Riflessioni di alcuni veneti 13 [399]

bassano
Bassano: il fiume Brenta – 1964 – Ernesto Giorgi ©

La rivoluzione del popolo. A parole ma, se si vuole la sua riuscita, la stessa va affidata a persone competenti. Ma in quel momento, sarà pronto un organo che decida chi siano i competenti?    

Forse, dovrebbe già essere stato creato da prima col nome ‘Comitato direttivo per designare dirigenti competenti in caso di rivoluzione. Attualmente nullafacente’. Una cosa è sicura: se non fa vivere tutti meglio (e di più), che rivoluzione è?.

Io sono di sinistra e tu sei di destra: ma non era che volevamo stare tutti meglio? Cosa sbaglia la sinistra, a detta della destra e cosa sbaglia la destra, a detta della sinistra? E lo sanno veramente? E poi, sono cose veramente vere o solo pensate? E come mai il politico di sinistra adotta all’occorrenza idee del politico di destra e magari viceversa? E che siano idee vere o che siano invece patacche per arrivare nella stanza dei bottoni?

Quando comoda ai politici, la gente non sa niente (sai, la gente non sempre capisce) e quando comoda ai politici la gente deve sapere tutto. Delle foibe, a livello mass media, non se ne era quasi mai parlato e anche recentemente, in occasione di un anniversario, molti politici hanno fatto finta di niente. Questo per dire che quando tutti credono che i cadaveri nelle foibe non ci siano stati, praticamente è come se i fatti non fossero successi. In Cina, tra il 1959 e il 1962, ci sono stati non meno di 50 milioni di morti per fame: è più vergognoso che sia successo o averlo tenuto nascosto? Comunque, è stato tenuto nascosto a lungo agli stessi cinesi. Ancora oggi in Russia ci sono lavoratori nord-coreani mandati nelle miniere siberiane dal loro regime per pagare i debiti contratti dalla Corea del Nord con l’Unione Sovietica. Tali lavoratori non hanno alcuna colpa e sono stati arraffati a caso dall’esercito nord-coreano. La Russia ha delle colpe? Come concilia questo fatto con l’immagine che sta dando di reagire in Siria a degli abusi terroristici?

Il comunismo è stato una manna del cielo per individui di pochi scrupoli.  Altro che la favola di Biancaneve! Alla favola  del comunismo non ci credono i bambini, che hanno vivissimo il senso della proprietà (è tutto mio): ci crede l’adulto che, resosi conto di non poter possedere tutto, passa dall’infanzia all’età adulta pensando che il popolo debba essere padrone di tutto. Socialismo: il popolo, un po’ alla volta, col tempo, potrebbe diventare padrone di tutto. Comunismo: perché aspettare? vogliamo tutto e subito. Con la violenza. Ora, dato che la rivoluzione deve portare il popolo alla felicità, non posso metterla in mano di chi si è comportato e si comporta da delinquente. Dovrò per forza metterla in mano a gente competente che, di solito, non è ben vista da facinorosi urlanti slogans ridicoli. I competenti saranno assassinati dalla plebaglia, a meno che… non ci sia un dittatore illuminato che maneggi il bastone. La plebaglia vuole questo: essere dominata da un bastonatore che la reprima e lo sa di volere proprio questo. La Repubblica di Venezia ha funzionato così per dieci secoli abbondanti, come l’impero romano. La grande Rivoluzione Francese, benché abbia rappresentato una svolta per l’umanità tutta, è andata a finire nella dittatura napoleonica. Questo è l’esito finale e pregate Dio che il dittatore di turno sia abbastanza illuminato, altrimenti compariranno nuovamente personaggi come Hitler e se qualcuno dice che ciò non si potrà ripetere, pensate alle purghe staliniane, a Pol Pot, pensate a Srebrenica e qui mi fermo.

Solo in presenza di un buon tiranno avranno timore. E quando vi chiederanno perché mai loro siano dei diseredati, non dovreste rispondere ‘perché non siete intelligenti’. Fareste molto peggio. Avrebbero un motivo in più per assassinare tutti coloro che hanno l’intelligenza, odiando la sorte (il fato? il destino? Dio?) che, a loro, l’intelligenza non ha nemmeno pensato di darla. E sanno di avere una vita sola e sanno che una Ferrari non potranno averla mai e sanno di essere in una catena di montaggio che costruisce piccoli pezzi per le Ferrari, ma non sanno bene nemmeno le funzionalità di questi pezzetti, ovvero a cosa servano. Onestamente, sono bravissimi a resistere, in queste condizioni e in questo tipo di società. Nei fatti, il comunismo mette un burocrate o un politico al posto dell’industriale pre-esistente. Alla faccia di ogni considerazione morale, in Unione Sovietica non hanno trovato di meglio che dare le miniere di pecblenda (per estrarre l’argento) in gestione ad una notissima famiglia americana, usando operai sovietici, mentre la famiglia americana pagava i buro-politici sovietici. Popolo bue.

Il modello attuale: tutti i paesi, per essere considerati di successo, dovrebbero esportare di più di quanto importino. Ma come è possibile? Questa è la più grande stupidaggine pensabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...