Coriandoli 4 [402]

coriandoli
Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Vardé de no dàrghe schèi ai partìti de nissùna manièra. I xe pèxo déi péxo. Hìtler le gà sbagliàe tùte, fóra che ùna: el ga cavà i partìti.” (Gìgio Imbrànsi, saggio gondoliere).      

 [Guardate di non dare soldi ai partiti in nessun modo. Loro, sono peggio dei peggiori. Hitler le ha sbagliate tutte, tranne una: ha tolto di circolazione i partiti].

Quél che’l dìxe el contadìn, va bén… e quel che’l dixe l’operàio, no: el contadìn, se’l sbàlia, el pàga col sóo, l’operàio, se’l sbàlia, pàga che’àltri.” (Fioravanti Pinése, vecchio saggio contadino). [Quello che dice il contadino (proprietario), va bene… e quel che dice l’operaio, no: il contadino, se sbaglia, paga di tasca propria, l’operaio, se sbaglia, pagano gli altri].

’Sa dìxii de nòvo fòra in piàθa…” “De nòvo, gnént… come al témp de Màrco Càco: chi che ghe n’ha, gh’en màgna e chi che no ghen’ha, vàrda.” (Vecchio detto della Sinistra Piave). [Cosa dicono mai di nuovo fuori in piazza? Di nuovo, niente… come ai tempi di Marco Caco (cioè, da sempre): chi ne ha (di mezzi), ne mangia e chi non ne ha, guarda].

“La televisione è come un microscopio: ti fa vedere una pulce come se fosse un elefante, ovvero, ti fa vedere cose lontanissime come se fossero disgrazie tue. Co tùto quéło che sucéde a Venèssia, me pararìa che ghe n’avéssimo bastànsa.” (XY, ex-sindaco di Venezia) [Con tutto quello che succede a Venezia, mi sembrerebbe che ne avessimo a sufficienza (su cui riflettere)].

I dotóri i te guarìsse un brùfoło su ła tèsta ma dòpo, magàri spèta un àno, el te tórna. Se no i te guarìsse par sémpre el brùfoło su ła tèsta, figùrite se i sa guarìrte tùta ła tèsta.” (Vecchio detto veneziano per dire che i matti sono irrecuperabili) [I dottori ti guariscono un foruncolo sulla testa ma dopo, magari attendendo anche un anno, ti ritorna. Se non ti guariscono per sempre il foruncolo sulla testa, figurati se sanno guarirti tutta la testa].

Prima el pòpoło dei sióri: no xe posìbiłe, parchè i sióri i sarìa al pósto del pòpoło e’l pòpoło al pósto dei sióri. Quéłi che dìxe ‘ste ròbe i se desméntega che tanti sióri i gèra pòpoło ma i gèra ànca svégi. Ma chi xélo el càpo-pòpoło che ga coràgio de dìr ‘na ròba del gènere… pensé invésse a far del ben a chi che ga bisògno.” (Monsignor Manzoni, parroco di San Giovanni in Bràgora, Castello, Venezia, in una predica sul socialismo, predica che fece enorme scalpore) [Prima il popolo dei signori: non è possibile, perché i signori sarebbero al posto del popolo e il popolo al posto dei signori. Quelli che dicono queste cose si dimenticano che tanti signori erano popolo ma erano anche svegli. Ma chi è il capo-popolo che ha coraggio di dire una cosa del genere… pensate invece a far del bene a chi ne ha bisogno].

“La gente ascolta discorsi semplicissimi a patto che si imprimano facilmente nei cervelli e in modo esauriente. Ciò costituisce la base per la verità distorta del popolo. Una volta afferrati i concetti, non li mollano più perché non succede loro spesso, anche perché gli intellettuali, in genere, fanno di tutto per lasciarli nell’ignoranza e mantenere le distanze. Il popolo non ama le probabilità ma la certezza. Credono all’oroscopo perché le probabilità ne sono escluse. Prima che il popolo s’interessi alla Teoria della Relatività, la specie umana sarà un’altra specie e comunque potrà succedere non prima di  centinaia di migliaia di anni.” (Gaetano Corvaja, siciliano, docente di Matematica e Scienze Applicate).

“Nei grafici di borsa si leggono gli aspetti psicologici degli esseri umani; e nell’ordine d’importanza: paura, ingordigia, ignoranza e incapacità di vedere tutto ciò che potrebbe smentire i propri pregiudizi. Così è stato e così sarà.” (Gaetano Corvaja, siciliano, docente di Matematica e Scienze Applicate).

“Bisogna costruire le gomme americane per gli uomini che le richiedono e non costruire (con la pubblicità) gli uomini che vogliono le gomme americane.” (Adriano Olivetti, costruttore nel 1962 del P101, primo computer da tavolo, industriale conosciutissimo e boicottato, seguace di Rudolph Steiner).

Per i tedeschi, la Germania era uno sbarramento contro la Russia. Per gli europei, la Russia era uno sbarramento contro l’Asia. (Antoine de Saint-Exupéry, 1930 circa) Nota bene: gli sbarramenti oggi sono affatto diversi e questo sarebbe l’unico grande cambiamento…

No xe véro che el sindacàto  fa quéło che vól ła zénte. La zénte vorìa star chièta e łavoràr in pàxe. No i conósse Marx ma gnànca i sindacàti i sa quéło che i dìxe. E te spiégo sùbito: se tùte łe fàbriche fùsse coperatìve, łe ròbe, ‘ndarìssie mègio? No… e’l rèsto, łe xe ciàcołe… ” (Màrio del làte, fiłòsofo sénsa professóri (autodidatta)) [Non è vero che il sindacato fa quello che vuole la gente. La gente vorrebbe stare tranquilla e lavorare in pace. La gente non conosce Marx ma nemmeno i sindacati sanno quello che dicono. E te lo spiego subito: se tutte le fabbriche fossero delle cooperative, pensi che le cose andrebbero meglio? No… e il resto, sono chiacchiere]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...