Il gondoliere 2 [413]

IMPRESSIONISMO
Gondole in Piazza San Marco a Venezia – Effetto quadro impressionista – 1982 – Ernesto Giorgi ©

Il gondoliere G diceva: “No ocóre dàrse da far: bàsta spetàr. Co’ rìva ł’ocasión, ła rìva, ła rìva sémpre ma ła rìva ‘na vòlta sóła, dó al màssimo. Xe cóme ciapàr el trèno in córsa. Se ti pèrdi el trèno, i xe dołóri. Ti pól éssar el più bràvo del móndo: se no  rìva l’ocasión, no se combìna gnénte. Ti ga da ‘vér in tèsta dó o tre ròbe e spetàr che ghe ne rìva ùna.”   

[Non occorre darsi da fare: basta attendere. Quando arriva l’occasione, arriva, arriva sempre ma arriva una volta sola, due al massimo. Come prendere un treno in corsa. Se perdi il treno, sono dolori. Puoi essere il più bravo del mondo: se non arriva l’occasione, non si combina niente. Devi avere in testa due o tre cose e aspettare che ne arrivi una].

G: “Ti védi i todéschi: bisógna ‘vér paùra de lóri. Ricòrdete che a łóri ghe piàxe ła guèra, ghe piàxe morìr: a nuiàltri, ne piàxe vìvar. Mi sò bén tànte lìngue par lavóro, ànca el todésco. Co pàrlo todésco me par da éssar in trincéa, co pàrlo italiàn o spagnòło ła trincéa sparìsse, se sènte l’ària frésca. Bisognarìa decìdar chi che xe mègio… el linguàgio el dipénde da ła fiłosofìa che se ga de ła vìta.” [Vedi i tedeschi: devi aver paura di loro. Ricordati che a loro piace la guerra, a loro piace morire: a noi piace vivere. Io conosco bene tante lingue per il mio lavoro, anche il tedesco. Quando parlo tedesco mi sembra di essere in trincea, quando parlo italiano o spagnolo la trincea sparisce, si sente l’aria fresca. Bisognerebbe decidere chi sia meglio… il linguaggio dipende dalla filosofia che si ha della vita].

G: “A un bòcia in mèzo ai pìe, un cónto xe dìrghe ‘va vìa’, che fórse gnànca el te scółta e un cónto xe dìrghe ‘ràus!’, che’l te scółta par fòrsa parché el ciàpa paùra. Hitler ga funsionà mègio de Mussołìni parchè i todèschi i ga tùti ła guèra sóto el cussìn.” [A un bambino in mezzo ai piedi, un conto è dirgli ‘vai via’, che forse nemmeno ti ascolta e un conto è dire ‘raus!’, che ti ascolta per forza perché prende paura. Hitler ha funzionato meglio di Mussolini perché i tedeschi hanno tutti la guerra sotto il cuscino].

G: “I todéschi dìxe che l’italiàn no mantién ła paròla: tànte vòlte mantégnar ła paróła vól dìr morìr; a łóri ghe piàxe e a nuiàltri no. Nuiàltri fémo fadìga a ‘ndàr in fèrie in Germània: co tùti i difèti che i ne tróva, i xe sémpre in fèrie qua e no sołaménte che pa’l sól, anca par magnàr. Co i xe in fèrie, ghe piàxe ła vìta, vorà dìr che nuiàltri xe cóme che se fùsse sémpre in fèrie. Co i gavarà fàto guèra a tùti, co i gavarà copà tùti, no ghe restarà àltro che coparse tra de łóri. Se no fùsse sta par tùti i mòrti, me gavarìa piàsso védar Hitler fin dóve che’l gavarìa ‘vùo el coràgio de rivàr.” [I tedeschi dicono che l’italiano non mantiene la parola: tante volte mantenere la parola vuol dire morire; a loro piace (morire) e a noi no. Noi facciamo fatica ad andare in ferie in Germania: con tutti i difetti che ci trovano, sono sempre in ferie qui da noi e non solamente per il sole, anche per mangiare. Quando loro sono in ferie, a loro piace la vita, vorrà dire che noi è come che fossimo sempre in ferie. Quando avranno fatto guerra a tutti, quando avranno ammazzato tutti, non resterà loro che uccidersi a vicenda. Se non fosse stato per tutti i morti, mi sarebbe piaciuto vedere Hitler fin dove avrebbe avuto il coraggio di arrivare].

G: “’Scółta, ła cativèria no xe che a łóri ghe piàxa morìr, i xe afàri sùi: ła cativèria xe che i vorìa che anca nuiàltri se faxésse cóme łóri… parché łóri i ga da insegnàr… parchè el più fòrte ga raxón ma łe guère i łe ga pèrse, figurémose se i gavésse vìnto.” [Ascolta, la cattiveria non è che a loro piaccia morire, sono affari loro: la cattiveria è che vorrebbero che anche noi si facesse come loro… perché loro hanno di che insegnare… perché il più forte ha ragione ma le guerre le hanno perse, figuriamoci se avessero vinto].

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...