Coriandoli 5 [403]

coriandoli5
Carnevale di Venezia – Fotomontaggio coriandoli -Strada Nova – Maschere – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Toni: “Xe giùsto che mi viva su ‘na stambèrga e che un siór el gàbia diése càse?” [Giusto che io viva in una stamberga e che un ricco abbia dieci case?]    

Nane: “Se gavémo da ciapàr cóme misùra l’ugualiànsa, no xe giùsto; se invésse ciapémo come misùra ła bravùra, pól ‘nca dàrse che sìa giùsto. Se vardémo el passà, se tróva sémpre cóme giùsta quéła che a ti ‘dèsso te par na ingiustìssia. Ghe xe stà àni che paréva giùstissimo avér ànca s’ciàvi. ‘Dèsso, no pararìa giùsto.” [Se dobbiamo prendere come misura l’uguaglianza, non è giusto; se invece prendiamo come misura la bravura, può anche darsi che sia giusto. Se guardiamo il passato, si trova sempre come giusta quella che a te adesso sembra un’ingiustizia. Ci sono stati anni in cui pareva giustissimo avere anche degli schiavi. Il che, adesso, non sembrerebbe giusto.]

Toni: “Ma i siòri i sfrùta i poaréti… el futùro el sarà difarénte…” [Ma i ricchi sfruttano i poveracci… il futuro sarà differente…]

Nane: “So conténto che ti sàppi còssa che sarà in futùro. Bón par ti. Tànti xe deventài sióri łavoràndo onestaménte e tànti robàndo. Ti ga ła manìa de giudicàr par ‘na ròba sóła: i schèi… bisògna savèr ànca cóme che i xe stài fàti, stì schèi…” [Sono contento che tu sappia cosa sarà in futuro. Buon per te. Tanti sono diventati ricchi lavorando onestamente e tanti rubando. Hai la mania di giudicare per una cosa sola: i soldi… bisogna sapere  anche come sono stati fatti, questi soldi…]

Toni: “Domàn se vedémo un pòchi de nuiàltri pròpio par parlàr de giustìssia…” [Domani ci vediamo in un pochi di noi proprio per parlare di giustizia…]

Nane: “Sènsa idée ciàre, sènsa savér che scòpo che gàbia i discórsi, tùti che sìga, tùti  che se sfóga de łe so frustrassión, ła giustìssia, tùti che dìxe monàe, cóme a San Sèrvoło… e se tórna a càsa cóme prìma… [Senza idee chiare, senza sapere che scopo abbiano i discorsi, tutti che gridano, tutti che si sfogano delle loro frustrazioni, la gustizia, tutti che dicono stupidaggini, come a San Servolo (manicomio)… e si ritorna a casa come prima…]

Toni: “Secóndo ti, còssa bisògna far…” [Secondo te, cosa bisogna fare…]

Nane: “Cavàrghe i schèi a chi che ga robà, se’l xe siòr e ànca se’l xe poaréto.” [Togliere i soldi a chi ha rubato, se è ricco ed anche se è povero.]

Toni: “Co ‘sta crìsi, me xe passà ‘nca ła fède in Dio…” [Con questa crisi, mi è passata anche la fede in Dio…]

Nane: “Par ‘ste ròbe qua! Se Dio esìste o no, no lo sa nissùni ma almànco fa fìnta, móstra de crédar: tùti i te giudicarà mègio e tùti te vorà più bén. Chi che crède in Dio ga calcòssa de Dio.” [Per queste cose! Se Dio esiste o no, non lo sa nessuno ma almeno fa finta, mostra di credere: tutti ti giudicheranno meglio e tutti ti vorranno più bene. Chi crede in Dio ha qualcosa di Dio].

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...