Marco e Todaro 11 [407]

marcoTodaro.Jpg(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 10). Todaro: “Màrco, go vògia de farte ‘na domànda difìssiłe… Venèssia, ła so civiltà… no so’ bón de dir in strùco còssa che sìa ‘na civiltà… dàme ‘na man… dìme ła to idèa…”     

[Marco, ho voglia di farti una domanda difficile… Venezia, la sua civiltà… non son capace di dire in due parole cosa sia una civiltà… dammi una mano… dimmi la tua idea…]

Marco: “Se va par tentatìvi. Co xe scominsià Venèssia, ghe gèra règołe che ‘ndàva bén e che no ‘ndàva ben, par i vennessiàni, par i nòbiłi, par i forèsti. E ‘łòra, càmbia quèsto, càmbia quéło… dòpo, i comèrci che co sèrte règołe i ‘ndava e no i ‘ndàva e ‘łóra càmbia… dopo, ła difèsa de Venèssia, łe tàsse, i divertiménti e càmbia…finché, finalménte, par un bèl tòco no se ga più cambià łe ròbe importànti, ‘ndàva tùto bastànsa bén… quéła gèra Venessia ma la civiltà no xe soło quéło, xe ànca far in mòdo da mantégnar ‘sto insième de ròbe, par i fiói e par i nevódi dei fiòi… se càmbiasse tùto, no ła sarìa più Venessia, no ghe sarìa più łe tradissión e sénsa łe tradissión no ghe sarìa più aniversàri, ricorénse, feste, ła zénte no sarìa più venessiàna ma calcòssa altro. No ghe sarìa più stòrie da contàrghe ai fiói…”  [Si va per tentativi. Quando s’è iniziata Venezia, c’erano regole che andavano bene e che non andavano bene, per i veneziani, per i nobili, per gli stranieri. E allora, cambia questo, cambia quello… dopo, i commerci che con certe regole andavano e non andavano e allora cambia… dopo, la difesa di Venezia, le tasse, i divertimenti e cambia… finché, finalmente, per un bel pezzo non si sono più cambiate le cose importanti, andava tutto abbastanza bene… quella era Venezia ma la civiltà non è solo quello, è anche far in modo di mantenere questo insieme di cose, per i figli e per i nipoti dei figli… se cambiasse tutto, non sarebbe più Venezia, non ci sarebbero più le tradizioni e senza le tradizioni non ci sarebbero più anniversari, ricorrenze, feste, il popolo non sarebbe più veneziano ma qualcos’altro. Non ci sarebbero più storie da raccontare ai ragazzi…].

Todaro: “Gràssie… da quàndo che ti e mi sémo qua, dal 1178, sarà stà fàssiłe parché a partìr dal 1297 gà comandà i nòbiłi de càsa vècia ma prìma, par sentenèri de  ani de véra democrassìa, chi sa che barùfe…” [Grazie… da quando tu ed io siamo qua, dal 1178 (doge Sebastiano Zani, opera di Nicolò Barattiero), sarà stato facile perché a partire dal 1297 hanno comandato i nobili di casa vecchia (Serrata del Maggior Consiglio, dove fu deciso unilateralmente che il comando della Serenissima fosse riservato per sempre alle vecchie famiglie del momento, che da allora divennero nobili) ma prima, per centinaia di anni (452 d.C., Attila, primo doge l’opitergino Paolucio Anafesto,697-717) di vera democrazia, chissà che discussioni…]

Marco: “Co ghe xe discussión, nissùn riésse a ‘vér razón parché i àltri no i vól pèrdar notabiłità e cussì ła devénta barùfa. Quàndo che tùti vol ‘vér razón, parché ògni ùno pàrte da ‘na idèa divèrsa e nissùn vol réndarse, parché ogni sistèma ga el so parché, parché su ‘sti argoménti no exìste verità assołùte,  ‘łóra sóło se ghe xe uno col łégno, quéło el combìna calcòssa. Se a Venèssia xe stà fàto tùto in democrassìa, vol dìr che par sentenèri de àni tùti i venessiàni ghe mołàva un pònto, sercàndo de trovàr na vìa de mèzo par incontentàr tùti. Quèsta xe stàda ła fòrsa grànda dei venessiàni par costruìr ‘na civiltà. A partìr dal 1297, xe rivà quéłi col légno e cussì xe scominsià ła fìne, che ła ga durà sinquecento àni giùsti, fin al 1797. Sinquesénto de democrassìa par far e sinquesénto de signorìa par desfàr…” [Quando c’è una discussione, nessuno riesce ad aver ragione perché gli altri non vogliono perdere prestigio e così diventa baruffa. Quando tutti vogliono aver ragione, perché ognuno parte con un’idea diversa e nessuno vuole arrendersi, perché ogni sistema ha il suo perché, perché su questi argomenti non esistono verità assolute, allora solo se c’è uno col legno, quello combina qualcosa. Se a Venezia è stato fatto tutto in democrazia, ciò significa che per centinaia di anni tutti i veneziani concedevano qualcosa all’opinione altrui, cercando di trovare una via di mezzo per accontentare tutti. Questa è stata la grande forza dei veneziani per costruire una civiltà. A partire dal 1297, sono arrivati quelli col legno è così s’iniziò la fine, che è durata cinquecento anni giusti, fino al 1797. Cinquecento di democrazia per fare e cinquecento di signoria per disfare].

Annunci

1 commento su “Marco e Todaro 11 [407]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...