha detto niente paura. Io, questa situazione l’ho già vissuta. Adesso son sicuro che suonerà il telefonino e riceverò una brutta notizia.”

In quel momento suona il telefonino e vi dicono che un esame medico da voi fatto recentemente non è andato molto bene.

Ebbene, non ci sono spiegazioni. Quelle scientifiche più accreditate dicono che si tratta di paramnesia, di una forma di mancanza di memoria improvvisa, dove tutto il vostro pensiero viene formulato quando la notizia del brutto esame era già arrivata e che avete la sensazione di non aver cambiato il pensiero, mentre non è così… sarà… il fatto che voi lo abbiate pensato prima, secondo gli scienziati, non è assolutamente possibile. Loro dicono che il trauma stesso della notizia distorcerebbe il vostro ricordo e voi avreste ricostruito il tutto a posteriori, in seguito.

A noi questo discorso interessa perché, secondo delle persone che preferisco non menzionare, il destino in quel momento vi ha mostrato il suo volto: era destino che l’esame andasse male e il destino di solito riesce a nascondere tutto ma ogni tanto, nella sua occultazione, compare qualche breccia, qualcosa scappa, come un lampo, come un lapsus, come una disattenzione del destino stesso. Se fosse così, la realtà sarebbe molto diversa da come la immaginiamo e quello che pensiamo di cambiare non cambia niente perché era così che era già stabilito. Questo sarebbe il déjà vu.

Sta di fatto che, come detto in un precedente articolo, partendo da occidente (segnatamente Portogallo e Spagna dove la gente non è fatalista) ed andando verso oriente (fino in Giappone) la gente è sempre più fatalista e meno determinista, così come andando dal sud al nord la gente è sempre meno individualista e più collettivista. Ogni popolazione è quindi una combinazione di questi fattori ma lo è anche ogni singola persona.

Un disoccupato cercherà, prima di dare la colpa a sé stesso, di dare la colpa al destino mentre se dovesse vincere alla lotteria direbbe che non si tratta di fortuna ma di merito suo perché si è impegnato a giocare sistematicamente la schedina. Diciamo quindi che il destino serve molto per dare la colpa dei nostri insuccessi a qualcun altro.

Il mito classico più emblematico dell’antica Grecia è la storia di Edipo Re, che attraverso una profezia aveva saputo che avrebbe ucciso suo padre e sposato sua madre. Il che, nonostante tutte le precauzioni, avvenne, Vi propongo un riassunto di una pagina per chi non conoscesse il mito. (Fate click qui).

Classicismi:

Neppure gli dèi combattono contro il destino. (Diogene Laerzio, Le vite dei filosofi, I, 77)

Godi del piacere che ti è dato dal destino, sopporta il dolore che ti è dato dal destino, accogli ciò che verrà, così come l’agricoltore fa con le messi. (E chi poteva essere, se non un orientale? Mahabharata, poema epico indiano del secondo o terzo secolo dopo Cristo, III, 15.384)

…che l’uomo il suo destin fugge di rado (Ludovico Ariosto, 1474-1533, Orlando furioso, XVIII, ottava 58)

Che giova nelle fata dar di cozzo? (Dante, Inferno, IX, 97)

Solo in certi momenti gli uomini sono padroni del loro destino. (Shakespeare, 1564 – 1616, Giulio Cesare, I, 2)

Il destino mescola le carte e noi giochiamo (Arthur Schopenhauer, 1788 -1860, Aforismi sulla saggezza del vivere).

Dire destino è bestemmiare. Niente al mondo è destino. (Lessing, filosofo tedesco, 1729 – 1781, Emilia Galotti, IV, 3)

Sempre e soltanto colpa o merito del destino! (Gustave Flaubert, 1821 – 1880, Madame Bovary)

Anche il destino può essere osservato: ha le sue regole. (Novalis, poeta tedesco, 1772 – 1801, Frammenti)

Più si invecchia e più ci si accorge che Sua Maestà il Destino è sempre stato dietro l’angolo ed ha fatto almeno tre quarti del lavoro, in questo miserabile universo. (Federico il Grande, Re di Prussia, 1712 – 1786, in una lettera a Voltaire del 26/12/1773).

Giudico vero che il destino sia arbitro della metà delle azioni nostre ma che lasci a noi il governo dell’altra metà. (N. Machiavelli, 1469 – 1527, Il Principe, XXV, 2)

Il destino è un cortigiano che riserva ai giovani i propri favori. (Carlo V, 1500 – 1558)

Se il destino ti invierà un trionfo e un disastro e li saprai affrontare entrambi, allora sarai un vero uomo. (J. R. Kipling, 1865 – 1936, If)

Come abbiamo detto, le opinioni sono le più diverse. Fatevi le vostre idee…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...